L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 14 dicembre 2015

Governo incompetente&pasticcione da mance e non fa i contratti

DIFESA: BONUS 80 EURO A FORZE ARMATE E DI POLIZIA

13/12/15 
A distanza di pochi giorni dalla richiesta di chiarimenti avanzata al Governo da parte del Cocer dell'Aeronautica circa l'attribuzione degli 80 euro al personale delle forze dell'ordine, finalmente comincia a delinearsi un quadro chiaro in merito alle reali risorse e agli aventi diritto.
Il pacchetto sicurezza del governo depositato in commissione Bilancio della Camera alla legge di stabilità prevede complessivamente una spesa di 500 milioni per il 2016 da destinare a circa 500mila unità di personale delle forze armate, polizia e vigili del fuoco.
Il contributo, spiega la relazione tecnica, non ha natura retributiva, non è soggetto a contribuzione previdenziale e assistenziale e non concorre a formare il reddito complessivo ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
Dalla lettura dell'art. 548 septies non si comprende, invece, l'esclusione del "bonus" al personale delle Capitanerie di Porto.
Il personale delle Forze Armate attende adesso di conoscere l'intenzione del Governo in merito alla volontà di un adeguamento finanziario del fondo (FESI) al pari di quanto avvenuto per i colleghi delle forze di Polizia nonchè di un appostamento di adeguate risorse per il rinnovo contrattuale come da sentenza della Corte Costituzionale ed infine di una norma che riequilibri le carriere del personale militare con quelle del personale delle forze di polizia che in applicazione alla "legge Madia" stanno provvedendo ad un nuovo riordino.
Lo dichiarano i delegati del Co.Ce.R. Alfio Messina e Antonsergio Belfiori

Nessun commento:

Posta un commento