L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 12 novembre 2015

Siria, gli ebrei continuano a distruggere ed invadere territori non loro

Israele attacca aeroporto di Damasco, F-15 distruggono armi destinate a Hezbollah

(di Franco Iacch)
11/11/15
F-15 israeliani si sono alzati in volo, poco dopo le 18, per colpire obiettivi siti in un aeroporto di Damasco. Secondo i rapporti, l'aviazione israeliana ha colpito numerosi bersagli, probabilmente armi destinate in Libano.
L’attacco è stato annunciato dai media siriani, durante la messa in onda dei principali tg del paese.
L’IDF preferisce non commentare il raid, tuttavia Israele ha già annunciato una rigorosa politica di intolleranza verso ogni tipo di minaccia per il paese, come il trasferimenti delle armi tra Siria e Libano.
Ci si chiede se il raid sia stato coordinato con i russi, secondo quanto concordato nell’incontro tra il primo ministro Benjamin Netanyahu ed il presidente russo Vladimir Putin. Secondo l’accordo, tutte le operazioni in Siria sarebbero state coordinate per evitare incidenti “inconsapevoli” tra le rispettive forze aeree.
L'ultimo attacco israeliano in Siria risale al 31 ottobre scorso, quando sono stati colpiti numerosi obiettivi di Hezbollah nel sud della Siria.
(foto: IAF)

http://www.difesaonline.it/mondo-militare/israele-attacca-aeroporto-di-damasco-f-15-distruggono-armi-destinate-hezbollah

Nessun commento:

Posta un commento