Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 16 agosto 2017

Giappone, cresce grazie a investimenti e tenuta sotto controllo gli interessi sul debito, cosa che l'Italia ha sempre fatto fino al 1981 quando i traditori Andreatta e Ciampi separano la Banca d'Italia dal Tesoro, dandogli, alla prima, la fantomatica autonomia


Sovranità monetaria e niente austerità: il “segreto” della crescita del Giappone

-15 agosto 2017

Tokyo, 15 ago – Per il sesto trimestre di fila il Pil del Giappone è in crescita, questa volta con un +4% su base annuale. La crescita si manifesta nei consumi che salgono dello 0,9%, anche le spese aumentano come quelle societarie, al +2,4%, ma soprattutto gli investimenti pubblici con un altissimo +5,1%, apparentemente impensabile per un paese che ha un debito pubblico stellare del 236,56%, per fare un paragone il nostro è del 132,8%. Un vero e proprio miracolo economico quello che sta vivendo il Giappone, che ricorda quasi gli albori del boom degli anni ’50 e ’60 quando il paese del Sol Levante poté vantare una economia tale da far impallidire gli stessi Stati Uniti d’America, allora aggravati dagli aiuti con il Piano Marshall.

Tornando alla situazione odierna, insieme all’aumento dei consumi e degli investimenti anche i capitali hanno assistito ad una crescita del 2,4%, più del doppio di quello che era stato previsto dagli esperti, ovvero l’1,2%. Un aumento che non si vedeva da quasi 4 anni, ovvero dal primo trimestre del 2014. Il governo giapponese è ottimista dichiarando che l’aumento poteva essere ancor maggiore, di circa uno 0,3% in più nel periodo aprile-giugno, se ci fosse stato un migliore bilanciamento nel commercio, dove al netto di un calo delle esportazioni (0,5%) ha visto un aumento delle importazioni dell’1,4%. Considerando il fatto che il Giappone è un paese noto per le esportazioni, diventa chiaro il motivo per cui questo sbilanciamento non ha permesso una crescita ancora maggiore nel terzo trimestre.

La Bank of Japan spera che la ripresa dei consumi sia tale da consentire un tasso di inflazione sufficientemente alto, rendendo così stabile la crescita economica nipponica. L’istituto centrale di emissione è sicuramente una dei protagonisti di questa stagione: il debito pubblico è si alto, quasi il doppio ad esempio rispetto a quello italiano, ma è nelle mani di investitori, aziende e industrie giapponesi, il che permette di pagare un tasso di interesse molto modesto, che varia dall’1 al 2% permettendo così maggiori investimenti pubblici (del +5,1% come abbiamo visto) ed impedendo altresì le speculazioni di investitori stranieri. Un esempio virtuoso di sovranità monetaria: l’aumento dei consumi è andato in parallelo con quello dell’inflazione, non sempre negativa, anzi a certe condizioni ben più benefica della deflazione che stiamo vivendo. Ma la crescita congiunta è possibile solo se lo Stato è in grado di controllare la valuta in maniera autonoma e non per conto di terzi, monetizzando il debito pubblico e attingendo così alle risorse necessarie per quegli investimenti in Europa ad oggi non possibili a causa della doppia opposizione Bce – pareggio di bilancio.

Davide D’Anselmi

Nessun commento:

Posta un commento