L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 8 settembre 2015

'Ndrangheta, regole che nascono dall'esperienza quotidiana, cercheranno di non farle rispettare ma ora sono codificate e ignorarle si presume complicità


8 regole per allontanare la ‘ndrangheta da chiesa e feste religiose
Le ha stabilite la Conferenza Episcopale Calabrese

GELSOMINO DEL GUERCIO AND ALETEIA
7 SETTEMBRE 2015



La prassi mafiosa è sempre “atea e antievangelica”. Lo ribadiscono i vescovi calabresi nel documento “Per una nuova evangelizzazione della pietà popolare. Orientamenti pastorali per le Chiese di Calabria”, presentato a Catanzaro durante i lavori della Conferenza Episcopale Calabra (Avvenire, 4 settembre)

Per evitare “inchini” alle case dei boss, le processioni saranno vietate a chi ha condanne o è colluso e dovranno avere il nulla osta dalla curia. Ai parroci viene raccomandato di fare oratori nei beni confiscati ai clan (La Repubblica, 4 settembre).

Il testo offre indicazioni su celebrazioni liturgiche e sacramentali, devozioni popolari, padrini e madrine nei sacramenti d’iniziazione cristiana, testimoni di nozze, esequie, passando per feste popolari e processioni. Un vero e proprio vademecum da rispettare:

1) PADRINI E MADRINE

Circa i padrini e le madrine, la Chiesa «esige una vita realmente cristiana, coerente con i valori evangelici», evidenziando che non possono ricoprire questo ruolo, né essere testimoni di nozze, le persone condannate in via definitiva per «reati di ’ndrangheta e affini».

2) FUNERALI

Le esequie di persone condannate per reati di mafia siano in forma semplice, senza segni di popolosità né commemorazioni.

3) PROCESSIONI

I presuli, in merito poi alle feste e processioni, sottolineano che «non può essere assecondato un modo personale e sentimentale di vivere la fede, basato esclusivamente su forme esteriori», e persone con pendenze giudiziarie, o condannate, non possono fare parte dei Comitati festa.

4) COMMISSIONE FESTE

In ogni diocesi dev’essere costituita un’apposita Commissione per «esaminare preventivamente i programmi», e i portatori delle statue siano «prevalentemente fedeli che vivono con assiduità la vita della Parrocchia e della Confraternita, di cui eventualmente si fa parte».

5) PORTATORI “ESCLUSI”

Si escludono dai portatori «persone aderenti ad Associazioni condannate dalla Chiesa, o che siano sotto processo per associazione mafiosa, o che siano incorse in condanna definitiva per mafia, senza prima aver dato chiari segni pubblici di pentimento e di ravvedimento».

6) SOSTA STATUE

Le statue, anche nei momenti di sosta, non devono mai “guardare” case, persone, edifici, ad eccezione di ospedali e case di cura con degenti parrocchiani; vietata pure la raccolta di offerte in denaro.

7) FORMAZIONE

I pastori invitano le diocesi ad «attivare, consolidare un piano di formazione sistematica» sui temi della giustizia, dell’educazione alla legalità, dell’impegno civico, della partecipazione alla ’cosa pubblica’, della custodia del creato,

8) SPORTELLO ANTI MAFIA

Bisogna costituire, almeno a livello diocesano, uno «sportello di advocacy» nel quale «indirizzare le segnalazioni e le denunce a violazioni dei diritti, illegalità, soprusi, estorsioni»

Nessun commento:

Posta un commento