Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 6 aprile 2017

Siria - le bugie degli Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno le gambe corte come la loro corte dei miracoli del clero mediatico avvezzo alle menzogne pur di far contento i suoi padroni

Gideon Levy intervista Suor Agnes-Mariam de la Croix, testimone delle menzogne sulla Siria

Maurizio Blondet 6 aprile 2017 

Di Gideon Levy

(Il grande giornalista israeliano Gideon Levy incontra Suor Agnes-Mariam de la Croix, badessa carmelitana che vive in Siria. Una testimonianza preziosa per capire le menzogne costruite per rovesciare il governo siriano).

Suor Agnes-Mariam de la Croix temeva che gli Stati Uniti avrebbero attaccato la Siria nella notte di Sabato. Si aspettava un attacco massiccio e disastroso per la Siria e l’intera regione. Secondo Suor Agnes-Mariam, ci sono oggi in Siria 150.000 combattenti jihadisti ben addestrati provenienti da 80 paesi, con le armi che hanno ricevuto da Arabia Saudita, Giordania, Turchia, e persino dagli Stati Uniti. Lei dice che alcuni di loro sono drogati con le pillole Captagon.

La suora vive in Siria ed è la badessa, o madre superiora, del Monastero di San Giacomo il Mutilato. Lei sostiene che questi combattenti jihadisti controllano il 60 per cento delle aree popolate della Siria. Lei sostiene che il gruppo ribelle islamico-siriano Jabhat al-Nusra, che gli Stati Uniti hanno designato come un gruppo terroristico, è responsabile per gli atti di omicidi di massa, stupri e saccheggi che sono stati commessi in Siria. Lei sostiene anche i combattenti ceceni sono eccezionalmente crudeli e che, tra i combattenti stranieri, c’è un gran numero di prigionieri e cittadini di paesi occidentali rilasciati. Secondo lei, la maggior parte dei cittadini della Siria sostengono il regime del presidente Bashar Assad perché temono un cambio di gestione del paese da parte di estremisti islamici.

Lei chiede al mondo di non attaccare la Siria, e di fermare il flusso di combattenti stranieri nel suo territorio e la fornitura di armi che stanno ricevendo. Quando lei oggi viaggia in Siria, si sente come se fosse in Afghanistan o Somalia. Un attacco americano alla Siria farà male al suo esercito e aprirà la porta a un sequestro totale del paese da parte del movimento della jihad globale. Di questo è fermamente convinta. “Se questo regime sarà rovesciato,” dice, “sarà peggio che in Iraq. Avrà conseguenze per il Libano, Israele e Giordania, e non è una situazione che promuoverà la sicurezza “.

Crede anche che le immagini delle vittime del presunto attacco chimico del mese scorso nella zona est di Damasco siano invenzioni.

Ho incontrato Suor Agnes-Mariam questa settimana in un convento nelle colline di Gerusalemme, non lontano da Abu Ghosh. Lei è in visita in Israele per un paio di giorni e la prossima settimana tornerà in Siria, dove ha vissuto negli ultimi 19 anni. La storia della sua vita è sorprendente come le sue dichiarazioni circa la situazione.

E ‘nata Fadia al-Laham, 61 anni fa a Jounieh, Libano (i suoi genitori erano fuggiti da Nazareth nel 1948). Quando aveva 15 anni suo padre morì, e, come lei stessa ammette, alcuni anni dopo, divenne una hippy che ha usato droghe vagando tra il Nepal e l’India. Sul palmo della mano ha ancora alcuni tatuaggi fatti in India – un ricordo di quella volta nella sua vita. Dice che ama ascoltare i Doors, i Rolling Stones e Santana. Le sue esperienze indiane l’hanno portata ad abbracciare una vita di clausura e, per 22 anni, ha vissuto nella solitudine più totale in un monastero carmelitano in una regione dell’altipiano del Libano.

Suor Agnes-Mariam si trasferì in Siria 19 anni fa e, insieme ad altre due suore, ricostruì le rovine di un monastero, sulla strada principale tra Damasco e Homs, non lontano dal villaggio di Qara. E ‘diventata madre superiora del Monastero di San Giacomo Mutilato. Oltre alle suore del convento, ci sono 20 sunniti rifugiati che hanno cercato asilo dagli orrori della guerra.

È stata costretta a lasciare il monastero nel giugno 2012, dopo le insistenti minacce alla sua vita perché era sospettata di essere un agente del regime di Assad. Il suo monastero è situato tra la zona controllata dall’esercito siriano libero e la zona controllata dalle “legioni straniere”.

Attualmente vive a Damasco ed è un attivista per la pace internazionale, cercando di mettere in guardia il mondo dei pericoli di una scalata jihadista del suo paese di adozione. Lei sta combattendo quello che considera un mucchio di bugie, cercando di contrastare la propaganda e la disinformazione nei media arabi e internazionali, e documentare le atrocità della guerra per l’organizzazione che ha stabilito. E ‘arrivata questa settimana per visitare i parenti a Nazareth e per partecipare a una conferenza interreligiosa in Israele.

L’ho incontrata una prima volta ad una conferenza internazionale di pace a Kuala Lumpur, in Malesia, dove ha fatto uno splendido discorso e presentato video- clip scioccanti su quanto, a suo parere, fanno gli jihadisti. Quando mi fu presentata, lei mi ha detto che ama Israele e che gli ebrei dovrebbero servire come una luce tra le nazioni. Sono rimasto sorpreso di apprendere che era venuta in Israele per una breve visita.

Come libanese, lei sostiene, non può essere sospettata di essere un agente del regime di Assad, perché il Libano è, come si vede, in realtà sotto l’occupazione siriana. Lei presenta questi argomenti per negare le accuse che sono state fatte contro di lei, tra cui l’accusa che lei è personalmente responsabile – nel gennaio 2012 – per la morte del giornalista francese Gilles Jacquier, 43 anni, un giornalista televisivo che era in missione per il canale francese France 2. Lei nega completamente ogni responsabilità per la sua morte, sostenendo che lei l’ha aiutato solo entrare in Siria.

Lei crede che il regime di Assad è l’unica cosa che può salvare la Siria da un sopravvento da parte di Al-Qaeda, e che la maggior parte dei siriani sostiene l’attuale regime. Questo, spiega, è la ragione per cui il presidente egiziano Hosni Mubarak è stato rovesciato così in fretta e perché Assad è ancora in piedi.

Alla fine del 2011, dice, ha cominciato a capire due cose: primo, che non c’era nulla di vero nelle notizie di una opposizione siriana rivolta ai principi democratici, e, dall’altro, che la ribellione era stata lanciata soprattutto da stranieri. In un primo momento, ricorda, sono stati indicati come forze non identificate; tuttavia, sottolinea, la loro vera identità emerse pochi mesi più tardi.

Quando il canale televisivo Al Jazeera del Qatar riferì nelle prime fasi del combattimento che un massacro avesse avuto luogo in uno dei quartieri di Damasco circondato dall’esercito siriano, lei decise di verificare di persona quello che era successo, ed è stato sorprendente scoprire che la relazione era completamente falsa. Secondo Suor Agnes-Mariam, quando espresse le sue condoglianze al prete locale del quartiere, quello non riusciva a capire di cosa lei stesse parlando.

Nel dicembre 2011 si recò a Qusayr, dopo che era stato riferito che i civili erano stati massacrati dall’esercito siriano. Nell’ospedale locale furono mostrati i corpi di 100 civili che erano stati uccisi la sera prima; tuttavia, secondo la testimonianza sa lei raccolta, il massacro è stato veramente compiuto da bande di stranieri.

Suor Agnes-Mariam crede che le vittime siano principalmente causate dai combattimenti tra le stesse forze ribelli. E, in alcuni casi, l’esercito siriano collabora con l’Esercito Siriano Libero contro gli stranieri. A suo parere, gli stranieri vogliono la sharia islamica da applicare a tutte le sfere della vita in Siria, si stabiliscono tribunali popolari, e si giustiziano le persone. Per esempio, lei sostiene, il giudice che è stato nominato nella città settentrionale di Saraqib è in realtà uno che ripara pneumatici.

Negli ultimi mesi ha visitato Homs, Aleppo, Qusayr, e altri luoghi in cui ha avuto luogo la lotta. Inoltre, lei ha visitato ospedali e case private nei suoi sforzi per raccogliere prove per l’organizzazione Mussalaha (Riconciliazione) in Siria, di cui lei è la fondatrice del ramo internazionale.

Durante il presunto attacco chimico, il 21 agosto, lei era a Damasco. La settimana prima dell’attacco, racconta, un massacro scioccante è stato compiuto a Latakia, dove almeno 500 civili sono stati uccisi da organizzazioni appartenenti ad Al-Qaeda, ma i media mondiali hanno appena segnalato questo evento.

Per lei la Siria è tornata al periodo più barbaro della sua storia, e i media stanno in silenzio. Lei crede che Jabhat al-Nusra stia commettendo massacri sia di militari che di civili ed è una minaccia per tutto il mondo civile, specialmente Libano e Israele. Se il regime di Assad sarà rovesciato, una dittatura jihadista emergerà in Siria. Così, lei sostiene, gli Stati Uniti in realtà stanno contribuendo a rafforzare Al-Qaeda.

Suor Agnes-Mariam crede che le immagini della presunta aggressione chimica del mese scorso sono state fabbricate. La maggior parte dei civili in quella zona erano già fuggiti, lei sostiene, quindi come potevano esserci improvvisamente decine di bambini? Questa parte di Damasco ha ora 20.000 combattenti provenienti da Giordania, lei dice. Se sono state utilizzate armi chimiche, si chiede, perché le foto mostrano i medici e decine di persone in piedi nelle immediate vicinanze della scena dell’attacco senza maschere a gas o qualsiasi altra forma di protezione? Dopo tutto, dice, le armi chimiche potrebbe risultare pericolose per loro.

Nel primo presunto attacco chimico, in Aleppo – dove sono state impiegate armi chimiche introdotte dalla Turchia – i medici non hanno nemmeno il coraggio di avvicinarsi ai corpi delle vittime. Nei video clip che sono state diffuse in tutto il mondo e che presumibilmente documentano il più recente attacco chimico, si possono vedere decine di persone in piedi attorno ai corpi. Precisa che lei era a Damasco, quella notte, e che 50 corpi di soldati che erano soffocati, dopo essere stati uccisi dal gas nelle gallerie dell’esercito, sono stati evacuati in un ospedale. Lei sostiene che un battaglione islamico è stato responsabile di quell’attacco, e che questo è stato l’unico attacco chimico che abbia avuto luogo finora nella guerra civile siriana.

L’unica cosa che può fermare i jihadisti, sostiene, è l’esercito siriano. A suo parere, se l’attuale regime cade la situazione in Siria sarà peggio di quello che è oggi in Iraq. Ella implora il presidente degli Stati Uniti Barack Obama di non partecipare a quello che vede come un altro crimine di guerra, come un’altra atrocità commessa contro la popolazione civile. Non riesce a capire perché il mondo è determinato ad andare in guerra ora, perché, secondo lei, il risultato sarà che la Siria sarà controllata da caotici, gruppi estremisti.

Gli Stati Uniti non sono interessati a ciò che è meglio per il popolo siriano, sostiene, ma opera in conformità con i propri interessi. Inoltre, non si riesce a capire perché l’America vuole innescare un’altra guerra regionale, che porterà solo alla nascita di un regime islamico più crudele. “Perché vuoi [l’Occidente] innescare una guerra regionale per sostenere l’Islam radicale?” Chiede. “Perché?

“Gli Stati Uniti dicono di avere la prova, ma questo non basta. Sono una parte del conflitto, in modo che non può essere un giudice. E’ molto pericoloso quando una nazione cerca di essere il giudice e la polizia del mondo. Questa non è la prima volta che hanno fatto un errore. “E aggiunge:” Non abbiamo bisogno di un’altra falsa guerra “.

“Che cosa può fare l’Occidente?” Le abbiamo chiesto. Lei ha risposto che dovrebbe smettere di alimentare i ribelli con le armi. “E’ uno scandalo quello che l’Occidente sta facendo.”


Nessun commento:

Posta un commento