L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 9 gennaio 2016

Concessioni demaniali delle spiagge, si prepara la guerra dei materassi e come sempre il corrotto Pd è in prima fila

“No alla Bolkestein, sì alla pecunia?”



Foto Roberto Pieraccini
di: 







PIETRASANTA. “Una multinazionale americana in questi giorni ha acquistato la concessione dello stabilimento balneare Blue Beach di Marina di Pietrasanta e che la trattativa sia stata fulminea”. Lo scrive in una nota il M5S.
Il motivo come si evince dal testo di Pietrasanta con la DG 256/2015, votata in assenza di sindaco e vicesindaco forse per scongiurare il palese conflitto di interessi, sarebbe “evitare certi appetiti speculativi” senza però farne nome e cognome. Per noi è solo l’ennesimo tentativo per privatizzare definitivamente la spiaggia.

“Verrebbe da pensare che i due soci, Mr Penrod e il carrarino Vanelli o sono pazzi o sono dei geni, come d’altra parte lo deve essere la signora Barilla che tre anni fa a Forte dei Marmi pagò 3,5 mln per la concessione del bagno Piemonte, rase al suolo tutto e ricostruì di sana pianta lo stabilimento.
Sempre sulla stampa si legge invece che Mallegni si feliciti della vendita del Blue Beach e anzi ne rivendichi in qualche modo la paternità “grazie alla serietà e alla fiducia che la sua Amministrazione infonde negli investitori”.
Delle due una, o ci si preoccupa per gli appetiti speculativi o ci si rallegra, non c’è via di mezzo, o forse qualche multinazionale è meno multinazionale delle altre?

Pazzi perché sul comparto incombe la direttiva servizi 123 dell’UE, detta Bolkestein, che già dal 2006 ricorda, inascoltata, che l’Italia si adegui alla normativa europea in materia di libertà di stabilimento delle imprese sul territorio comunitario ed al principio di libera concorrenza e prevede che le concessioni vadano all’asta e non rinnovate automaticamente sempre agli stessi, come in qualsiasi altro paese civile. O forse genio perché evidentemente sa cose che noi non sappiamo.
Ma dove sta la coerenza di questa amministrazione ? Viene quasi da pensare che la vera preoccupazione non sia quella di perpetuare il famoso “genius loci” e la “tipicità balneare versiliese” ma solo ed esclusivamente quella di permettere ai soliti noti di continuare a detenere in ostaggio una concessione pubblica, come da 100 anni a questa parte contro tutto e tutti, in attesa del prossimo Mr Penrod o Sigra Barilla di turno sperando di far cassa.
Quindi lo scorso 24 Novembre, abbiamo visto molti comuni della costa toscana deliberare in fretta e furia la sdemanializzazione della fascia costiera facendo una ricognizione del demanio marittimo ed individuando un nuovo dividente demaniale che comprenda anche gli stabilimenti balneari con le rispettive strutture e in qualche caso anche 10 metri di spiaggia come a Forte dei Marmi con la DG 303 del 26/11/2015

Non contento il nostro primo cittadino il 16 Dicembre , sempre astenendosi assieme al vicesindaco dalla votazione, emana un altra delibera di giunta la 284/2015 con cui interpretando , secondo noi, la normativa e giurisprudenza nazionale e comunitaria “ad categoriam” decide che con 590 € e due marche da bollo da 16 € si possa rinnovare la concessione non più per 6 ma addirittura per 20 anni, una media di 30€ l’anno quanto due pizze e due birre, tanto per capire il valore che si dà al alcune cose.

Allegata alla domanda per il rinnovo della concessione ventennale si dovrà presentare un riepilogo degli investimenti effettuati o in alternativa un piano finanziario di investimenti con cui in base a specifici coefficenti verrà assegnata la durata esatta della concessione. Potrebbe infatti bastare investire nei prossimi anni poco meno del doppio del volume di affari della media degli ultimi due anni.
Un esempio: chi ha dichiarato 50.000 € e dichiarerà di volerne investire 99.000 (una berlina di lusso) continuerà ad affittare l’ombra fino al 2035 sempre che nel frattempo qualche legge favorevole da Roma non faciliti ancora di più il rinnovo delle concessioni.
Tutta questa attività interpretativa, priva di qualsivoglia logica giuridica e molto simile ad un’arrampicata sugli specchi, in palese contrasto con la direttiva servizi e totalmente incurante del fatto che nel mese di febbraio la Corte di Giustizia dovrà pronunciarsi sulla legittimità della proroga al 2020 già azzardata dai precedenti governi, evidenzia ancora una volta la ridicola posizione di Forza Italia e PD, che si riscoprono europeisti solo quando c’è da applicare nuove gabelle ai cittadini ma si oppongono alle regole del mercato interno quando toccano gli interessi di amici e parenti.

Il MoVimento si batte da sempre per i beni comuni, che si chiamano così perché sono di tutti e devono poter essere goduti da tutti e non venduti o svenduti a privati che ovviamente devono speculare per guadagnare e vivere.
Secondo noi non basta alimentare lo spauracchio dell’investitore estero per operare in questo modo, perché una privatizzazione è sempre una privatizzazione e un prolungamento per anni di una concessione assegnata decenni fa è comunque socialmente iniqua.
I cittadini, ancora una volta, ringraziano.

Nessun commento:

Posta un commento