L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 13 novembre 2015

Snam Sulmona, vediamo il doppio salto mortale del corrotto Pd alla regione Abruzzo

REGIONE: COMITATI ANTI SNAM IN AUDIZIONE, 'D'ALFONSO CI SOSTENGA'

PESCARA - I Comitati cittadini per l'ambiente hanno chiesto al Presidente della Commissione Territorio della Regione, Pierpaolo Pietrucci, di essere auditi prima della riunione della Commissione stessa, convocata per le ore 21 di questa sera a L'Aquila. La segreteria del Presidente Pietrucci ha comunicato che la richiesta è stata accolta.
La Commissione ha, all'ordine del giorno, l'esame e il voto in merito alla risoluzione sulla centrale di compressione Snam di Sulmona e metanodotto "Rete Adriatica". Il voto della Commissione sarà espresso con i poteri del Consiglio, quindi il documento non dovrà tornare in Consiglio regionale.
La Commissione è stata convocata tenendo presente l’incontro, molto probabilmente decisivo, che domani venerdì 13 novembre si terrà a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri sul problema della centrale di compressione che la Snam intende realizzare a Sulmona in località Case Pente.
Con la risoluzione si impegna il Presidente Luciano D'Alfonso e la Giunta Regionale a confermare e sostenere in tutte le sedi istituzionali la posizione di assoluta contrarietà all'opera unitaria (metanodotto e centrale), così come espresso attraverso 6 deliberazioni adottate dalla Giunta Regionale.
Si chiede, pertanto, che  vengano mantenute le negazioni delle intese già espresse e di negare l'intesa anche a eventuali centrali di compressione con alimentazione diversa da quella a gas.
Con la risoluzione, inoltre, si impegna il Presidente e la Giunta regionale ad ottenere dal Governo l’immediata e  piena attuazione della risoluzione della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati che ha stabilito l'attivazione di un tavolo istituzionale per lo studio e la individuazione di soluzioni alternative, sia per la centrale che per il metanodotto, in ogni caso al di fuori della dorsale appenninica.
I Comitati auspicano che la risoluzione venga accolta con il voto favorevole di tutti i gruppi Consiliari,  in coerenza con tutti gli atti finora adottati dal Consiglio regionale d'Abruzzo, attraverso 4 risoluzioni e 4 leggi.
"È più che mai necessaria -spiegano in una nota i comitati- l'unità delle istituzioni e dei cittadini per difendere il territorio dalla imposizione autoritaria di scelte e progetti non condivisi e che sono in aperto contrasto con la vocazione naturale dell'Abruzzo, Regione Verde d'Europa.

http://www.abruzzoweb.it/contenuti/regione-comitati-anti-snam-in-audizione-dalfonso-ci-sostenga/583338-4/ 

Nessun commento:

Posta un commento