L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 10 marzo 2017

la Cia spia e lascia tracce non sue

Wikileaks rivela le capacità della CIA di lanciare attacchi cyber sotto falsa bandiera e incolpare Stati terzi, ad esempio la Russia



Wikileaks ha diffuso ieri un primo gruppo di documenti riservati sottratti alla CIA che dimostrano la capacità dell'agenzia di spionaggio Usa di entrare nei sistemi informatici di diverse aziende, come Apple, Microsoft e Samsung. Mentre la maggior parte delle notizie si è concentrata su questo aspetto, la capacità della CIA di infiltrarsi e eseguire attività di spionaggio usando falle di sicurezza dei sistemi operativi di iPhone, Android e Windows, un altro aspetto cruciale è stato omesso, uno con potenzialmente vaste implicazioni geopolitiche scrive Whitney Webb di TheAntiMedia.org.

Secondo un comunicato stampa di Wikileaks, gli 8.761 file appena pubblicati provenivano dal centro della CIA per il Cyber Intelligence (CCI) di Langley, in Virginia. La stampa dice che il gruppo UMBRAGE, una suddivisione del Remote Development Branch (RDB) del Centro, ha raccolto e mantenuto una "sostanziale biblioteca di tecniche di attacco rubatoe da malware prodotti in altri stati, tra cui la Federazione Russa".

Come osserva Wikileaks, il gruppo UMBRAGE e i suoi progetti permettono alla CIA di sviare l'attribuzione di attacchi informatici "lasciando alle spalle le" impronte digitali "dei gruppi ai quali ha sottratto le tecniche di attacco.

Mentre un importante fattore di motivazione dell'uso da parte della CIA di UMBRAGE è quello di coprire le tracce, gli eventi degli ultimi mesi suggeriscono che Umbrage potrebbe essere stato utilizzato per altri scopi, più nefasti. Dopo l'esito delle elezioni presidenziali USA 2016 che ha scioccato molti all'interno del sistema politico degli Stati Uniti e dei media , la CIA ha sostenuto che la Russia ha condotto un' "operazione di intelligence segreta" per aiutare Donald Trump a sconfiggere Hillary Clinton.

Prima delle elezioni, la campagna della Clinton aveva anche accusato la Russia di essere dietro alla pubblicazione dei messaggi di posta elettronica di John Podesta, così come le e-mail dei dipendenti del Democratic National Committee (DNC).

Lo scorso dicembre, il direttore della National Intelligence James Clapper - un uomo conosciuto per aver mentito sotto giuramento sulla sorveglianza della NSA - ha informato i senatori in una riunione a porte chiuse sulle interferenze e l'hacking russo nelle elezioni.

Dopo la riunione, Adam Schiff, un membro del Comitato Servizi Segreti della Camera, ha sottolineato: "Dopo molti briefing della nostra comunità di intelligence, è chiaro che i russi hanno hackerato le nostre istituzioni democratiche e cercato di interferire nelle nostre elezioni e seminare discordia. "

Per inciso, le affermazioni della comunità di intelligence degli Stati Uniti che la Russia ha utilizzato attacchi informatici per interferire con l'elezione hanno oscurato la notizia che il governo degli Stati Uniti era stato effettivamente responsabile di diversi tentativi di hacking che hanno colpito i sistemi elettorali statali. Per esempio, lo stato della Georgia ha riportato numerosi tentativi di hacking delle sue agenzie elettorali ', quasi tutti dei quali sono stati riconducibili allo US Department of Homeland Security.

Ora che la CIA ha dimostrato di avere non solo la capacità ma anche l'intenzione esplicita di sostituire le "impronta digitali" degi attacchi con quelle di un altro attore statale, le presunte prove della CIA che la Russia ha interferito con l'elezione degli Stati Uniti sono immediatamente sospette. Non c'è più alcun modo per determinare se la prova della CIA di hacking da parte dei russi sulle infrastrutture degli Stati Uniti è legittima, in quanto potrebbe benissimo essere un attacco "false flag

Dato che le accuse del governo di attacchi informatici russi coincidono anche con un minimo storico nelle relazioni diplomatiche tra la Russia e gli Stati Uniti, la lunga storia della CIA di utilizzare mezzi segreti per giustificare azioni ostili contro le potenze straniere - in genere in nome della sicurezza nazionale - sembra arricchirsi di un nuovo capitolo.

Nessun commento:

Posta un commento