Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 15 agosto 2017

Expo 2015 - come sempre ci hanno mangiato sopra, i costi sono stati maggiori di quelli preventivati

Zara-Expo, la bocciatura dell’Anac: "Irregolarità e scarsa trasparenza"

La delibera dell’Anticorruzione sull’appalto. Nel mirino Mm e Comune
di NICOLA PALMA
Pubblicato il 14 agosto 2017


Il collegamento a Cascina Merlata fu inserito nell’elenco degli interventi per Expo

Milano, 14 agosto 2017 - «L’esecuzione dell’intervento è stata caratterizzata da gravi disfunzioni e irregolarità che non trovano giustificazione nelle deroghe per l’evento Expo 2015 e che hanno comportato notevoli incrementi di costo». Non usa mezzi termini l’Anticorruzione di Raffaele Cantone: bocciatura su tutti i fronti per la gestione da parte di Metropolitana Milanese dell’appalto legato al lotto 1B della cosiddetta «Zara-Expo», il tratto di strada realizzato in occasione dell’Esposizione universale del 2015 per congiungere via Stephenson all’area di Cascina Merlata. Un’opera nata come intervento unitario e poi suddivisa in due lotti (con delibera del Comune datata ottobre 2012, ricostruisce l’Anac) a seguito della segnalazione dell’Arpa sulle rilevanti concentrazioni di metano localizzate nell’ex cava colmata Triboniano. Il 14 novembre 2013, il progetto definitivo del lotto 1B, predisposto da MM, viene approvato dalla Conferenza di servizi con alcune prescrizioni da rispettare. L’appalto viene assegnato all’associazione temporanea di imprese costituita da SALC spa (mandataria), Daf Costruzioni Generali srl e Agrideco srl: battuta la concorrenza degli altri 13 competitor con un ribasso del 28,93% sulla base d’asta («In seguito riassorbito e superato dalle varianti», sottolinea ex post l’Authority) e un ammontare complessivo pari a 29,3 milioni di euro (poi lievitato a 37,9 milioni). Tutto secondo programma? No, perché i lavori vanno incontro a parecchie peripezie, una delle quali è legata alla sostituzione in corsa della Agrideco, colpita da interdittiva antimafia nel dicembre 2014; al suo posto subentrerà la Elios srl.

A intervento concluso ed Expo chiusa, il 13 gennaio 2016 l’Anac comunica a Comune e MM l’avvio di un procedimento «in ordine alle varianti in corso d’opera». Per l’Anticorruzione, l’incremento dei costi è stato provocato dai maggiori volumi di terre di scavo da smaltire rispetto alle stime (sbagliate) dei tecnici, nonostante Metropolitana Milanese abbia fatto presente «che, a causa della compressione dei tempi da parte del Commissario (di Expo 2015 spa, ndr), la stima progettuale del materiale da asportare è stata condotta sulla base di rilievi topografici e con l’ausilio di strumenti informatici per la modellazione 3D». Giustificazioni che non reggono, per Cantone. Così come sono state ritenute estremamente discutibili sia le modalità utilizzate per rimpiazzare a tempo di record la Agrideco con la Elios («Violazione dei principi di trasparenza») che i passaggi che hanno portato all’aggiudicazione dell’appalto alle aziende capitanate dalla SALC. Senza dimenticare il pagamento del «premio di accelerazione» alle ditte impegnate nei lavori: un surplus da 3,6 milioni riconosciuto, sostiene l’Authority, non per l’impegno aggiuntivo dovuto a un’improvvisa riduzione dei tempi di esecuzione bensì per mettere fine a un altro contenzioso. Stroncatura senza appello.

Nessun commento:

Posta un commento