L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 14 novembre 2015

Venezuela, l'invadenza degli Stati Uniti, non sopportano paesi liberi che non accettano di essere loro sudditi

L'imboscata degli Stati Uniti contro il Venezuela

L'imboscata degli Stati Uniti contro il Venezuela
 

Eva Golinger: “Operazioni segrete, indagini segrete, accuse penali, finanziamento miliardario, guerra psicologica e provocazioni militari. Questo è l'agguato dagli Stati Uniti contro il Venezuela”


“Operazioni segrete, indagini segrete, accuse penali, finanziamento miliardario, guerra psicologica e provocazioni militari. Questo è l'agguato dagli Stati Uniti contro il Venezuela”. Inizia così Eva Golinger nel suo ultimo editoriale.
 
Con 18 milioni di dollari pubblici spesi per finanziare i gruppi anti-governativi in ​​Venezuela, gli Usa hanno creato il conflitto nel paese sudamericano e mantenuto in vita una opposizione con nessuna unità o sostegno significativo. Solo dal National Endowment for Democracy (NED), durante l'anno 2014-2105, quasi 3 milioni sono stati mandati ai gruppi di opposizione in Venezuela, in previsione delle elezioni del prossimo 6 dicembre: 125.000 mila dollari sono stati dati al gruppo di opposizione Sumate, creato dal NED in Venezuela nel 2003 per condurre un referendum revocatorio contro il presidente Hugo Chavez. Questo gruppo, prosegue Golinger, cerca oggi di influenzare i membri dei seggi elettorali a livello nazionale durante le prossime elezioni nel mese di dicembre. Una flagrante interferenza. Altri 400.000 dollari sono stati consegnati a un programma di "membri di supporto dell'Assemblea nazionale e lo sviluppo delle politiche." E poi ci sono 40.000 dollari per "monitorare l'Assemblea Nazionale del Venezuela".
 
“Che diritto ha un paese estraneo a 'monitorare' l'organo legislativo di un altro paese?”, si chiede Golinger. Peggio ancora è se consideriamo che gruppi nazionali ricevono denaro da un governo straniero per spiare contro il loro stesso governo.

I contributi del NED per alimentare il conflitto in Venezuela includono quasi mezzo milione di dollari per "migliorare le capacità di comunicazione strategica organizzazioni politiche attraverso mezzi alternativi." Questa enorme quantità di denaro sta finanziando l'uso dei social network per proiettare l'anti visione in aree che influenzano a livello internazionale. Altri 73.654 dollari dalla NED sono stati utilizzati per "rafforzare la capacità tecnica e promuovere la libertà di espressione e dei diritti umani attraverso Twitter." E 63,421 dollari per "formazione sull'uso efficace dei social network e dei media alternativi." I social network sono diventati un campo di battaglia in Venezuela. Tuttavia, il denaro dalla NED rivela che dietro la presunta opposizione "indipendente" in Venezuela, c'è il governo degli Stati Uniti.

Non è un caso che nel corso dell'ultimo anno, prosegue Golinger, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno fortemente criticato il governo del presidente Nicolas Maduro per presunte violazioni dei diritti umani. 474.000 dollari dalla NED per il finanziamento gruppi di opposizione in Venezuela che si occupano della "situazione dei diritti umani", tra cui la preparazione di denunce contro il governo venezuelano nei consessi internazionali. “Quando un governo straniero finanzia ONG per creare presunti rapporti contro il proprio governo con l'intento di screditarlo a livello internazionale, non è oggettivo e affidabile”, sottolinea Golinger.

Oltre ai milioni di dollari fornite dal NED, una fondazione creata dal Congresso degli Stati Uniti nel 1983 per "fare il lavoro che la CIA non poteva fare pubblicamente", il Dipartimento di Stato e l'Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti (USAID), ha speso più di 15 milioni di dollari per l'opposizione in Venezuela durante il periodo 2014-2015. 
Nel bilancio del Dipartimento Operazioni Esteri di Stato per l'anno fiscale 2016, che ha avuto inizio nel mese di ottobre 2015, ci sono 5,5 milioni di dollari per "difendere e rafforzare le pratiche democratiche, delle istituzioni e dei valori che sostengono i diritti umani in Venezuela". Secondo il bilancio già approvato dal Congresso, molti di quei soldi saranno utilizzati per "aiutare la società civile a promuovere la trasparenza istituzionale, il processo democratico e la difesa dei diritti umani."

L'uso del termine 'società civile' da parte del governo degli Stati Uniti in relazione al Venezuela significa 'l'opposizione'. Le stesse agenzie statunitensi hanno anche finanziato e sostenuto la chiamata della "società civile" in Venezuela durante il colpo di stato contro il presidente Hugo Chavez nell'aprile 2002. Una "società civile" che ha usato cecchini per uccidere persone innocenti a rovesciare un presidente democraticamente eletto e poi imporre una dittatura.

Molte delle attività del governo USA in Venezuela hanno origine in un ufficio sotterraneo, creato nel 2005 sulla ristrutturazione della comunità di intelligence degli Stati Uniti operata da John Negroponte, un nome ben noto in America Latina per il suo ruolo nelle guerre sporche in America Centrale negli anni '80, e il protagonista dello scandalo Iran Contra.

In risposta alle raccomandazioni della Commissione in materia di armi di distruzione di massa e il Prevention Act del 2004, Negroponte ha istituito le "missioni di gestione" per le questioni strategiche di alta priorità e le sfide per l'intelligence Usa. La Missione Manager per Cuba-Venezuela è stato prima affidata al veterano della CIA Norman A. Bailey, un esperto di tattiche e strategie di intelligence durante la guerra fredda. Bailey durò solo un anno, e la sua partenza ha confessato che l'ufficio era quasi abbandonato, senza risorse e senza personale. Tuttavia, con Timothy Langford, con una carriera di 25 anni nei servizi segreti della CIA, la situazione  cambiata.

Documenti segreti declassificati rivelano l'importanza data alla Missione Manager per Cuba-Venezuela dalla Intelligence degli Stati Uniti da allora. In un documento classificato come "Top Secret" , del 2008, il direttore dell'Intelligence ha sottolineato come un obiettivo chiave, fosse la "identificazione e la gestione di centri di eccellenza 'per fornire informazioni pertinenti, tempestive e autenticahe di Iran, Corea del Nord e Cuba-Venezuela ". Un altro obiettivo era quello di "creare una strategia di investimento per l'Iran, Corea del Nord e Cuba-Venezuela volta a rafforzare l'analisi, la raccolta e lo sfruttamento". 

Un altro documento top secret, parzialmente declassificato nel 2009, rivela una strategia di "sviluppare l'analisi delle transizioni di leadership", con particolare riferimento al Piano di transizione verso la democrazia per Cuba, e gli sforzi per rovesciare il governo Hugo Chavez in Venezuela. Fu da questo centro che le forze Usa, tra l'altro, hanno comandato l'attacco al leader delle FARC, Raul Reyes, violando il territorio ecuadoriano il 1 marzo 2008.

Per il 2011, la Missione speciale a Cuba-Venezuela esisteva ancora, anche se le informazioni sulle sue operazioni e le attività è stata, da allora fino ad oggi, del tutto segreta. E anche se il suo bilancio non è stato declassificato in dettaglio, nel 2015 la Direzione nazionale di intelligence ha avuto un bilancio di oltre 53 miliardi di dollari. 

La missione speciale dedicata al Venezuela è chiaramente una priorità con miliardi di dollari spesi.

In tutti questi anni, prosegue Golinger nella sua analisi, ci sono stati molteplici segnalazioni di attacchi contro il governo venezuelano, nei confronti del presidente Hugo Chavez e, più recentemente, contro il presidente Nicolas Maduro. Decine di aerei non autorizzati spia americani, provocazioni che hanno aumentato le tensioni tra i due paesi.

Nelle ultime settimane, alla vigilia delle elezioni parlamentari del prossimo 6 dicembre, gli attacchi contro il Venezuela nella grande stampa mondiale si sono intensificati. Rapporti infondati o prove  non certificate stanno venendo fuori in media come il New York Times, il Washington Post, The Wall Street Journal e altri, accusando le figure e le istituzioni chiave del governo venezuelano di corruzione, attività illegali, riciclaggio di denaro, cattiva gestione dei fondi, traffico di droga e le violazioni dei diritti umani. Nella maggior parte dei casi, non vi è alcuna prova presentata per dimostrare tali accuse gravi, ma la copertura dei media rivela molto efficace. “Tutti questi milioni di dollari investiti nella promozione di un conflitto interno in Venezuela e in operazioni clandestine di servizi segreti a Washington che si dedicano a destabilizzare il paese indicano qualcosa di fondamentale: dobbiamo stare attenti. Non dobbiamo mai dimenticare che il Venezuela ha le maggiori riserve di petrolio del mondo e sarà sempre il bersaglio degli interessi più potenti. E 'il momento di serrare i ranghi, per non essere distratti da intrighi, egoismo, avidità e trappole. L'obiettivo alla base di queste imboscate non è la singola persona, l'obiettivo finale è il Venezuela”, conclude Golinger.
Notizia del:

Nessun commento:

Posta un commento