L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 8 gennaio 2016

Portogallo, stop ai privati che vogliono solo profitti, il servizio è un accessorio

Portogallo: governo blocca la privatizzazione del trasporto pubblico locale
07/01/2016 - 16:52
(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 07 gen - Il governo portoghese, sostenuto dalla maggioranza socialista, ha deciso di annullare la privatizzazione del trasporto locale di Lisbona e Porto, la capitale e la seconda citta' del Paese. La misura era stata introdotta dal precedente esecutivo di destra ed era stata molto contestata. "La decisione e' stata presa a livello politico ma deve ancora essere formalizzata dai consigli di amministrazione" delle societa' di metro e bus delle due principali citta' lusitane, ha spiegato il ministro dell'Ambiente, Joao Fernandes. Il precedente governo, nell'ambito del suo programma di rigore sui conti pubblici, aveva deciso di dare la gestione dei trasporti pubblici di Lisbona al gruppo spagnolo Avanza, controllata dalla messicana Ado. A Porto, invece, la gestione della metro era stata affidata alla societa' spagnola Alsa e quella dei mezzi di superfice alla francese Transdev. Il partito socialista e i suoi alleati di sinistra avevano trovato un accordo per sospendere le privatizzazioni al momento dell'entrata in carica del governo guidato da Antonio Costa lo scorso novembre. "Non sara' versato alcun indennizzo per l'annullamento delle concessioni", ha assicurato il ministro, perche' questi contratti "entrano in vigore solamente dopo aver ricevuto il via libera della Corte dei Conti, che non si e' pronunciata", aggiungendo che le cauzioni versate dalle imprese straniere per avere la gestione saranno restituite.
http://www.kairospartners.com/it/media-center/live/portogallo-governo-blocca-la-privatizzazione-del-trasporto-pubblico-locale?it=it

Nessun commento:

Posta un commento