L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 22 settembre 2015

Siria, arrivano i soldati russi in aiuto del governo siriano

Siria, Damasco annuncia: "Stiamo per richiedere truppe combattenti russe nel nostro territorio"

(di Franco Iacch)
21/09/15
“Gli attacchi aerei condotti dalla coalizione guidata dagli Usa contro le posizioni dello Stato Islamico in Siria non hanno prodotto alcun risultato”. E’ quanto ha dichiarato il vice ministro degli Esteri siriano Faisal Mekdad a Kyodo News.
“I raid aerei non hanno ottenuto nulla. L’Isis è diventata più forte sia Iraq che in Siria nonostante gli attacchi americani. Stiamo utilizzando le nuove armi fornite da Mosca e nelle prossime ore potremmo chiedere il dispiegamento di truppe combattenti”.
Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha confermato che la Russia avrebbe preso in considerazione la richiesta qualora fosse stata avanzata.
Al momento ci sarebbero soltanto ipotesi.
Ha concluso il vice ministro degli Esteri siriano Faisal Mekdad "La Russia sta aiutando la Siria e questo è ciò che importa. Il sostegno militare russo ci aiuterà nella lotta contro i terroristi”.
Il ministro degli Esteri siriano Walid Muallem starebbe per chiedere ufficialmente alla Russia di inviare truppe per combattere al fianco dell'esercito siriano. La richiesta potrebbe essere avanzata già nelle prossime ore.
(foto: SANA)

http://www.difesaonline.it/mondo-militare/siria-damasco-annuncia-stiamo-richiedere-truppe-combattenti-russe-nel-nostro

Nessun commento:

Posta un commento