L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 10 novembre 2015

2015 crisi economica, il commercio diminuisce la crisi aumenta, la Fed si prepara il 15-16 dicembre 2015 a dargli il colpo di grazia aumentando i tassi però gli Stati Uniti galleggeranno

Ceo prima azienda di navigazione commerciale al mondo: "La crescita globale è peggiore delle previsioni del FMI"

Ceo prima azienda di navigazione commerciale al mondo: La crescita globale è peggiore delle previsioni del FMI
 

Amministratore delegato di Maersk a Bloomberg: "Il commercio è significativamente più debole di quello che ci sarebbe stato se le previsioni di crescita che si indicano fossero veritiere."

 
Il commercio mondiale, che a differenza dei prezzi delle attività non può essere manipolato dalle banche centrali attraverso la "stampa" di moneta, è in caduta libera. L'ultima conferma arriva da Maersk, la più grande compagnia di navigazione per container del mondo, che ha annunciato tagli di 4.000 dipendenti, con una riduzione di circa il 17%.
 
Come sottolinea una nota della società, sono stati interrotti anche tutti gli investimenti previsti per la costruzione di nuove imbarcazioni della flotta. Gli analisti del settore avevano criticato l'espansione di Maersk in un clima di recessione.
 
Secondo il CEO Maersk, Nils Smedegaard Andersen, il motivo per cui le aziende che fanno affidamento su commercio globale, come la sua, sono in crisi è semplice: la crescita globale è sostanzialmente peggiore rispetto alle cifre ufficiali e le previsioni. Vale a dire: "L'economia mondiale sta crescendo ad un ritmo più lento rispetto a quello che il Fondo monetario internazionale e altri grandi meteorologi prevedono".
 
Citato da Bloomberg, Andersen ha dichiarato: "noi crediamo che la crescita globale stia rallentando. Il commercio è significativamente più debole di quello che ci sarebbe stato se le previsioni di crescita che si indicano fossero veritiere."
 
Impossibile, direte voi, il FMI non mentirebbe mai, o non mentirebbe nuovamente dopo averlo fatto con la Grecia per anni. E, del resto, le stime del Fmi sono il leit motiv preferito del premier italiano mai eletto da nessuno.
 
Ma, come Reuters ha recentemente ricordato: "il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Mondiale e l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico non solo hanno sbagliato per anni, ma hanno sbagliato tutti nella stessa direzione, costantemente costretti a rivedere verso il basso le previsioni che si sono dimostrate troppo ottimistiche. "C'è un pregiudizio all'ottimismo'", ha detto Stephen King, consulente senior per HSBC e ex consigliere economico al Tesoro britannico. "Ma i fatti hanno sempre fatto fare alle previsioni una brutta fine"
 
Dopo 7 anni ad urlare il "recupero", nessuno ci crede più, e nel frattempo per gli amministratori delegati, come Andersen, il mondo è sull'orlo di una recessione globale. "Conduciamo una serie di nostre previsioni macroeconomiche e vediamo meno crescita - in particolare in via di sviluppo, ma forse anche in Europa - che gli altri si aspettano nel 2015", ha concluso Andersen.
 
Intanto la Maersk, venerdì, ha riportato un crollo del 61 per cento nel terzo trimestre utile in quanto la domanda di navi per il trasporto di merci in tutto il mondo non è cresciuta rispetto all'anno precedente. I tassi di crescita bassi si stanno rivelando particolarmente dolorosi per un settore che è già alle prese con un eccesso di capacità.
 

Nessun commento:

Posta un commento