L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 18 dicembre 2015

Ucraina, la Russia si dimostra generosa al contrario della troika che ha massacrato il popolo greco

Kiev ufficialmente in default: non ripagherà il debito con la Russia in scadenza il 20 dicembre



L'Ucraina ha imposto una moratoria sui tre miliardi di dollari di obbligazioni di debito con la Russia. Lo ha annunciato il primo ministro Arsenij Yatsenyuk in una riunione di gabinetto venerdì.

L'annuncio arriva in vista della scadenza del 20 dicembre per il rimborso del debito.

"Considerando che la Russia ha rifiutato, nonostante i nostri sforzi, a firmare un accordo sulla ristrutturazione e per accettare le nostre proposte, imponiamo una moratoria sul pagamento del debito russo del valore di 3 miliardi", ha detto Yatsenyuk. 

Il pagamento viene interrotto "fino a quando facciamo proposte di ristrutturazione o di una decisione del tribunale competente", ha aggiunto il Primo Ministro. 

Secondo Yatsenyuk, l'Ucraina ha anche bloccato i rimborsi del debito da diverse società statali alle banche russe. 

Giovedi ', Ministero delle Finanze ucraino ha detto che Kiev non può ripagare i tre miliardi di Eurobond della Russia senza rompere un accordo di ristrutturazione del debito raggiunto con altri creditori internazionali. 

Nel mese di novembre, il presidente russo Vladimir Putin ha offerto un piano di ristrutturazione triennale per il debito di Kiev, fornendo garanzie sui prestiti in essere dagli Stati Uniti, l'Unione europea e il Fondo monetario internazionale. Sotto l'offerta, la Russia avrebbe rinunciato al pagamento di quest'anno e Kiev dovrebbe pagare 1 miliardo di dollari all'anno per i prossimi tre anni. 

Filantropia assoluta rispetto a quello che il regime della Troika ha imposto alla Grecia. Qualora questa decisione del governo di Kiev dovesse essere appoggiata dall'Ue, perché Atene non potrebbe fare lo stesso da domani?

Nessun commento:

Posta un commento