Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 5 giugno 2017

Falcone&Borsellino - in Italia si continua a proteggere chi commette i reati e mai le vittime

Totò Riina, Cassazione apre alla scarcerazione

Per i supremi giudici ogni detenuto ha diritto a una morte dignitosa e il boss di Cosa Nostra, ormai 86enne, soffre di varie patologie

Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2017

Totò Riina, il boss di Cosa Nostra
Previous
13 | 13Ansa

Roma, 5 giugno 2017 - La Cassazione 'apre' al differimento della pena per Totò Riina, capo di Cosa Nostra. Il "diritto a morire dignitosamente" va assicurato ad ogni detenuto, argomentano i giudici. Tanto più che, fermo restando lo "spessore criminale", va verificato se Totò Riina possa ancora considerarsi pericoloso vista l'età avanzata e le gravi condizioni di salute. 
Il boss, ormai 86enne, soffre di diverse gravi patologie. Sulla base di queste indicazioni, il tribunale di sorveglianza di Bologna dovrà decidere sulla richiesta del difensore del boss, finora sempre respinta. 

Per la prima volta la prima sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso del difensore di Totò Riina, che chiede il differimento della pena o, in subordine, la detenzione domiciliare. La richiesta (si legge nella sentenza 27.766, relativa all'udienza del 22 marzo scorso) era stata respinta lo scorso anno dal tribunale di sorveglianza di Bologna, che però, secondo la Cassazione, nel motivare il diniego aveva omesso "di considerare il complessivo stato morboso del detenuto e le sue condizioni generali di scadimento fisico".

Il tribunale non aveva ritenuto che vi fosse incompatibilità tra l'infermità fisica di Riina e la detenzione in carcere, visto che le sue patologie venivano monitorate e quando necessario si era ricorso al ricovero in ospedale a Parma. Ma la Cassazione sottolinea, a tale proposito, che il giudice deve verificare e motivare "se lo stato di detenzione carceraria comporti una sofferenza e un'afflizione di tale intensità" da andare oltre la "legittima esecuzione di una pena".

Il collegio ritiene che non emerga dalla decisione del giudice in che modo si è giunti a ritenere compatibile con il senso di umanità della pena "il mantenimento in carcere, in luogo della detenzione domiciliare, di un soggetto ultraottantenne affetto da duplice neoplasia renale, con una situazione neurologica altamente compromessa", che non riesce a stare seduto ed è esposto "in ragione di una grave cardiopatia a eventi cardiovascolari infausti e non prevedibili".

La Cassazione ritiene di dover dissentire con l'ordinanza del tribunale, "dovendosi al contrario affermare l'esistenza di un diritto di morire dignitosamente" che deve essere assicurato al detenuto. Inoltre, ferma restano "l'altissima pericolosità e l'indiscusso spessore criminale" il tribunale non ha chiarito come tale pericolosità "possa e debba considerarsi attuale in considerazione della sopravvenuta precarietà delle condizioni di salute e del più generale stato di decadimento fisico".

LE REAZIONI - Se l'associazione Antigone sottolinea che si tratta di "una sentenza molto importante poiché pone il tema della dignità umana e di come essa vada preservata anche per chi ha compiuto i reati più gravi", molti si strappano le vesti rispetto alla prospettiva della scarcerazione del boss. 
A partire dal senatore Maurizio Gasparri, che su Twitter si chiede:


#Riina sta male? Ci sono carceri attrezzate per l'assistenza medica necessaria

Non meno contrario alla clemenza Matteo Salvini, che per Riina invoca il 'fine pena mai':



Secondo la Corte di Cassazione il signor TOTÒ #RIINA avrebbe diritto a morire dignitosamente e quindi ad USCIRE DI GALERA.

L'indignazione però è bipartisan: Sonia Alfano, di Articolo 1 Mdp (e il cui padre fu ucciso dalla mafia nel '93), commenta: "Tanti altri detenuti sono morti nelle carceri italiane durante il loro periodo di detenzione, eppure i togati di Cassazione non si sono pronunciati in alcun modo a loro difesa, e di sicuro non avevano sulle spalle un numero infinito di efferati e tragici delitti compiuti e ordinati come quelli a carico di Riina. Vorrei peraltro ricordare agli stessi giudici che uomini e donne, servitori di questo Paese, sono stati fatti trucidare da questa belva che non hai mai accennato ad alcun segnale di pentimento. Eppure, cari Giudici, anche loro avevano diritto ad una morte dignitosa, e magari anche a invecchiare con i loro affetti. Invece grazie a stragisti del calibro di Riina tante famiglie come la mia continuano a piangere i loro cari e a vivere nel loro ricordo e nella speranza che lo Stato Italiano non infligga ancora una volta l'ennesimo oltraggio alla loro memoria, soprattutto alla luce della richiesta di verifica inoltrata dalla stessa corte di Cassazione al giudice che deve verificare e motivare 'se lo stato di detenzione carceraria comporti una sofferenza ed un'afflizione di tale intensità da andare oltre la 'legittima esecuzione di una pena'. Chissà se i giudici si riferiscono 'alla stessa morte dignitosa' inflitta alle sue vittime", conclude Sonia Alfano.

Più composito il parere di don Luigi Ciotti: "C'è una persona malata, al quale lo Stato deve riservare un adeguato trattamento terapeutico a prescindere dai crimini commessi (...). Ma c'è anche una vicenda di violenza, di stragi e di sangue che ha causato tante vittime e il dolore insanabile dei loro familiari - sottolinea il sacerdote - c'è un diritto del singolo, che va salvaguardato. Ma c'è anche una più ampia logica di giustizia di cui non si possono dimenticare le profonde e indiscutibili ragioni". 

Nessun commento:

Posta un commento