L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 27 aprile 2015

ebrei, senza pudore continuano ad uccidere, Circo Mediatico complice

I jet dell'aeronautica israeliana hanno bombardato presunti depositi di armi di Hezbollah e dell'esercito di Damasco in territorio siriano. Lo riporta la tv satellitare al-Jazeera, secondo la quale il nuovo raid si è svolto poco prima dell'alba nella regione del Qalamoun, sul confine con il Libano. Secondo l'emittente del Qatar, il raid ha fatto morti e feriti in numero per ora imprecisato.
Anche la tv al-Arabiya parla del raid, affermando che l'obiettivo era una postazione militare della 155esima Brigata delle Forze armate siriane, che secondo Israele avrebbe avuto un ruolo chiave in passato per la consegna di missili Scud a Hezbollah da parte del regime di Bashar al-Assad.
Il nuovo raid arriva dopo quello di ieri, quando i jet israeliani hanno ucciso quattro persone che erano entrate in Israele dalla Siria e avevano piazzato ordigni esplosivi vicino a una postazione abbandonata dell'esercito nel nord delle Alture del Golan. Sabato, al-Jazeera ha riferito di un altro raid israeliano contro una base militare in Siria, sul confine con il Libano, nella quale erano nascosti missili a lungo raggio.

 http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2015/04/27/siria-nuovo-raid-israele-contro-base-dell-esercito-hezbollah_VnOrgaYk3jray4LWboiVLI.html

Nessun commento:

Posta un commento