L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 11 febbraio 2015

il sintomo della voglia di appropriarsi di tutto il metano del Mediterraneo orientale

FCA punta sempre più su Israele e sul gas naturale
di Alessandro Mancuso - feb 11, 2015
 FCA
ADVERTISEMENT
Il Gruppo FCA e l’israeliana FCI, siglata una nuova partnership per la creazione e lo sviluppo di veicoli a gas naturale.
Fiat, Chrysler, Iveco e Magneti Marelli sono infatti le firmatarie di una intesa non vincolante con l’israeliana Israel Fuel Choices Initiatives (FCI) per quanto riguarda lo sviluppo di nuove tecnologie e di veicoli che utilizzano gas naturale.
È stato lo stesso Gruppo italo-americano a renderlo noto attraverso un comunicato ufficiale, nel quale si mette in risalto la cooperazione di ricerca e sviluppo con aziende israeliane attive nel comparto dei combustibili alternativi.
Ricordiamo che il Gruppo FCA, insieme ad Iveco, da tempo ormai sono attive nello sviluppo e nella produzione di veicoli alimentati da gas naturale, basandosi sulle avanzate tecnologie sviluppate dalla Magneti Marelli.
Grazie al nuovo programma FCI, gestito proprio dal premier del governo d’Israele, si punta a ridurre la dipendenza di consumo dell’economia mondiale dal petrolio, e pertanto si apre ad una cooperazione tra FCA e imprese israeliane per lo sviluppo di combustibili alternativi.
L’obiettivo del programma è infatti di incrementare l’uso delle tecnologie che si basano su carburanti alternativi e raggiungere entro il 2020 una molto più elevata percentuale di veicoli alimentati con tale tipologia di combustibile nel paese di Israele.
Il gruppo FCA e Sergio Marchionne pertanto sempre più aperti a nuove sfide ed interessanti partnership internazionali.


Fine modulo


Fine modulo


Nessun commento:

Posta un commento