Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 14 novembre 2017

Libano - Hariri, un cialtrone che ha perso qualsiasi credibilità


13 nov 2017
by Redazione

Il discorso di ieri del premier/ex premier confonde ancora di più il popolo libanese. La Lega Araba abbraccia la narrativa saudita: confrontare l’Iran generando il caos

Saad Hariri ieri a Future Tv

di Chiara Cruciati

Roma, 13 novembre 2017, Nena News – Il “mistero Hariri” si infittisce. Il discorso che ieri il premier/ex premier libanese ha rilasciato alla Future Tv, l’emittente del suo partito Mustaqbal, aumenta le nubi intorno alle dimissioni annunciate dieci giorni fa da Riyadh.

Qui nel regno dell’Arabia Saudita sono libero. Ho libertà completa ma voglio proteggere la mia famiglia. Posso tornare domani se voglio – ha detto in merito alle voci che lo danno per prigioniero in Arabia Saudita – Tornerò in Libano presto, non parlo di mesi ma di giorni, e porterò avanti i passi costituzionali necessari per formalizzare le mie dimissioni”. Un passo che giustifica con l’intenzione di “mandare uno choc positivo” al Paese dei Cedri che, ribadisce usando la narrativa saudita, è ostaggio dell’asse sciita Iran-Hezbollah.

Un passo, però, che potrebbe essere ritirato: “Una marcia indietro rispetto alle dimissioni è possibile nel caso in cui le forze politiche rispetteranno una politica di auto-esclusione dai conflitti regionali, evitando di coinvolgere il paese nelle guerre vicine”.

Ovvio il riferimento a Hezbollah, nonostante gli undici mesi di governo comune e di convivenza e divisione dei poteri non solo con il movimento sciita ma anche con il presidente Michel Aoun, legato al gruppo di Nasrallah. Proprio Aoun ha reagito di nuovo ieri alle parole di Hariri, insistendo sullo status di “prigioniero” del primo ministro: Hariri, ha detto, vive in “circostanze misteriose” in Arabia Saudita con Riyadh che ne limita le libertà e impone “condizioni sulla sua residenza e sui contatti con i membri della sua famiglia. Il presidente libanese è poi tornato a chiedere ai sauditi di chiarire la posizione di Hariri, che preoccupa tutto il popolo libanese, per lo più convinto che lo status del loro premier non sia affatto cristallina come lui prova a far passare.

Una parziale conferma arriva da una fonte vicina allo stesso Hariri che, parlando con la Reuters, ha affermato che il premier si è dimesso contro la sua volontà, costretto dai Saud. Aggiungono altre fonti, il piano saudita potrebbe essere quello di sostituire Saad con il fratello più grande, Bahaa.

Ieri, intanto, la Lega Araba ha deciso di tenere un meeting d’urgenza dei ministri degli Esteri, la prossima domenica, per discutere “gli strumenti per confrontare l’interferenza iraniana nei paesi arabi”. La visione saudita, dunque, si fa strada. Palesemente rivolta a generare il caos in una regione già martoriata da conflitti bellici e scontri ben poco latenti, la politica di Riyadh prova a rivoluzionare l’attuale “equilibrio” provocando terremoti politici tra i paesi e all’interno dei paesi stessi.

Il Libano rischia molto, paese storicamente instabile e vittima delle influenze delle potenze regionali, e la decisione di Hariri – che sia stata imposta o meno – ha un potenziale distruttivo pericoloso: l’attuale governo è stato frutto di una lunghissima negoziazione, giunta dopo due anni di discussioni tra le varie forze politiche e che ha condotto ad un governo di unità nazionale, sostenuto anche da Hezbollah.

Con grande difficoltà, Beirut è riuscita a farsi solo lambire dalle guerre regionali che stanno distruggendo i paesi vicini: ha accolto milioni di profughi siriani, che vivono oggi in condizioni di estrema difficoltà nei campi e nelle città libanesi, ha visto crescere il ruolo militare di Hezbollah in Siria, ha subito attacchi da parte dell’Isis e dei qaedisti di al-Nusra al confine con la Siria, ma ha evitato che le tensioni dei vicini si trasferissero nel paese e si traducessero in un conflitto interno devastante.

Ora l’Arabia Saudita, tramite Hariri, prova a mettere all’angolo Hezbollah, costringendolo ad un passo indietro o ad una rottura definitiva. Una scelta che ricadrebbe sulle spalle dell’Iran, al momento la potenza più forte sul piano militare e su quello politico nella regione, con buona pace di Riyadh che raccoglie i cocci del suo bellicismo in Yemen, Siria, ma anche in Qatar, destabilizzando il Medio Oriente. 

Nena News



Nessun commento:

Posta un commento