L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 2 marzo 2017

Mosler Economics - avanza instancabile e determinata l'architettura della Moderna Teoria Monetaria, MMT, una delle poche risposte ai quesiti economico sociali che salgono dalle società occidentali

28 Febbraio 2017
TransictionJobs - I lavori transitori

DI LUCIA VERGAGLIA
Orvieto -

Incontro su politiche del lavoro e del redditoInsieme a Silvio Torre ho potuto conoscere il prof. Warren Mosler che per il M5S Europa, su iniziativa di Laura Agea, ha redatto lo studio sui lavori transitori da inserire nella normativa Europea accanto al Reddito di Cittadinanza per compensare la crisi lavorativa dovuta all'avvento dei Robot.

Alla splendida Sala dei Notari in Perugia si è tenuto un incontro sulle politiche del lavoro e sul sostegno al reddito che ha coinvolto l'illustre relatore Prof. Mosler e la sua proposta su lavori transitori che il gruppo EFDD2 - M5S Europa presenterà con relatrice l'agguerrita Laura Agea.
Una proposta molto interessante soprattutto per il fatto che potrebbe essere attivata al livello europeo assieme al Reddito di Cittadinanza per il periodo intermedio fino alla completa riconversione industriale 4.0, insomma alla robotizzazione totale, oltre la quale dobbiamo ipotizzare ancora nuove formule sociali ben più radicali e profonde, profonde quanto l'attuale trasformazione.
Anche da questo punto di vista è netta la distanza tra le proposte dei finto nuovi gruppi di sinistra, con i loro manifesti sul lavoro dignitoso, e l'obbiettivo ben più profondo di un un richiamo forte al valore del lavoro con la messa in pratica di soluzioni vere, dalle fonti finanziarie chiare (ci sono), e con l'obbiettivo di eradicare povertà e bisogno.
Grazie quindi al gruppo M5S Europa, alla Commissione Lavoro della Camera, in particolare alle portavoce Agea e Ciprini, ed un arrivederci al prof. Mosler, magari ad Orvieto, per partire con la rivoluzione di questo paese.

Nessun commento:

Posta un commento