L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 19 ottobre 2016

Monte dei Paschi di Siena - ha acquisito il Banco Veneto con un giro di telefonate e Banca Italia ha acconsentito, tutto questo perchè il Sistema massonico-politico-mafioso l'ha voluto, molti avvoltoi hanno mangiato i miliardi pagati in più

Claudio Borghi (Lega): “Bankitalia impotente su Monte Paschi? Menzogne gravissime” 

18 ottobre 2016 11:25
Politica e Opinioni Toscana 




















Claudio Borghi il responsabile economico della Lega Nord Claudio Borghi Aquilini, vicepresidente della commissione regionale di inchiesta sullo scandalo Monte Paschi replica duramente alle dichiarazioni del direttore generale di Bankitalia Rossi, rilasciate durante un’intervista con Maria Latella sul canale televisivo Sky. 

“Mai visto uno scaricabarile così sfacciato” dichiara Borghi. “Il dottor Rossi in pratica si è fatto i complimenti per la bella impresa del buco da più di 40 miliardi del Monte dei Paschi. Ha affermato che erano informati della questione ma non avevano poteri per rimuovere Mussari e C. ma che nonostante ciò ci sono riusciti lo stesso. Informiamo il direttore Rossi che il disastro Monte dei Paschi è stato causato dalla scandalosa acquisizione della Banca Antonveneta per un pezzo assurdo con miliardi accumulati nei secoli da Siena e dispersi in un istante non si sa ancora a vantaggio di chi. Posto che se davvero Bankitalia non aveva poteri allora sarebbe un mistero il perché Rossi veniva pagato, la verità è che la Banca Centrale aveva ogni potere per intervenire e nessuna acquisizione poteva perfezionarsi senza l’ok di Banca d’Italia che ha approvato l’operazione Antonveneta senza nemmeno la più piccola perizia, avvallando una surreale trattativa miliardaria fatta al telefono da chi, evidentemente sotto dettatura, nemmeno capiva che cosa stesse facendo. Incredibile poi la scoperta tardiva dei danni della legge europea sul bail-in che sta minacciando migliaia di risparmiatori. Un vero professionista insomma della chiusura stalle dopo la fuga dei buoi. Pensiamo che ai cittadini di Siena, a cui la Lega Nord presterà sempre più attenzione, e a tutti i risparmiatori che in molte città hanno perso tutto nel sonno della vigilanza siano dovute rispetto e scuse prima ancora di un doveroso risarcimento”. Fonte: Consiglio Regione Toscana

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2016/10/18/claudio-borghi-lega-bankitalia-impotente-monte-paschi-menzogne-gravissime/
Copyright © gonews.it

Nessun commento:

Posta un commento