L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 2 giugno 2017

Ceta - Noi Italiani lo stiamo dicendo in tutti i modi che l'agricoltura, uno dei tre settori fondamentali dell'Italia (insieme all'industria e all'energia pulita) la si deve proteggere e rilanciare con investimenti e non darlo in mano alle multinazionali

"L’accordo CETA è un regalo alle grandi lobby industriali dell’alimentare"

Walter Feltrin, presidente di Coldiretti Treviso, attacca il documento firmato tra l'Unione europea e il Canada nell'ottobre 2016 che nelle prossime settimane sarà all'esame del Parlamento italiano
Redazione01 giugno 2017 15:37

TREVISO “La politica intervenga ed i cittadini siano informati. Non possiamo mangiare prodotti al gliphosate e se la prendono con i nostri vigneti”. Walter Feltrin, presidente di Coldiretti Treviso è incredulo su come stia montando da una parte un problema strumentalizzato dai più e dall’altra tutti sono in balia della propria ignoranza indotta da chi “se ne frega” della trasparenza agroalimentare. “L’accordo CETA è un regalo alle grandi lobby industriali dell’alimentare che colpisce il vero Made in Italy e favorisce la delocalizzazione, con riflessi pesantissimi sul tema della trasparenza e delle ricadute sanitarie e ambientali – sottolinea Feltrin in riferimento al Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA), firmato tra l'Unione europea e il Canada nell'ottobre 2016 che nelle prossime settimane sara’ all'esame anche del Parlamento italiano – Spero che i nostri parlamentari trevigiani se lo siano letto bene e che sappiamo i metodi di coltivazione in Canada”.

L’appello ai parlamentari trevigiani spinge in una direzione: “Nei trattati va riservata all’agroalimentare una specificità che tuteli la distintività della produzione e possa garantire la tutela della salute, la protezione dell’ambiente e della libertà di scelta dei consumatori – aggiunge Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Treviso - Il Ceta uccide il grano duro italiano con il crollo dei prezzi favorito dall’azzeramento strutturale i dazi per l’importazione dal Canada dove peraltro viene fatto un uso intensivo di glifosate nella fase di pre-raccolta, vietato in Italia perché accusato di essere cancerogeno. Oltre la metà del grano importato dall’Italia arriva proprio dal Canada dove le lobby in vista dell’accordo CETA sono già al lavoro contro l’introduzione in Italia dell’obbligo di indicazione della materia prima per la pasta previsto per decreto e trasmesso all’Unione Europea, trovando purtroppo terreno fertile anche in qui da noi”.

E le polemiche sui nostri vigneti? “Al di là che i trattamenti di oggi sono acqua di rose in confronto a 20 anni fa dimostrando che sono gli stessi agricoltori a creare qui da noi un modello di agricoltura sostenibile – conclude Feltrin – C’è da chiedere a tanti cittadini, specie a quelli che strumentalizzano oggi e si candidano domani, gli stessi che hanno invaso con le loro case le aree rurali se non considerano che il settore primario abbia più diritto di loro di stare in campagna?. Ai comuni chiedo se sanno che esiste un Ministero della sanità. Lo dico perché prendere decisioni sostituendosi ad esso sembra quasi che si speri di inondare il territorio di vitigni ogm resistenti anche al buon senso”.

Nessun commento:

Posta un commento