L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 17 giugno 2017

Siria - gli Stati Uniti la finiscono di invadere le terre del popolo siriano se ne ritornino in America

SCONTRI TRA ESERCITO SIRIANO E SDF. LA CORSA ALLA VITTORIA SULL’ISIS OBBLIGA GLI USA AD UNA SCELTA


(di Giampiero Venturi)
15/06/17 

Ad Al Zakf, circa 60 km di deserto a est di Al Tanf, la guarnigione congiunta fra Free Syrian Army e truppe USA è stata rinforzata nelle ultime 48 ore con l’arrivo dei sistemi missilistici HIMARS. L’approvvigionamento delle forze americane passa per la Giordania, unico sbocco rimasto ai reparti presenti nel sud della Siria.

Alcune precisazioni.

Il Free Syrian Army è un cartello di fazioni spesso in contrasto fra loro, ma unite dalla comune lotta al governo di Assad. Nel sud della Siria la branca più importante è il Maghawir al Thawra (Guardie Rivoluzionarie), formate ed equipaggiate dagli Stati Uniti per creare una zona cuscinetto a sud della Siria, fuori dal controllo di Damasco. Il gruppo ha due caratteristiche: non ha mai sparato un colpo contro l’ISIS; molti suoi militanti hanno avuto connessioni con Al Qaeda.

Secondo quanto riferito da fonti militari, la giustificazione per l’arrivo dei rinforzi USA è la previsione di rafforzamento dello Stato Islamico nell’area.

Il dubbio sorge alla luce del fatto che le forze americane e l’FSA presenti intorno ad Al Tanf non confinano con l’ISIS, ma con l’esercito siriano che ha raggiunto la frontiera e si è unito ai paramilitari iracheni che operano oltre confine (leggi articolo).

Mentre scriviamo, rinforzi all’esercito di Damasco arrivano dai paramilitari sciiti iracheni di Harakat Al Nujaba, in previsione della prossima offensiva su Abu Kamal, città di confine siriana posta sull’Eufrate e controllata dall’ISIS.

I siriani e i loro alleati hanno raggiunto l’obiettivo di impedire l’allargamento della zona d’influenza ai ribelli filoccidentali (cosa simile era successa a est di Aleppo, quando i siriani avevano tagliato la strada ai turchi verso Raqqa). Ora la palla sta agli USA. Se i siriani procederanno nel recupero della frontiera sud, eliminando le sacche dello Stato Islamico, le scelte saranno due: stare a guardare; entrare in contatto con le forze fedeli ad Assad.

La situazione resta tesa, perché man mano che lo Stato Islamico sparisce dalle mappe, diventa sempre più importante capire chi riprenderà il controllo dei territori abbandonati.

Il caso concreto viene dalla periferia ovest di Raqqa. Le Syrian Democratic Forces appoggiate dagli USA sono già entrate nell’area urbana dell’autoproclamata capitale del Califfato. Allo stesso tempo però, l’avanzata fulminea dell’esercito siriano sulla sponda ovest del Lago Assad lungo la piana di Maskanah, ha messo a contatto i due fronti impegnati contro l’ISIS.

Sulla strada nazionale 4, a ridosso di Tabqa, il 13 giugno si sono verificati pesanti scontri tra regolari di Damasco e SDF, con perdite su entrambi i lati.

Anche qui è bene fare un chiarimento.

Le SDF vengono dipinte dai media come un’armata curda appoggiata dagli USA. Soprattutto su fronte di Raqqa, la componente delle YPG curde è minoritaria rispetto a quella araba. La causa curda con la liberazione di Raqqa (città araba), ha poco a che fare.

La vera partita quindi, tornerà a giocarsi presto tra Forze Armate siriane (e loro alleati) da una parte e ribelli ad Assad dall’altra. Quando scomparirà l’ISIS, finora giustificazione per la presenza della Coalizione anti-ISIS in Siria, bisognerà fare una scelta: l’esercito siriano avrà il diritto di riprendere il controllo del territorio nazionale?

Se l’Occidente non riconoscerà questo principio, ogni scenario è aperto. Anche uno scontro diretto su vasta scala fra miliziani filo USA (sia SDF che FSA a sud) e regolari siriani appoggiati dagli sciiti.

In sostanza, una volta liquidato l’ISIS, si tornerebbe alla situazione precedente al 2014, con la grande differenza che nel frattempo Assad ha riconquistato le parti essenziali del Paese e ha dalla sua le forze russe dislocate sul terreno.

In tutto questo va considerato quanto accennato in testa. Il Free Syrian Army è una sigla dietro cui si è mescolato di tutto. Nel nord, per tutta l’Operazione Scudo dell’Eufrate, l’FSA è stato la stampella dell’esercito turco. In queste ore sono in corso combattimenti fra curdi delle YPG (parte delle SDF) e miliziani filoturchi, parte dell’FSA. Entrambi sono appoggiati dagli USA.

Mentre scriviamo le operazioni sul terreno continuano su tutti i fronti. 

(foto: US Army - SAA)

Nessun commento:

Posta un commento