L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 1 febbraio 2016

Niente di nuovo sotto il sole, dove c'è corruzione si trova il Pd


Marcello Pittella (Pd) indagato per “corruzione elettorale”

Marcello Pittella (Pd), presidente della Regione Basilicata, è stato iscritto al registro degli indagati con l’ipotesi di “corruzione elettorale”, nell’ambito dell’inchiesta sul dissesto del capoluogo.
Già nelle scorse settimane gli inquirenti avevano notificato i primi avvisi di garanzia al governatore, il cui nome appare in fondo a una lista di 35 soggetti indagati con lui. Fra questi Vito Santarsiero (Pd) ex sindaco e oggi consigliere regionaleFranco Mollica (Udc) vecchia guardia del consiglio regionale lucano e Giuseppe Ginefra e Federico Pace (ambedue Pd).Si tratterebbe, secondo fonti giudiziarie, di un atto dovuto e prudente: il reato di corruzione elettorale è nato con il “Testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle amministrazioni comunali”. Più in là la sua applicazione è stata ampliata a differenti consultazioni, comprese quelle provinciali e regionali.
Viene puntio “chiunque, per ottenere, a proprio od altrui vantaggio, la firma per una dichiarazione di presentazione di candidatura, il voto elettorale o l’astensione, da’, offre o promette qualunque utilità a uno o più elettori”. Recentemente la Cassazione ha sottolineato e spiegato che, per far scattare le pene previste, da sei mesi a tre anni di reclusione, è sufficiente la prova dell’avvenuta promessa elettorale illecita, indipendentemente dalla sua accettazione.
12654439_994871373938399_853298563005306596_n

Marcello Pittella (Pd) indagato per “corruzione elettorale”. Nella stessa inchiesta indagati Vito Santarsiero (Pd), Franco Mollica (Udc), Giuseppe Ginefra (Pd) e Federico Pace (Pd)

La polizia postale sta indagando alla ricerca di “un filmato comprovante la cessione di 10mila euro” a un funzionario dell’ufficio provveditorato del Comune, Mario Giugliano, indagato per corruzione insieme al titolare dei cellulari, Pasquale Zaccagnino, e al suo datore di lavoro, Nicola Auletta, leader della Facility srl.
L’inchiesta coordinata di Carabinieri, Finanza e Polizia municipale è iniziata alla fine del 2014, per far luce sul buco di quasi 24 milioni che ha condotto l’attuale amministrazione diPotenza alla dichiarazione di dissesto.
Fra i punti oscuri, il milione e mezzo all’anno per il business delle pulizie. La scintilla sarebbe stata la denuncia di un ex lavoratore della cooperativa barese Ariete, licenziato in seguito all’adesione del Comune alla convenzione con la centrale d’acquisto del Ministero dell’economia (Consip), al termine dello scorso consiglio.
12654595_994871357271734_3073013141129585110_n

Nessun commento:

Posta un commento