L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 8 ottobre 2015

Mattarella non potrà dire di non sapere di come si sta cambiando la Costituzione il cui risultato sarà che il potere esecutivo non avrà nessun contrappeso

Riforme, M5s chiede incontro a Mattarella: situazione grave

Lettera il 18/9: sgomenti e angosciati, si manomette Costituzione

Roma, 7 ott. (askanews) - Il M5s ha reso nota la lettera scritta lo scorso 18 Settembre al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere un incontro urgente su quanto sta accadendo in Senato nel dibattito sulle riforme. "Alla luce della gravissima situazione istituzionale determinata dal Governo e dai gruppi parlamentari di maggioranza, le chiediamo, con urgenza, un incontro leale e sincero, già proposto per le vie brevi, sulla salvaguardia - scrivono - della dignità delle istituzioni della Repubblica, in considerazione del suo ruolo di custode e di ultimo garante della Carta costituzionale vigente".
"Il Movimento 5 Stelle, sgomento e angosciato per il metodo con cui si sta manomettendo alla forma di Stato e di governo repubblicana, intende rivolgersi a lei, al suo ruolo di 'magistratura suprema' in relazione - sottolineano - al funzionamento e all'attuazione della Costituzione e alla sua funzione di controllo nei confronti degli organi costituzionali politicamente attivi quali il Parlamento ed il Governo".
"La tutela formale e sostanziale della Costituzione vigente, del ruolo del Parlamento repubblicano, dei regolamenti parlamentari e della funzione delle opposizioni - è la conclusione - costituiscono l'essenza della nostra democrazia ed è, dunque, nostro dovere confidare nel suo sommo ruolo istituzionale".

http://www.askanews.it/politica/riforme-m5s-chiede-incontro-a-mattarella-situazione-grave_711623843.htm

Nessun commento:

Posta un commento