L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 8 settembre 2015

Mobilità Sostenibile, eliminare il trasporto su ferro escluso l'alta velocità questo vuole il corrotto Pd in tutte le sue articolazioni

MOBILITA' Ferrovia ex Fcu in Umbria: "Cronaca di una morte annunciata"

I sindacali hanno chiesto un incontro urgente all'Assessore regionale Chianella, a Umbria Tpl e Mobilità (gestore dell'infrastruttura ferroviaria) e a Umbria Mobilità Esercizio/Busitalia (gestore del trasporto) per capire come salvare il servizio

Bnc 7 Settembre 2011
Le Segreterie Regionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, Faisa-Cisal e Fna-Ugl, con riferimento alla recente notizia della chiusura del tratto di linea ferroviaria compreso tra Città di Castello e Umbertide, ritengono che ciò rappresenta la triste cronaca di una morte annunciata.
Infatti, in questi ultimi anni, le Organizzazioni Sindacaliavevano denunciato ripetutamente lo stato “disastroso” della linea ferroviaria ex FCU, sollecitando i soggetti responsabili (la regione Umbria, la Società FCU prima e la Società Umbria Tpl e Mobilità poi) ad effettuare gli interventi necessari per scongiurare quanto accaduto in questi ultimi mesi, e cioè la chiusura della galleria di Poggio Azzuano (San Gemini), il rallentamento della linea nel tratto nord e, infine, la chiusura del tratto in questione.
"E’ evidente - hanno scritto in una nota - che, in assenza di un massiccio piano di manutenzione straordinaria si rischia la chiusura di ulteriori tratti della linea ferroviaria, cosa che la renderebbe di fatto inutilizzabile, comportando la ulteriore perdita di passeggeri. Non effettuare gli interventi necessari sulla linea ferroviaria significa compromettere significativamente la futura attuazione del Piano Regionale dei Trasporti in via di approvazione.A meno che, dubbio più che legittimo, non ci sia, da parte delle istituzioni, un ripensamento rispetto alle linee strategiche del piano, tale da favorire la scelta dell’autobus rispetto a quella del treno.
I sindacali hanno chiesto un incontro urgente all’Assessore regionale Chianella, a Umbria Tpl e Mobilità (gestore dell’infrastruttura ferroviaria) e a Umbria Mobilità Esercizio/Busitalia (gestore del trasporto), al fine di fugare ogni dubbio circa possibili scelte “politiche” riguardanti "la graduale dismissione del trasporto ferroviario, e di verificare gli impegni circa la realizzazione degli interventi necessari, con l’obiettivo di garantire agli utenti livelli di servizio degni di questo nome, di garantire i necessari standard di sicurezza della circolazione dei treni, e, infine, di garantire gli attuali livelli occupazionali degli addetti". In caso di mancato accordo scatteranno scioperi e proteste.

Nessun commento:

Posta un commento