Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 2 maggio 2017

7 maggio 2017 - “La lotta di classe esiste, e l’abbiamo vinta noi”. Noi miliardari. Sapranno i francesi ad azzerare la situazione per ripartire? Melenchon è un falso ideologico consapevole

FRANCIA. E’ LOTTA DI CLASSE, MA DISTORTA ALLA RADICE.

Maurizio Blondet 24 aprile 2017 

Viene da dire ai francesi: se vi piace così… avete votato per altri cinque anni di “grand remplacement”, per farvi sostituire a tappe ancor più forzate da stranieri musulmani . Avete votato per il governo dei Rotschild, della finanza internazionale, della deflazione-recessione. Altri cinque anni di soggezione a Berlino, alla UE, all’austerità, al precariato, alla riduzione salariale: avete votato per altri cinque anni di Hollande. Avete votato per la globalizzazione, per la NATO, per la guerra alla Russia.

Avete votato per un tizio artificiale creato apposta nei laboratori della nota lobby, un dipendente della banca Rotschild, uno che è stato ministro dell’economia con Hollande e Valls, due anni durante i quali ha varata uno “legge sul lavoro” (legge Macron) contro la quale migliaia di voi sono scesi in piazza, e che il primo ministro Valls ha dovuto far passare per decreto, a forza. Avete votato uno il cui programma è vuoto come la sua testa.

Avete confermato il potere delle burocrazie e la dittatura dei LGBT.

Avete fatto brindare le Borse, gli speculatori, fatto tirare un sospiro di sollievo ad Angela Merkel, Schulz e Schauble. Vien da dire: francesi, se vi piace così…

Ma c’è una parola sbagliata in questa frase. Ed è la parola “francesi”.

Occorre qualche distinzione. I francesi poveri hanno votato massicciamente il Front National; i francesi ricchi e benestanti, hanno votato Macron. Il voto a Marine ricalca fedelmente la distribuzione nazionale della disoccupazione, della povertà, della iniquità sociale – il Nord abbandonato e il Meridione invaso da musulmani. Hanno votato FN le classi popolari, gli operai. Parigi, la ricca cosmopolita capitale, non ha votato per Marine.

(Da IcebergFinanza – Povertà e voto per il FN)

La cosa è notata persino da Figaro, un quotidiano “moderato” e tutt’altro che lepenista (ha fatto campagna per Fillon) : “L’elettorato di Macron raccoglie la Francia che va bene, la Francia ottimista, la Francia dei buoni guadagni; la Francia che non ha bisogno né di frontiere né di patria, questa Francia “aperta” e generosa perché ne ha i mezzi. La Francia di Marine Le Pen è la Francia che soffre, che si inquieta del proprio avvenire, della fine del mese, che soffre di vedere i padroni prender tanti soldi; che freme davanti all’incredibile arroganza di questa borghesia che le impartisce lezioni di umanesimo e progressismo dall’alto dei suoi 5 mila euro mensili o più”.

E’ una lotta di classe. E’ la lotta di classe di cui ha parlato anni fa il miliardario Warren Buffett, finanziere: “La lotta di classe esiste, e l’abbiamo vinta noi”. Noi miliardari.

Persino sul Figaro si riconosce che nell’ammucchiata “repubblicana” con cui tutti gli altri si uniscono per votare Macron al secondo turno, si configura un esproprio dei poveri. “Qualunque cosa si pensi della candidata del Front National, v’è qui una forma di ingiustizia: la Francia “di sopra” si appresta a confiscare alle classi popolari l’elezione presidenziale, la sola elezione che impegna davvero il loro destino”.


Il punto è che la chiarezza della lotta politica – con la chiara coscienza di chi sia il “nemico principale” – è distorta alla radice da vari elementi. Uno è ben noto e condivido da tutti noi europei: il fatto che la classe sfruttatrice si è appropriata anche dell’etichetta di “sinistra”. I miliardari, i burocrati, gli oligarchi sono oggi “i progressisti”. Oggi è progressista sputare sul popolo “sovranista, xenofobo, omofobo”, arretrato.


I “socialisti” francesi hanno in Micron il loro candidato, uscito dai loro circoli, sappiamo del resto che è “progressisti” essere liberisti, globalisti e per più Europa. Melenchon, il candidato super-trotzkista e ultrasinistro, con il suo programma antisistema e anti-euro, ha preso quasi il 20 per cento dei voti: il suo ruolo è stato intercettare una quota di malcontento proletario che, altrimenti, probabilmente sarebbe andato a La Pen.

I comunisti (per quel che ne resta) hanno invitato i loro elettori a votare Macron: riconoscendo, si badi, che è il “candidato che gli ambienti finanziari hanno scelto per amplificare le loro politiche liberali di cui il nostro paese soffre da 30 anni”. Ma nonostante tutto, i veri comunisti devono “sbarrare la strada a Marine Le Pen, alla minaccia che costituisce il Front National per la democrazia, la Republica, la pace”. Così sul loro giornale ufficiale, l’Humanité:


Commenta Alain Soral, che viene da quelle fila: “Il Partito Comunista invita a votare Rotschild – Ossia: come tradire il popolo fino in fondo”.


Ovviamente non ci stupiamo. Ci guida la sentenza di Spengler, che spesso rievochiamo: “La Sinistra fa sempre il gioco del grande capitale. A volte perfino senza saperlo”. 

Ma il peggio di tutto non sono costoro, in fondo.

“La grande moschea di Parigi invita i musulmani a votare “massicciamente” Macron. Il Consiglio Francese del Culto Musulmano (CFCM) farà lo stesso appello al secondo turno, vista “la situazione eccezionale”.

Nei quartieri islamici, racconta Marco Imarisio del Corriere, “Samir Moussa, origini algerine”; dice: “Questo tizio [Macron] non mi piace. Se rappresenti le banche, non puoi parlare a nome del popolo. Ma l’ho votato, perché è l’unico che può impedire l’arrivo di quella là». Non riesce neppure a chiamarla per nome. Sua moglie Abra, di famiglia del Togo, impiegata presso Airbus, smette per un attimo di sorridere e la chiama con nomi irriferibili. «Scenderemo in piazza per Macron, faremo campagna. Barrage républicain , sbarramento repubblicano. Non riesco a pensare a una Francia che vota per quella donna».

Nel quartiere, i manifesti con “le facce degli undici candidati sono state ricoperte tutte, nessuna esclusa, dall’acronimo TSQE dipinto con spray rosso. Non importa chi, ma «Tous sauf que elle», tutti tranne lei.

La lotta di classe falsata alla radice dalla divisione etnica e razziale.

Si fa presto a dire “francesi”. Anzi,forse è ormai tardi per chiamare i votanti “francesi”. Il Grand Remplacement è troppo avanzato.



Jacques Attali profetizzò oltre un anno fa che alla presidenza francese sarebbe andato “uno sconosciuto”, e precisò : “Noi apportiamo il programma”. Chi sono i noi? Attali, j, teorico del governo unico mondiale (“Una istituzione di sorveglianza finanziaria planetaria”) di cui l’Unione Europea dovrebbe essere il laboratorio, è stato ministro di Mitterrand; presidente della BERD (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo), consigliere indifferentemente di SArkozy e di Hollande. 
E sicuramente lo sarà di Micron.

Attali nel 20012,con l’ancora sconosciuto Macron



Nessun commento:

Posta un commento