Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 2 maggio 2017

Immigrazione di Rimpiazzo - le Ong sono strumenti consapevoli per destabilizzare l'Italia e depredarla

Da vedere
La verità su Ong, migranti e politica la racconta un blogger di 23 anni con un video che spopola sul web

 30 Aprile 2017


Luca Donadel: non sapevo chi fosse finchè mio figlio, che come tutti i giovani usa i social, mi ha fatto vedere un suo video, postato nella sua pagina Facebook il 6 marzo. Un video di meno di nove minuti, che a oggi ha avuto due milioni e settecentomila visualizzazioni. Un video in cui questo ragazzo di 23 anni, usando la rete in modo verificabile – quindi attendibile – mostra le rotte delle navi delle ong che vanno a raccogliere i migranti a poche miglia dalle coste libiche, e non in mezzo al mare.

Luca Donadel ha fatto la cosa più logica che chiunque fosse veramente intenzionato a capire cosa succede in mare avrebbe potuto fare: per 400 euro al mese ha comprato un programma in rete – e ne mostra la schermata, quindi ognuno può leggerne il nome e andare a controllare - con cui ha seguito le rotte delle navi delle ong, navi di cui conosceva il nome perché riportate nelle notizie dei salvataggi – e anche qui mostra le schermate dei quotidiani on line, con il nome delle navi e le date, quindi anche questo verificabile.

Poi ci fa vedere il tutto, su cartine che consentono di controllare la differenza e la distanza che c’è fra il canale di Sicilia – dove di solito si dice vengano fatti i salvataggi – e le coste libiche, dove invece avvengono veramente. Con assoluta trasparenza Donadei mostra le fonti – per esempio dichiarazioni dell’Unione Europea che dichiarano che l’80% degli arrivi è di persone irregolari, che non scappano da guerre - e ci fa intuire con chiarezza l’enorme business sui migranti.

Non ci sono nomi di ong, rivelazioni, ipotesi complottistiche, denunce: Luca Donadel è “semplicemente” un ragazzo che sa usare la rete e desidera scovare i fatti, oltre che essere bravo nella costruzione del video, dato che in pochi minuti dice quello che altri per raccontarlo avrebbero impiegato ore. Un promettente giornalista del terzo millennio, capace di una vera inchiesta, a cui auguriamo buona fortuna, visto anche i durissimi e ingiusti attacchi che lo hanno colpito da quando ha lanciato questo video, e considerando che in molti hanno saccheggiato il suo materiale e le sue idee senza citarlo. In queste ore, infatti, nei social cominciano a vedersi mappe marittime con le rotte di alcune navi delle ong, colte sempre rigorosamente a ridosso delle coste libiche.

Il video va visto perché, fra coloro che lo hanno attaccato, non mi pare che nessuno sia stato in grado di confutare i fatti riportati, e di rispondere ad alcune semplici domande: è vero o no che le navi delle ong vanno a prendere i migranti quasi in spiaggia, in Libia? E’ vero o no che questo incoraggia i migranti a partire, anche perché può bastare persino il gommone che portiamo noi al mare d’estate? E’ vero o no che i morti in mare sono aumentati vertiginosamente da quando i soccorsi vengono forniti in questo modo? E infine: quanto costa “l’affare migranti”, chi paga, chi ci guadagna, e quanto?

Il punto, infatti, non è quello di negare che le ong raccolgano profughi in mare salvando le loro vite. Qua non stiamo discutendo – tanto per essere chiari – l’alternativa fra salvare i migranti o lasciarli affogare. Una volta in mare quella gente va soccorsa, punto e basta. Qua stiamo cercando di capire cosa sta succedendo: perché non c’è bisogno di essere complottisti per capire che se c’è business – e che business! – c’è chi tutto questo lo organizza e lo incoraggia, incurante dei morti in mare ma anche del destino di queste persone che scappano per cercare spesso qualcosa che poi non trovano, cioè un facile benessere.

Chiedersi se c’è un business e chi ci guadagna e quanto significa mettersi dalla parte dei migranti, e non contro di loro: dobbiamo cercare di modificare i termini – sbagliati – del dibattito in corso, e cioè la contrapposizione tra chi vuole cacciare indiscriminatamente i profughi e chi invece li vorrebbe accogliere tutti quanti, senza dire come. Se veramente vogliamo parlare di ponti e non di muri, di solidarietà e non di egoismo, dobbiamo capire se questo immenso esodo che sembra non avere fine è incoraggiato, se non pilotato, da chi ha altri interessi, i propri interessi, e non quelli dei migranti, pedine di un disegno più grande di loro.

Nessun commento:

Posta un commento