Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 25 maggio 2017

Francia - ben venga la crisi del Fronte Nazionale, ora o si diventa euroimbecilli, o si definisce fino in fondo qual'è il Progetto Criminale dell'Euro. O si è carne o si è pesce, non è più tempo per le mezze misure su questa questione fondamentale

De Benoist: «E se il futuro del populismo fosse a sinistra?»

ALAIN DE BENOIST TEORICO E FONDATORE DELLA “NUOVA DESTRA”


La Francia, dopo la vittoria di Macron, si avvicina alle elezioni legislative ma resta comunque l’incognita del Front national, in crisi dopo l’onorevole sconfitta, il “populismo di sinistra” di Mélenchon e la crisi disocialisti e i gollisti. Ne abbiamo parlato col filosofo francese Alain de Benoist, teorico di quella che è comunemente detta Nouvelle Droite, una delle più interessanti correnti filosofiche contemporanee, critica verso il dominio del mercato sulla politica e sulla vita dei cittadini.

Al ballottaggio di domenica 7 maggio 2017 ha vinto Emmanuel Macron. Marine Le Pen, per vincere il ballottaggio, doveva intercettare il consenso di Mélenchon. Non è successo. Pensa che il leader gauchista sia rimasto ancorato ad etichette ideologiche novecentesche?

Non credo che Mélenchon sia particolarmente prigioniero di “vecchie etichette ideologiche”, ma data la sua posizione politica, non poteva invitare a votare per Marine Le Pen. Tuttavia ha rifiutato di votare a favore della Macron, il che è già molto – e gli è valso molte critiche. Marine Le Pen, da parte sua, poteva anche trovare una sponda tra gli elettori di François Fillon. Le analisi elettorali mostrano che il secondo turno ha ricevuto circa il 15% dei voti Mélenchon e circa il 25% dei voti Fillon.

Quanto influiranno le elezioni legislative sulla tenuta di Macron? Il Front National può confermare il risultato del ballottaggio, vista la base sociale che l’ha sostenuto? 

Data la natura molto povera della campagna elettorale di Marine Le Pen, e il suo scarso rendimento contro Macron, il Front National sta attraversando un periodo piuttosto agitato. Florian Philippot [ fra i principali consiglieri di Marine Le Pen, n. d. r.] è fortemente contestato, Marion Maréchal- Le Pen è partita. Internamente, la critica è in crescita e il movimento di Macron è dato favorito. Il Fn spera di avere una quindicina di deputati, che gli permetterebbe di formare un gruppo all’Assemblea nazionale. Ma queste elezioni saranno molto complicate, dal momento che in alcuni casi si vedrà nel secondo turno molte “triangolari” e “quadrangolari”.

Lei ha più volte parlato di populismo come “rivolta del ceto medio”, sintomo di una crisi irreversibile, eppure il fenomeno Macron è stato supportato nelle grandi città urbanizzate, dove il rischio di episodi legati alla jihad si sente in modo più pressante. Come mai?

Il populismo è un modo di articolare la domanda politica e sociale dal basso e vede le classi dirigenti (” quelli in alto”) come una casta oligarchica ansiosa di non difendere i propri interessi. La sua base sociale è costituita dalle classi popolari e la parte inferiore della classe media. Negli ultimi anni, la classe media, che aveva sviluppato, al momento di “Trenta gloriosi” [ gli anni che vanno dal 1946 al 1976, n. d. r.] e che costituivano il grosso degli elettori dei grandi partiti tradizionali, si trovarono gradualmente schiacciata verso il basso. Oggi rischiano il declassamento. Macron, al contrario, recluta principalmente dalla borghesia delle città, i dirigenti, “bobos”, ecc Gli attacchi terroristici che si svolgono nelle grandi città non cambiano la questione, dal momento che tutti i governi sostengono di combattere il terrorismo. Non è terrorismo, ma l’immigrazione incontrollata a preoccupare gli elettori del Front National.

Il centro studi che lei fondò nel 1968, il G. R. E. C. E., promotore di quella che è nota come Nouvelle Droite, è stato uno dei primi ad analizzare il fenomeno della globalizzazione fin dall’ 81, quando Guillaume Faye pubblica Il sistema per uccidere i popoli, dove si preannunciava il dominio dell’alta finanza e delle multinazionali sulla politica. L’ascesa e la vittoria di Macron, “uomo di Rotschild”, la nomina di ministri vicini a potenti lobby è la conferma delle vostre analisi?

Io non sono il fondatore del G. R. E. C. E. [ ne è però cofondatore, n. d. r.] e Guillaume Faye non appartiene più alla Nouvelle Droite da oltre trent’anni! Detto questo, è certo che il lavoro che abbiamo pubblicato alla fine degli anni ‘ 70 prefigurava i principali sviluppi degli ultimi anni: la globalizzazione, il declino della politica, l’ascesa dell’individualismo, il ruolo dei mercati finanziari, la crisi finanziaria, ecc. Ma personalmente non userò frasi come “alta finanza”, e molto meno “Macron, uomo di Rothschild”. Si tratta di formule polemiche, caratteristiche di una destra radicale a cui non appartengo. Preferisco attenermi a parole semplici e dirette. Ia lotta è contro il sistema capitalistico e la società di mercato.

Il portavoce del leader della “France insoumise”, ha dichiarato a Le Monde che neppure uno dei loro voti sarebbe finito nelle mani del leader del Fn, nonostante Mélenchon abbia poi detto che non avrebbe votato per Macron. Ricapitoliamo: l’astensione e’ stata molto elevata, totalizzando il 25,44%, in aumento anche rispetto al primo turno ( 22,23%). Le schede bianche sono state l’ 8,51% e le nulle il 2,96%, per un totale dell’ 11,47%, pari a oltre 4 milioni di elettori, il dato più elevato mai registrato dall’inizio della Quinta Repubblica in un’elezione presidenziale. Pensa che Mélenchon possa partire da questi numeri per la creazione di un progetto populista “socialista”?

Macron è stato eletto per difetto, dal momento che quasi la metà di coloro che hanno votato per lui, ha fatto in modo da “bloccare” l’avanzata del Fn. Le cifre mostrano che che un numero considerevole di francesi non era né con Macron né con la Le Pen. Questo è uno dei dati che Macron deve prendere in considerazione se si vuole vincere le elezioni a giugno. Il suo governo è stato abilmente composto per dividere i gollisti. Il Partito Socialista, nel frattempo, sembra in piena agonia. Il Front National ora sta attraversando una forte turbolenz. E quindi Mélenchon, anche grazie alla sua abilità oratoria è quello che ha fatto la migliore campagna. L’ambizione immediata è sostituire il Partito socialista. I suoi rapporti con il Partito Comunista, tuttavia, sono molto deteriorati.

Il prof. Marco Tarchi nei suoi studi sul populismo ha definito questo fenomeno non come un’ideologia, ma come una mentalità, una forma mentis, uno stile linguistico che travalica le categorie politiche tradizionali e che accomuna soggetti diversi, di destra e di sinistra. Pensa che la Francia possa essere un “laboratorio politico” per un populismo socialista di sinistra? La sinistra deve “ritornare al popolo” per tornare a contare?

Sono d’accordo con Tarchi. Il populismo non è un’ideologia, ma uno stile politico che può essere combinato con qualsiasi ideologia. Questo è ciò che spiega la diversità del populismo. Jean- Luc Mélenchon è stato molto influenzato dal movimento spagnolo Podemos, che ha preso su alcune questioni, in particolare dai due attuali principali teorici del “populismo di sinistra”: l’argentino Ernesto Laclau, recentemente scomparso, e la moglie, il politologo belga Chantal Mouffe. La questione è se la sinistra e l’estrema sinistra francese sono pronti a prendere una vera e propria “svolta populista”. Dovremmo sapere nei prossimi mesi.

Queste elezioni hanno letteralmente scompaginato il classico schema bipolare socialisti/ gollisti, con l’affermazione di due soggetti “altri”. Cosa ha determinato il collasso della sinistra socialista, nonostante la candidatura senz’altro più progressista di Benoît Hamon?

I due “partiti maggiori” sono stati anche tradizionalmente portatori del divario destra- sinistra. Il punto comune tra Macron e Le Pen è aver cercato di superare questo divario. Questo è un punto fondamentale. Agli occhi della classe operaia, la sinistra non appare più come una forza risoluta capace di opporsi all’influenza del capitale e la legge del profitto. Come inoltre, si rifiuta di prendere una posizione critica sulla questione dell’immigrazione, una spaccatura profonda si è aperta tra la sinistra e la gente. Gli operai ora votano per il Front National. Per frenare questa tendenza, può ( e vuole) riconquistare la gente, cosa tutt’altro che ovvia, oggi.

Nessun commento:

Posta un commento