Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 4 maggio 2017

Sardex, la moneta complementare è una realtà che si sta espandendo in tutta l'Italia e se si allarga a tutti i cittadini è fatta

Cos’è e come funziona Sardex, la moneta complementare presto utilizzabile da tutti

icon calendar   icon person 
Cos'è e come funziona Sardex, la moneta complementare presto utilizzabile da tutti

Cos’è e come funziona Sardex, la moneta complementare nata in Sardegna che sta prendendo sempre più piede, tanto che a breve potrà essere utilizzata da tutti i cittadini.

Cos’è e come funziona Sardex, lamoneta complementare nata in Sardegna e che ore si è allargata anche in altre regioni d’Italia, tanto che a maggio si prevede che il suo utilizzo possa essere esteso a tutti i cittadini.
Sono numeri importanti quelli fatti registrare da Sardex e le altre monete complementari sorelle nate in altre regioni nel 2016, tanto che quello che è stato il primo tentativo di creare una valuta virtuale in Italia è ormai una realtà solida, che sta risvegliando il giro d’affari delle aziende che fanno parte del circuito.
Un sistema di scambio commerciale in continua crescita, nato nel 2009 in un piccolo centro sardo che ha preso come modello il Wir ideato in Svizzera nel 1936, un sistema di moneta complementare che al momento è capace di muovere l’1% del Pil elvetico.

Dopo esser sbarcato anche in altre regioni, adesso il Sardex è pronto per effettuare il salto di qualità decisivo, estendendosi a tutta la nazione e permettendo anche a tutti i cittadini di poter entrare a far parte di questo sistema commerciale.
Vediamo allora cos’è e come funziona questo Sardex, la moneta complementare che ben presto potrebbe entrare a far parte delle modalità d’acquisto degli italiani.

Cos’è Sardex? La nascita e lo sviluppo

La storia di Sardex è una sorta di piccola favola moderna. Metti quattro giovani laureati in un paese come Serramanna, piccolo centro di poco più di 9.000 anime in provincia del Medio Campidano, zona sita poco più a Nord di Cagliari.
Partono quindi da questo piccolo centro di provincia Carlo MancosuPietro Sanna e i fratelli Giuseppe e Gabriele Littera, che nel 2009 decidono di dare vita al Sardex, la prima moneta complementare nata in Italia quando la nazione stava vivendo un periodo di forte crisi economica.

Il Sardex è stato concepito ed è nato come una camera di compensazione di debiti e crediti, dove non esiste il tasso d’interesse e la valuta è utilizzata soltanto per acquistare o vendere beni o servizi.
Il scopo finale non è l’accumulo di Sardex, visto che non si maturano interessi e non si può neanche tramutare la valuta in euro, ma l’incremento degli scambi commerciali tra le imprese.
Dopo l’inizio in Sardegna, sono state create anche altre monete complementari in diverse regioni italiane: in Piemonte c’è il Piemex, in Lombardia il Circuitolinx, in Veneto il Venetex, in Emilia il Liberex, nel Lazio il Tibex, in Campania il Felix e infine in Valle d’Aosta è stato appena creato il Valdex.
Al momento il Sardex può contare 3.500 iscritti, in Italia in totale sono 8.500, con un giro d’affari di circa 140 milioni negli ultimi quattro anni, con il numero totale delle operazioni che è cresciuto in maniera esponenziale nel 2016.

Basti pensare a riguardo che il più giovane Tibex, la moneta complementare in vigore nel Lazio, conta 300 soci per un volume d’affari nel 2016 che è stato di 2,1 milioni per un totale di più di 1.500 operazioni eseguite.

Come funziona il Sardex?

Per capire meglio come funziona il Sardex può essere d’aiuto fare ricorso a unesempio concreto. Ipotizziamo quindi di essere un falegname di Cagliari, che decide di iscrivere la propria attività al circuito.
Per potersi iscrivere bisogna pagare una quota annua che va dai 200 euro ai 4.000 euro, a seconda della grandezza dell’azienda, ricevendo in cambio un corrispettivo in Sardex che possiamo iniziare quindi a utilizzare.
Visto che 1 Sardex vale 1 euro, mettiamo che al momento dell’iscrizione abbiamo un budget di 500 Sardex e che quindi possiamo iniziare a vendere e acquistare nel circuito, dove ci sono anche dei broker che facilitano i contatti tra i vari iscritti.

Un ristoratore di Cagliari quindi può richiedere alla mia falegnameria un tavolino nuovo, che io consegnerò ricevendo poi il corrispettivo in Sardex tramite una transazione attraverso il circuito.
Al tempo stesso, posso pagare una cena in quel ristorante con la stessa moneta complementare oppure comprare carne da un macellaio o un corso d’inglese da un centro linguistico.
In questa maniera si incentivano gli scambi, anche perché i Sardex devono essere utilizzati entro un determinato lasso di tempo quindi, visto che non generano interessi e non si possono convertire in euro, tutti gli iscritti sono spinti a spendere facendo girare l’economia all’interno del circuito.
Ogni operazione portata a termine viene tracciata, con le tasse relative che poi vengono pagate in euro. Tutto è quindi alla luce del sole, motivo per cui questa moneta complementare ha trovato il pieno appoggio anche di istituzioni come Confindustria e Confcommercio.

L’espansione del Sardex

Quando venne ideato nel 2009, il Sardex era circoscritto alle sole aziende. Negli ultimi tempi però è stato esteso anche a soci, amministratori, dipendenti e collaboratori delle imprese associate. Speso anche parte degli stipendi vengono pagati con la moneta complementare.
Dalla Sardegna quindi questo sistema commerciale è arrivato anche in diverse altre regioni, con la sede centrale di Serramanna che conta di poter coprire tutto lo stivale entro la fine dell’anno.
maggio intanto dovrebbe prendere il via anche un’altra grande novità. Con la Sardegna che farà da pilota, la possibilità di iscriversi al circuito Sardex sarà allargata anche a tutti i cittadini, che così potranno effettuare acquisti nelle aziende facenti parte del network.
Oltre alla crescita continua, questo sistema commerciale recentemente è stato oggetto di studi da parte della London School of Economy, oltre ad aver attirato le attenzioni anche della politica, con la sindaca Virginia Raggi che in campagna elettorale parlò in maniera positiva del Tibex.

Non resta dunque che vedere dove potrà arrivare il Sardex, questo sistema diverso dai Bitcoin o dall’antico baratto che è stato capace in pochi anni di rinvigorire il giro d’affari di aziende che ormai si erano impantanate nella palude della crisi economica.

Nessun commento:

Posta un commento