L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 29 aprile 2015

La corruzione è parte integrante di questi politici, di questa politica

Appalti pilotati:24 indagati in Sardegna

Fra loro sindaci, responsabili uffici tecnici e professionisti

(ANSA) - ORISTANO, 28 APR - Un sistema corruttivo scientifico studiato su misura per le realtà dei piccoli e piccolissimi comuni della Sardegna centrale ma esportato con successo anche nel Sulcis Iglesiente e nell'hinterland cagliaritano: è quello svelato dall'inchiesta della Procura di Oristano che stamattina ha portato all'arresto di cinque sindaci, due vicesindaci e di altre 14 persone tra amministratori pubblici, dirigenti di uffici tecnici e progettisti e all'obbligo di dimora per altri tre professionisti. Complessivamente gli indagati sono una sessantina. Per il momento, le accuse contestate sono quelle di associazione per delinquere finalizzata all'assegnazione di incarichi di progettazione, servizi di ingegneria e di consulenza tecnica legati alla realizzazione di opere pubbliche, turbativa d'asta e corruzione. Tuttavia il procuratore Andrea Padalino Morichini e il sostituto titolare dell'inchiesta, Armando Mammone, non escludono che possa essere contestata l'aggravante dello stampo mafioso dell'associazione. In carcere sono finite dieci persone. In cima alla lista il presunto capo della 'cupola', l'ingegnere Salvatore Paolo Pinna, 62 anni, di Desulo (Nuoro), amministratore della società a responsabilità limitata Essepi Engineering, indicata dagli inquirenti come il fulcro attorno al quale ruotava tutto il sistema corruttivo. In cella anche per i sindaci di Tonara (Nuoro) Pierapaolo Sau, 35 anni, di Belvì (Nuoro) Rinaldo Arangino, 43, e di San Giovanni Suergiu (Carbonia Iglesias) Federico Palmas, 41, e altre sei persone. Solo, invece, agli arresti domiciliari i sindaci di Ortueri (Nuoro) Salvatore Casula, e di Villasalto (Cagliari) Leonardo Usai, più altri sette indagati. Nel sistema corruttivo sgominato dall'inchiesta della magistratura oristanese le tangenti non si pagavano con denaro contante o bustarelle, ma con un sistema di scambio di incarichi professionali. Amministratori e dirigenti degli uffici tecnici comunali pilotavano l'assegnazione a professionisti che ruotavano attorno allo studio della Essepi Engineering e di un'altra società, la Edilogica srl, che faceva capo a un professionista di Irgoli (Nuoro), Francesco Chessa, 56 anni. In cambio, sindaci e dirigenti degli uffici tecnici, essendo alcuni di loro anche progettisti, ricevevano assegnazioni di incarichi di progettazione in altri comuni o quantomeno, nel caso degli amministratori, avevano un ritorno in termini di consenso da parte della comunità per le opere pubbliche realizzate. L'inchiesta, condotta dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Oristano e dalla Compagnia dei Carabinieri di Tonara (Nuoro), era partita nel mese di novembre del 2013 grazie a una segnalazione anonima relativa all'assegnazione dell'incarico per la progettazione di alcuni lavori nel centro storico di Aritzo (Nuoro) e ha poi riguardato altri 43 appalti, per un valore complessivo di circa 850 mila euro in poco più di un anno, mentre il valore degli incarichi assegnati a titolo di tangente è stato calcolato dalle Fiamme Gialle in circa 350 mila euro. L'ultimo appalto finito nel mirino degli inquirenti è del mese di marzo, quando l'inchiesta era ormai in dirittura d'arrivo. Gli arrestati infatti non sospettavano niente, perché l'indagine è stata condotta quasi esclusivamente con intercettazioni telefoniche e ricerche su delibere di Giunta e determine dei dirigenti pubblicate sui siti istituzionali delle stazioni appaltanti coinvolte: sette comuni in provincia di Nuoro, tre nelle province di Cagliari e Carbonia Iglesias più il Gal Distretto rurale Barbagia, Mandrolisai, Gennargentu, Supramonte e il Consorzio di Bonifica del Cixerri (Iglesias). Nel corso delle indagini è emersa anche la posizione di almeno due dirigenti di uffici tecnici comunali che avevano provato a opporsi a questo sistema corruttivo e per questo erano stati oggetto, secondo l'accusa, di vere e proprie minacce di licenziamento. (ANSA).

http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2015/04/28/appalti-pilotati24-indagati-in-sardegna_fd77f028-5f40-4431-a0d7-2a6dcadac391.html 

Nessun commento:

Posta un commento