L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 5 ottobre 2016

Arexpo-Expo - siamo alle comiche un atto dovuto dovrà essere imposto dalla magistratura, le menzogne e bugie devono essere scoperte il più tardi possibile, il renzismo impera

pubblicato il 04/ott/2016 12:43

M5S: valutiamo azione legale per verbali Expo e Arexpo negati
Carcano: se non li ha nemmeno R. Lombardia, come fa controllare?



Milano, 4 ott. (askanews) - "Expo e Arexpo devono fornire quella documentazione, non stiamo parlando di segreti di Stato ma dell'attività di società che usano fondi pubblici. Stiamo valutando con i nostri legali un'azione penale e civile, con il ricorso al Tar contro le due società". E' quanto ha annunciato la consigliera regionale del M5S Lombardia, Silvana Carcano, parlando in merito ai verbali del consiglio di amministrazione di Expo e Arexpo.

Secondo quanto ricostruito dagli esponenti pentastellati, il 30 giugno 2016 il Difensore regionale aveva deciso che i verbali "devono essere trasmessi 'immediatamente' al M5S Lombardia". L'M5S Lombardia si era rivolto al Difensore "dopo che la richiesta alla società di avere i documenti non aveva avuto alcun seguito. "Oggi, quei materiali, nonostante l'intervento del Difensore Regionale, non sono ancora stati trasmessi al Movimento" ha spiegato Carcano aggiungedo che "su questo si è concentrata un'interrogazione alla Giunta regionale".

"I consiglieri regionali hanno il diritto di visionare documentazione utile a fare trasparenza sull'attività di società a partecipazione pubblica come Expo e Arexpo. Non abbiamo mai chiesto un insieme generico di documenti ma un unico verbale ad Arexpo e sei a Expo" ha aggiunto Carcano, sottolineando che "è scandaloso che l'assessora Francesca Brianza ammetta candidamente che quei documenti non sono nella disponibilità di Regione Lombardia: come può una Regione effettuare controlli se non dispone nemmeno dei verbali del Consiglio di amministrazione?".

Nessun commento:

Posta un commento