L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 27 settembre 2014

Commissione europea, tutti gli uomini di qualsiasi istituzioni devono essere al di sopra di qualsiasi sospetta

In una lettera al prossimo presidente della Commissione, i Verdi denunciano conflitti di interesse

Clima, energia e petrolio: troppi interessi per il commissario Cañete?

  • Lo spagnolo Cañete, delegato da Juncker per clima ed energia si è disfatto delle azioni di due compagnie petrolifere, ma i parenti continuano a sedere nei cda

  • Clima energia e petrolio troppi interessi per il commissario Cañete.(Rinnovabili.it) – Il futuro commissario europeo con delega ad energia e clima, lo spagnolo Miguel Arias Cañete, non ha fornito prove sufficienti a rimuovere le preoccupazioni circa i suoi conflitti di interesse con l’industria del petrolio. È quello che il gruppo dei Verdi europei ha scritto in una lettera al neoeletto presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. I due presidenti, Philippe Lamberts e Rebecca Harms, hanno calcato la penna: «Oltre alla sua evidente inclinazione sessista, la candidatura del signor Cañete ha sollevato una moltitudine di conflitti di interesse», scrivono.

    I deputati evidenziano uno stato di cose piuttosto difficile da contraddire: il prossimo commissario, infatti, dovrà occuparsi di cambiamenti climatici e politiche energetiche avendo tenuto in mano, fino al 18 settembre, le azioni di due compagnie petrolifere: Petrolifera Ducar e Petrologis Canaris. D’accordo, Cañete ha venduto quei titoli, sostenendo di aver così “pulito la fedina”. Ma rimane un dubbio: come farà ad agire senza condizionamenti se moglie, figlio e cognato – quando non siedono direttamente nei consigli di amministrazione – sono azionisti delle stesse compagnie?

    Ma la lettera dei Verdi va oltre. Non solo non si può mettere una pietra sopra ai legami fra il commissario e le trivelle, ma sembra che ci sia dell’altro. I suoi interessi familiari e personali pare siano stati in parte nascosti, attraverso meccanismi di evasione fiscale. La stampa spagnola, inoltre, ha indagato sulle attività della moglie, proprietaria di terreni con interessi nell’allevamento di tori. Come tale, ha potuto beneficiare di sussidi CAP, denaro che l’Ue ha stanziato per sostenere l’agribusiness. È probabile, secondo i Verdi, che la strenua lotta di Cañete nel 1996 a favore di quel meccanismo di sostegno economico non provenisse da una visione politica di un futuro bucolico. La signora, sempre  stando alla patria stampa, nel 2002 è stata indagata perché si ipotizzava avesse realizzato profitti grazie ad informazioni sensibili ottenute tramite il marito, all’epoca ministro dell’Agricoltura.

    Nessun commento:

    Posta un commento