L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 24 aprile 2012

I popoli del sud lottano contro il capitale predatorio di risorse. Le guerre sono parti integranti della spoliazione

Cristina Kirchner
l'Argentina ha fatto un grande passo in avanti.
Con uno due ha steso al tappeto il capitale che voleva continuargli a succhiargli il sangue. Come un vampiro appena capisce la debolezza di un avversario si attacca alle carotidi e non molla più finche la vittima non è dissanguata.
Prima ci aveva provato il Fmi a propinargli la solita minestra fatta di tagli alla spesa pubblica, vendita dei gioielli di famiglia, disoccupazione. Politiche recessive.
Poi i soliti Oligopoli internazionali che sfruttano i beni finiti di un territorio, di un popolo, di una Nazione per fare profitti e lasciare quei popoli, quelle comunità prive del fabbisogno elementare costringendo ad importare gli stessi prodotti che su cui gli Oligopoli fanno soldi.
Un flash, grande è stato il tripudio dei giornalisti argentini che ascoltavano la Premier che annunciava la nazionalizzazione.
Con questo evento il pendolo si è decisamente spostato, l'esempio potrebbe essere seguito.
Il Capitale reagirà violentemente.
martelun

Nessun commento:

Posta un commento