L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 26 agosto 2015

il bamboccione al governo, è contestato all'Aquila, a Pesaro e fuori dal Meeting

Matteo Renzi contestato a L'Aquila. Annullata la prima tappa. Momenti di tensione tra attivisti e polizia

Pubblicato:

Annullata la prima tappa a L'Aquila del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Lo ha riferito il consigliere regionale del Pd, Pierpaolo Pietrucci. Prima dell'arrivo del premier momenti di tensione tra forze polizia e manifestanti. L'appuntamento era alla nuova sede del Comune. Scontri anche vicino alla sede della seconda tappa.
Studenti e comitati si erano riuniti alla Fontana luminosa, di fronte alla Villa Comunale, dove era previsto l'arrivo del presidente del Consiglio.
Quando hanno tentato di avvicinarsi si è creato qualche momento di contrasto e la polizia si è schierata per impedire il passaggio. Alcuni manifestanti erano riusciti ad arrivare fin sotto il municipio, dove era prevista una riunione tra le istituzioni locali e il premier. La polizia è poi riuscita ad allontanare il gruppetto di contestatori e poco prima delle 17 alcune decine di esponenti di comitati locali sono stati tenuti a distanza da un cordone di polizia a circa 300 metri dalla sede del comune. I manifestanti espongono striscioni e cartelli e sono stati accesi alcuni fumogeni.
Contestazioni a L'Aquila
Contestazioni a Pesaro
Contestazioni a Rimini

Risultati immagini per matteo Renzi contestato a rimini, all'aquila e a pesaro


Nessun commento:

Posta un commento