Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 15 agosto 2017

Immigrazione di Rimpiazzo - Medici senza frontiere una Ong inserita organicamente nell'Immigrazione Sostitutiva

LUNEDÌ, 14 AGOSTO 2017 - 12:57
La Coop e il traghettamento dei migranti in Italia

Una notizia che va ad incastonarsi in un momento storico assolutamente particolare nel quale tale tematica ha assunto un’importanza preminente. L’argomento è quello dei viaggi dei cosiddetti migranti che s’imbarcano, copiosi, su natanti allestiti alla meno peggio verso le coste italiane; e delle Ong, Organizzazioni non Governative che da anni svolgono il loro lavoro ma che mai come in queste ultime settimane sono sotto la lente dell’opinione pubblica dopo che sono emersi dubbi circa il loro operato di traghettamento dei migranti nei porti italiani.
Ebbene, in questo contesto va a collocarsi una storia portata alla luce da un giornale online, LucidaMente, che ha descritto uno scenario particolare legato alla Coop, noto marchio di supermercati e ipermercati. Ecco di cosa si tratta.

L’Olio della Pace lanciato dalla Coop

La grande società cooperativa ha lanciato sul mercato l’Olio della Pace, commercializzato nei suoi 420 supermercati; parte degli introiti derivati dalla vendita di ciascuna bottiglia servirebbero per finanziare la Ong Medici senza Frontiere (Msf) proprio per le operazioni di soccorso e assistenza ai migranti nel Mediterraneo. I quali migranti, una volta in Italia, riceveranno assistenza da altre cooperative sociali e associazioni varie.
Ne parliamo con il direttore della rivista telematica, Rino Tripodi, che è anche l’estensore dell’articolo di cui sopra (La Coop finanzia il traghettamento dei migranti in Italia), peraltro ripreso pure dal quotidiano milanese diretto da Maurizio Belpietro, La Verità, con un pezzo di Antonio Amorosi; giornalista, quest’ultimo, noto anche per essere l’autore di un libro (Coop Connection, Chiarelettere, 2016) proprio sul mondo dell’economia cooperativistica.

I soldi che la Coop versa all’Ong Medici Senza Frontiere

Ci spiega la storia dell’ Olio della Pace? Come nasce questa ‘notizia’?
“Un nostro lettore ci aveva segnalato che a p. 25 del numero 3 dello scorso aprile del periodico Consumatori e responsabilità. Il mensile dei soci Coop che il colosso della grande distribuzione Coop Alleanza 3.0 invia a casa di tutte le persone associate (quasi 3 milioni) vi si poteva leggere l’articolo Nasce l’Olio per la Pace. In esso si dava notizia che nei mesi di aprile e maggio 2017, in tutti i 420 supermercati e ipermercati Coop, si sarebbe venduto tale prodotto della Manfredi Barbera & Figli di Palermo in bottiglie del formato da 75 cl. Un olio ‘ricavato da una selezione dei migliori oli provenienti da Tunisia, Spagna, Grecia e Italia’. Non si specificava il prezzo, ma il fatto che i produttori e la stessa Coop avrebbero versato a Medici senza frontiere 0,25 euro ciascuno, per un totale di 50 centesimi a bottiglia. Fin qui, comunque, niente di male. Negli anni scorsi la Coop aveva aiutato Msf in nobili cause quali l’assistenza alle popolazioni di Haiti, Sud Sudan, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo”.
Per quale finalità sarebbero invece investiti i fondi raccolti tramite l’acquisto di questo olio da parte dei consumatori?
“E qui la ‘notizia’ che un bravo cronista, collegandola al clamore suscitato dalla questione Ong-scafisti-migranti esplosa in questi giorni, non deve farsi scappare. Nella stessa pagina si chiariva che i fondi raccolti erano destinati a sostegno delle operazioni di Msf di ricerca, soccorso e assistenza medica di migranti nel Mediterraneo centrale”.

La Coop finanzia il traghettamento di migranti in Italia?

E, allora, perché si parla di ‘Olio della pace’?
«Si tratta di retorica e tecnica di marketing rivolta al consumatore. Purtroppo, l’acquisto di un olio non risolve il problema dei paesi in guerra che, peraltro, nel Mediterraneo, sono solo due, Siria e Libia. Situazioni che sembrano in via di risoluzione. L’unica giustificazione, tortuosa, è che, essendo l’olio proveniente anche dalla Tunisia, uno dei pochi paesi a maggioranza islamica non radicalizzatosi, finanziandolo si evita che cada nelle mani degli integralisti e quindi si prevengono altri confitti, interni e internazionali. In ogni caso l’intervento di Msf non c’entra nulla con la pace, ma riguarda migranti dei quali, secondo gli stessi dati ministeriali, solo il 5% risulta veramente profugo di guerra.”
Cosa sta accadendo con le migrazioni?
“Per capire cosa stia avvenendo, non occorre citare la ‘Grande Sostituzione’ denunciata, da destra, da Renaud Camus; è sufficiente leggere la Direttiva Popolazione dell’Onu, nella quale si parla apertamente di replacement migration (‘immigrazione sostitutiva’). E saper cogliere gli interessi che i grandi poteri globali hanno nell’avere in un’Europa impoverita e senza più welfare un esercito di riserva del lavoro, secondo quanto, partendo da Karl Marx, vanno dicendo, da sinistra, Diego Fusaro e altri”.
Si può dire in un certo senso che così la Coop contribuisce a finanziare il traghettamento dei migranti in Italia?
“Indirettamente, sì, vista la strana politica attuata da Msf, della quale la Coop è a conoscenza, visto che la cita tra gli obiettivi da perseguire con la donazione. Cosa c’entrano i medici? Questi non dovrebbero assistere e curare i malati piuttosto che traghettare migranti? Eppure Msf ha armato una piccola flotta di navi (Aquarius, Bourbon Argos, Dignity I, Prudence…), che pochi possono permettersi, e, prelevandoli fin quasi sulla costa libica, ha scelto di traghettare migliaia di migranti nella nostra penisola. Un nuovo giuramento di Ippocrate?”.

La miccia delle Ong

In questi giorni è esplosa la miccia delle Ong; e nel calderone è finita anche Msf, che è direttamente interessata alla vicenda da voi raccontata. E che è tra le Ong che non hanno firmato il codice di condotta.
“L’inchiesta andrà avanti. Alcune Ong sembrano ideologicamente estremiste nel ritenere tutti i migranti delle povere vittime da salvare, anche a costo di divenire complici dei trafficanti di carne umana. Proprio in questi giorni, però, sia il ministro degli Interni Marco Minniti, in contrasto con parte del suo stesso partito (Pd), sia la Chiesa cattolica, sia la stessa Libia hanno assunto una posizione più rigida. Vedremo cosa accadrà, ossia se alle parole seguiranno i fatti.”
In questo momento qual è la situazione?
“Intanto, in poche settimane, nonostante la stagione calda, il numero di sbarchi è drasticamente diminuito. E pare che gli ‘eroici’ taxisti del mare, al primo serio controllo delle proprie coste da parte della Marina libica, abbiano in parte rinunciato alla loro attività. È stato sufficiente non chiudere più gli occhi sul problema. Quello che dispiace è il linciaggio morale e mediatico che hanno dovuto subire i magistrati delle procure siciliane, in particolare Carmelo Zuccaro, che fin da maggio aveva sollevato la questione. Un attacco selvaggio da parte degli ‘accoglientisti’ a ogni costo”.

Emergenza migranti e gli affari d’oro per le Cooperative

Nel vostro articolo parlate anche della situazione dei migranti una volta arrivati sul suolo italiano e dell’intervento di altre cooperative e associazioni. Che sembrerebbero far capo sempre a un determinato schieramento.
“Anche senza citare il processo di ‘Mafia Capitale’, da poco concluso in primo grado, è evidente che attorno all’ ‘emergenza migranti’ ruotano miliardi di euro e quindi enormi interessi. Come ha scritto Mario Giordano nel suo libro Profugopoli (Rizzoli, 2016), chi può attingere (albergatori, affittuari, ristoratori) dalla grande torta lo fa, indipendentemente dalla provenienza partitica. Tuttavia, è noto e denunciato dallo stesso Giordano che la maggioranza delle cooperative, delle associazioni e degli enti ‘caritatevoli’ che si occupano dei ‘richiedenti asilo’ e spuntate come funghi dal nulla sono di matrice cattolica e piddina. E negli ultimi anni il loro fatturato si è impennato. Però i servizi forniti ai migranti sono spesso di basso livello; il che scatena ulteriori tensioni anche coi ‘nativi’, come si tende ormai a definire tristemente gli italiani”.
Avete avuto reazioni dirette a seguito della pubblicazione del vostro articolo? Vi ha contattato qualcuno?
“Oltre Amorosi, che ci ha contattato per prendere spunto per il suo articolo, Adriano Turrini. Ovvero, proprio il presidente e amministratore delegato dei Servizi centrali e Politiche sociali di Coop Alleanza 3.0 (la supercooperativa nata il 1° gennaio 2016 dalla fusione di Coop Adriatica – in cui aveva ricoperto il ruolo di presidente e direttore generale –, Coop Consumatori Nordest e Coop Estense), che in passato avevamo già intervistato. Turrini ha ribadito di essere orgoglioso che la Coop sostenga da un decennio Msf; anzi, è il socio stesso che, facendo un acquisto o una donazione diretta di punti, decide di sostenere tale Ong per i suoi scopi. Gli siamo grati per questo intervento perché, al contrario di altri, Turrini dialoga e, come si dice, ci mette la faccia”.
Pubblicato in Inchieste

Scritto da


Giornalista indipendente, web writer, fondatore e direttore del giornale online La Vera Cronaca e del progetto Professione Scrittura

Nessun commento:

Posta un commento