Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 8 agosto 2017

L'Italia è terra di 'ndrangheta

“La presenza della ‘ndrangheta in Liguria? Radicata ed estesa”, lo dice Sandulli capo della Dia 

Particolare attenzione soprattutto a ponente dove vivono famiglie vicine alle cosche della malavita del Sud

di Redazione - 07 agosto 2017


Liguria. “La ‘ndragheta in Liguria? E’ un fatto ormai accertato. La presenza mafiosa in questa regione è stata ampiamente dimostrata”. Lo ha affermato il coordinatore della Direzione investigativa antimafia, Sandro Sandulli illustrando il bilancio dell’attività svolta in tutta la Liguria.

Dal lavoro fin qui svolto dalla Dia sono quattro le “locali” che la ‘ndrangheta calabrese ha radicato in Liguria, ‘ndrangheta che ha costituito tra l’altro una sorta di “macroarea” estesa al basso Piemonte e alla Lombardia retta da una struttura chiamata proprio “Liguria”. Fanno tutte riferimento alle ‘ndrine calabresi specialmente del reggino – sono state individuate a Lavagna, Genova, Ventimiglia e Sarzana. Lo dicono soprattutto le carte processuali. Un documento consegnato al Parlamento,ma che testimonia come ci sia una situazione stabilizzata in Liguria anche alla luce dell’attività investigativa che si sta svolgendo oggi nella regione. Un “insediamento” criminale cominciato negli anni ’50 e che – spiega Sandulli – si è radicato sempre più in Liguria con un “progressivo e continuo prendere possesso dell’area”.

“Le quattro “locali” sono quelle emerse dalle attività investigative, ma non tutte hanno la stessa importanza – spiega la DIA genovese – e non è detto che siano solo quattro: “Ci sono situazioni che si sono evolute nell’arco di sessant’anni e c’è già una seconda generazione di ‘ndranghetisti in Liguria” dice il colonnello. Ciò che contraddistingue gli affiliati è che da 60 anni portano avanti “solo ed esclusivamente ragionamenti di tipo mafioso: si informano sulle attività commerciali aperte, sulle opere da avviare, sulle elezioni. Parlano sempre e solo di questo: sono votati all’attività della ‘ndrangheta”.

Per quanto riguarda gli elementi di spicco della ‘ndrangheta a Genova, Domenico Gangemi – in carcere da tempo con l’operazione Il Crimine – era la figura più importante in Liguria, capo della locale genovese e ligure. E’ stato condannato con sentenza passata in giudicato. Ora le indagini stanno cercando di capire come si sia riorganizzata la ‘ndrangheta a Genova e in provincia, chi sia il nuovo punto di riferimento. Stessa situazione a Ponente, nell’Imperiese, dove sono morte le figure di spicco Marcianò e Palamara. Intanto in autunno, come ricorda il colonnello Sandulli, arriveranno processi importanti: in Calabria si svolgerà quello legato all’operazione Gotha, partita da un’indagine svolta a Savona contro i Gullace.

Per l’inchiesta Maglio 3 dovrà essere celebrato un nuovo processo d’appello dopo il rinvio da parte della Corte di Cassazione che, anche alla luce dei processi che si sono svolti a Milano e in Calabria, “dà indicazioni precise e chiare per l’approccio alla decisione processuale, alla luce di una valutazione oggettiva della presenza sul territorio ligure” dice Sandulli.

Un altro processo è quello con rito ordinario che si svolge a seguito dell’operazione “I conti di Lavagna” dopo la condanna con rito abbreviato di uno degli arrestati, Antonio Rodà. Infine il 14 settembre è atteso il pronunciamento della Cassazione sul processo “La Svolta” epilogo del procedimento contro la ’ndrangheta nel Ponente che in primo e secondo grado ha visto i giudici emettere per la prima volta una serie di condanne per associazione a delinquere di stampo mafioso. Sentenze che hanno certificato la presenza della criminalità calabrese nell’area di Ventimiglia e legami con la Costa Azzurra. “C’è poco spazio ormai in Liguria per chi aveva una posizione scettica o negazionista sull’infiltrazione malavitosa in Liguria” conclude Sandulli.

Nessun commento:

Posta un commento