L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 25 settembre 2015

Muos, Consiglio di Giustizia Amministrativa tradisce i principi giuridici

I MOVIMENTI

Nuova istanza a Niscemi: «Cga dica che il Muos è nocivo»

di
La sentenza dello scorso 3 settembre ribalta il dispositivo del Tar. Le associazioni: «Il Collegio ha già le carte per pronunciarsi»

muos, Niscemi, Caltanissetta, Cronaca

NISCEMI. Chiesta la modifica dei provvedimenti istruttori disposti dal Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo con la sentenza del 3 settembre scorso, che di fatto ribalta il dispositivo del Tar che aveva dichiarato il Muos privo di autorizzazioni e nocivo alla salute. L’istanza è stata presentata da Legambiente, dall’Associazione No Muos Sicilia, da cittadini niscemesi residenti nei pressi della base militare statunitense di contrada Ulmo, dai Comitati Mamme No Muos, dal Wwf e dai comuni di Modica, Vittoria e Gela. In particolare, viene chiesto che il Cga revochi integralmente oppure modifichi le disposizioni riguardanti la nuova verificazione. A parere degli istanti, il Cga avrebbe già nel fascicolo tutte le valutazioni tecniche necessarie per decidere l’appello.
«In proposito – afferma un comunicato No Muos - non si comprende perché il Collegio ritenga non esaustiva la verificazione eseguita in primo grado dal professor Marcello D’Amore, della Sapienza di Roma, che già aveva ampiamente dimostrato l’erroneità e l’inattendibilità degli studi posti a base delle autorizzazioni in forza delle quali è stato realizzato il Muos.

http://caltanissetta.gds.it/2015/09/24/nuova-istanza-a-niscemi-cga-dica-che-il-muos-e-nocivo_414113/

Nessun commento:

Posta un commento