Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 17 agosto 2017

Gli ebrei occupano illegalmente le terre palestinesi e decidono cosa ci deve essere

Israele priva un villaggio palestinese del suo impianto fotovoltaico, 30 famiglie al buio

Pubblicato il 15 AGO 2017 


In un villaggio della Cisgiordania una trentina di famiglie palestinesi sono rimaste senza elettricità, gli israeliani hanno confiscato l'impianto fotovoltaico donato dal governo olandese.

Israele ha confiscato un impianto fotovoltaico donato al villaggio di Jubbet Adh Dhib, in Cisgiordania, dai Paesi Bassi nell’ambito di un programma di aiuti alla popolazione palestinese. Il progetto era costato mezzo milione di euro e il suo epilogo ha suscitato le proteste del governo olandese che ha presentato una denuncia formale al governo israeliano.

Le truppe israeliane smantellano l’impianto fotovoltaico donato dal governo olandese a Jubbet al-Dhib. Fonte: Comet-ME
150 palestinesi senza elettricità

L’impianto per la produzione dell’elettricità, ora smantellato, era costituito da un sistema ibrido di diesel e solare che, completato un anno fa, dava energia ai 150 abitanti di Jubbet al-Dhib, un villaggio sulle montagne a circa 6,5 chilometri a sud est di Betlemme.

L’impianto fotovoltaico è stato confiscato, secondo fonti israeliane, perché non aveva i permessi e le autorizzazioni necessarie. Alcuni osservatori sottolineano che i permessi di costruzione di nuove case e infrastrutture palestinesi sono quasi impossibili da ottenere. Questo fa sì che, spesso, le agenzie umanitarie non richiedano nemmeno i via libera necessari affidandosi alla buona volontà di Israele.

Razzia e distruzione: quel che rimane dell’impianto fotovoltaico donato dai Paesi Bassi

Il sindaco del villaggio ha detto all’agenzia Ma’an News che opera nei territori palestinesi che i pannelli sono stati distrutti; Comet-ME, l’organizzazione umanitaria israeliano-palestinese che ha installato i pannelli, ha fatto sapere che circa 60-90 pannelli sui 96 complessivi sono stati tolti senza alcun danno mentre il resto delle attrezzature è stato distrutto dalle forze israeliane intervenute. Il ministero degli Esteri olandese ha chiesto che l’attrezzatura venga restituita a Jubbet al-Dhib e, secondo il quotidiano israeliano Haaretz, sta valutando possibili ulteriori passi da intraprendere per risolvere la questione.

Un danno economico ma soprattutto sociale

Il costo dell’apparecchiatura confiscata o danneggiata è stato valutato in circa 40mila euro, anche se i danni sociali sono “molto maggiori, dal momento che il loro sequestro ha subito portato alla perdita della possibilità di utilizzare energia per le 30 famiglie del villaggio e i suoi edifici pubblici” ha scritto Haaretz. Lo stesso quotidiano ha aggiunto che “La decisione dell’amministrazione civile israeliana di non concedere una licenza per l’attuazione del progetto per portare l’energia solare nel villaggio di Jubbet al-Dhib significa privare i residenti palestinesi dei loro diritti umani più semplici, l’accesso ai diritti fondamentali quali l’istruzione, la salute, il diritto al lavoro e il senso d’umanità”.
L’episodio nel quadro già surriscaldato dei territori cisgiordani

La popolazione palestinese contesta all’agenzia militare israeliana Cogat, responsabile del coordinamento della politica israeliana nelle aree palestinesi, il mancato preavviso su quanto stava per succedere. A quanto riferito dai residenti del villaggio, nulla era trapelato fino al momento in cui gli israeliani hanno agito. Viceversa, Cogat ha dichiarato di aver ripetutamente informato la cittadinanza il giorno prima allo smantellamento della struttura. Jubbet al-Dhib si trova molto vicino ai villaggi israeliani di avamposto, insediamenti illegali non solo secondo il diritto internazionale ma anche per quello israeliano, dove invece esiste il collegamento alla rete elettrica principale. Una situazione complicata se si pensa che, secondo quanto riferito da un ufficiale militare israeliano citato in un reportage del quotidiano israeliano The Jerusalem Post, dal 2010 sono state abbattute il 40% delle strutture illegali palestinesi presenti nell’Area C e nel 2016 sono state più di 300 le strutture erette grazie al sostegno delle organizzazioni umanitarie internazionali o con l’aiuto dell’Unione Europea demolite dalle autorità israeliane.

Nessun commento:

Posta un commento