Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 14 novembre 2017

Occidente impazzito, la Strategia del Caos si incunea con il decadentismo pieno, cercano di uscire dall'angolo con la distruzione della Terra

NOVITA’ DALLA NATO – CHE NON VI RACCONTANO.

Maurizio Blondet 14 novembre 2017 

Mentre Di Maio vola a Washington (“Siamo fedeli agli USA, non a Mosca”) accadono novità nello schieramento armato occidentale.

La Gran Bretagna sta formando un battaglione di commandos (600 uomini) “per risposte operative nei Balcani occidentali”.

Nei Balcani occidentali. “Dall’anno prossimo il nostro reparto sarà all’erta e pronto ad agire nella regione”, ha promesso il ministro difesa:

Balcani occidentali. La porta di casa nostra.

Forse per equipaggiare una delle due basi che, secondo l’opposizione locale, la NATO vuole costruire in Montenegro. Stoltenberg è andato là a giurare che non ci saranno basi NATO senza il consenso dei montenegrini. Il fatto è che a capo del paese,il premier DUskho Markovich, che è atlantico ed antirusso, e per il quale delle basi NATO garantirebbero la sua sopravvivenza politica personale. Già a febbraio, in una intervista al Time, aveva offerto: “il porto della città di Bar è strategico per i nemici della NATO, specialmente dopo l’inizio del conflitto in Siria, quando la Russia ha iniziato a cercare un porto militare in acque più calde”.

Altri oppositori indicano come oggetto delle voglie americane la baia di Vladanos, vicina al confine con l’Albania, il cui sviluppo turistico è stato impedito in passato da oscure manovre di una ONG locale poi premiata dal governo Usa.


Causa “crescente fiducia in sé della Russia”, il Pentagono riceve più soldi

In Usa, le Commissioni Difesa di Senato e camera bassa hanno incluso nel bilancio del Pentagono (700 miliardi di dollari) altri 4,6 miliardi per “confrontare la Russia in Europa”, al fine di “aumentare il potenziale militare statunitense in Europa” e “rafforzare il senso di sicurezza degli alleati”; specialmente i baltici: 100 milioni di dollari andrebbero ad aumentare le capacità di difesa di Estonia, Lettonia e Lituania. Le camere hanno dato al Pentagono altri 350 milioni di dollari da spendere in “aiuti militari all’Ucraina”, con la clausola che a Kiev siano consegnati armamenti “difensivi”.

Si noti che i legislatori hanno dato al Pentagono 26 miliardi di dollari più di quanto il Pentagono stesso – la nota insaziabile voragine mangia-trilioni – aveva chiesto. Ciò, non solo per provare il loro indefettibile servaggio agli interessi del sistema industrial-militare, ma per mostrare- in odio a Trump, che accusano di essere amico di Putin – che il loro anti-russismo totale è lì per rendere irreversibile l’ostilità del blocco occidentale verso Mosca.

Contrariamente a quel che si poteva pensare, dopo due decenni di dissanguamento nelle guerre dei Bush, Londra segue. Può uscire dalla UE, ma non dal delirio bellicista neocon. Il ministro della Difesa Gavin Williamson, oltre i 600 commandos per i Balcani occidentali – ha annunciato che stanzierà quattro caccia Typhoon in Romania : essi “pattuglieranno il Mar Nero” causa “la crescente fiducia in sé della Russia”; inoltre rimanderà la sua nave Ocean ad aggiungersi alla flotta che tiene permanentemente nel Mediterraneo. Si tratta della principale nave anfibia d’assalto porta-elicotteri della Royal Marine, concepita per l’aggressione, non la difesa.

Inutile dire che anche il governo inglese sta scoprendo “le prove” che la Russia ha influenzato anche la Brexit, attraverso suoi “troll di professione” che (secondo “le indagini statunitensi avevano sostenuto la causa dell’indipendenza britannica, diffondendo i loro pensieri razzisti, nazionalisti e islamofobi strumentalizzando gli attacchi terroristici occorsi in Europa in quel periodo”.

Pensate l’efficacia dei trolls: hanno postato “139 tweet da 29 account diversi, con cui hanno sedotto “poco meno di 270.000 follower”. Bastanti sicuramente per piegare il referendum britannico in favore della Brexit, ossia – come ora si capisce – della Russia. Ciò ci permette di prevedere che Londra possa tornare, pentita, nell’ovile europeista. Nell’ombra e con fondi neocon, opera in questo senso l’indimenticabile Toni Blair, che ha coinvolto il paese in tutte le guerre dei Bush.

L’Esercito europeo per via burocratica

Il che porta a parlare della nuova forza armata europea autonoma, fortemente voluta da Angela Merkel e da Macron, che nella neolingua eurocratica si chiama Permanent Structured Cooperation” (PESCO). . “E’ ora che l’Europa prenda la propria difesa nelle proprie mani”; aveva proclamato la Cancelliera dopo il primo incontro-scontro con Trump: e fu il PESCO. Il quale PESCO, nel quadro del quale “i paesi membri possono formare tra loro coalizioni lasche per darsi capacità militari speciali”, è apparentemente meno di un esercito europeo, a cui alcuni paesi resistono. Ma appunto, secondo la ben nota tradizione burocratica, punta a farlo di nascosto. Si ricordi che l’Europa burocratica nacque come semplice “Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio” , ed oggi abbiamo Berlino che dà i voti ai bilanci dei paesi mediterranei. Ugualmente, il PESCO comincia a formare un “comando medico” comune, poi centralizzerà la logistica (e chi ha il coraggio di opporsi?), ma gli stati membri dovranno conferire tutte le loro “capacities and capabilities” (?) militari alla European Defense Agency (EDA), la quale diventa – senza dirlo e senza in fondo essere che un organo burocratico – il comando centrale dell’armata europea “nuova”. Da quel che si intuisce, il principale vantaggio de PESCO per Berlino è un quasi-esercito europeo il cui costo – aumentato – resta a carico dei paesi membri, quindi senza far spendere i soldi alla Germania. E’ in qualche modo come l’euro, la semi-moneta che Berlino gestisce da padrona senza dover pagare il prezzo di una vera moneta, ossia i trasferimenti da Germania al Sud.


Naturalmente – ça va sans dire – il PESCO “non è competitivo, ma complementare” alla NATO, ai cui comandi si mette in tutto e per tutto. In più è “simile al NATO’s Framework Nations Concept”, oscuro termine che significa una cosa chiara: come il Pentagono integra nella sua azione offensiva paesi non NATO, così Berlino integra nella Bundeswehr, sotto il suo comando, reparti di paesi più piccoli. Lo sta già facendo con l’Ungheria. Lo fa con la Romania…..


Ancora una volta: aumenta la sua forza facendone pagare il conto agli altri.

Germania sceglie l’F-35. Povero Macron.

Quanto all’illusione che la Germania possa davvero mettersi alla guida di qualcosa di autonomo da Washington insieme alla Francia (dopotutto è quella che ha la maggiore e più comprovata forza armata) essa è caduta il 10 novembre, data dell’uscita sulla rivista specializzata Defense Industry Daily (ovvio strumento del complesso militare-industriale USA) che annuncia trionfante: “La scelta preferita per Berlino è l’F-35”. Dovendo scegliere con quale “piattaforma” sostituire il centinaio di Tornado tra il 20025 e il 2030, la Luftwaffe “preferirà” il costosissimo invisibile della Lochkeed Martin – un grossissimo affare – perché “esiste già” ed è già adottata da molti paesi (fra cui l’Italia), mentre è “altamente improbabile che l’industria aeronautica europea possa sviluppare” in così pochi anni “un aereo interamente nuovo del tipo che adempie alle funzionalità che noi richiediamo”.


Si noti che non c’è nemmeno la più vaga allusione ad una “piattaforma già esistente” in Europa, già operante anzi “combat proven”, che è il francese Rafale. Indicato come uno dei migliori aerei del mondo in un articolo importante di The Saker dedicato al declino della potenza militare USA, dove si legge: “Per esempio i sistemi francesi sono spesso migliori e meno cari dei loro equivalenti statunitensi, da cui la necessità – per Lockheed & Co. – di distribuire tangenti importanti e grandi compensazioni”. Per compensazioni (Offset agreements) si intende i favori che il sistema militare industriale deve fare al governo importatore per convincerlo a scegliere le sue macchine: dal consentire a fabbricare nel paese importatore parti minori dell’aereo venduto (tipo le ali), fino all’importazione di wurstel tedeschi o formaggi francesi in Usa per bilanciare il costo spropositato dell’aereo fantasma.

Ma volete che Berlino dipenda per i suoi aerei da Parigi? La storia non è acqua.. Molto meglio dipendere dagli americani. Del resto c’è l’abitudine. Addio al sogno di Macron di una “difesa comune” con l’industria spaziale francese in posizione di dominio.

Per Bundeswehr possibile il collasso UE

Tutto ciò, si badi, nei giorni in cui i media germanici stanno battendo la grancassa attorno a uno studio “segreto” emanato dal Ministero Difesa (Strategischen Vorausschau 2040 , ossia Prospettiva Strategica 2040), dove le forze armate germaniche esaminano sei “scenari” di conflitto che possono essere chiamate ad affrontare da qui al 2040). Ebbene, tre di questi scenari prevedono il collasso o sgretolamento dell’Unione Europea e persino guerre intra—europee.

Dello studio, i media sottolineano le seguenti frasi: «”L’allargamento dell’UE è stato largamente abbandonato e altri stati hanno lasciato la comunità. L’Europa ha perso la sua competitività mondiale, “scrivono strateghi di Bundeswehr. “Il mondo è sempre più disordinato, talvolta caotico e soggetto a conflitti che hanno cambiato drasticamente l’ambiente di sicurezza della Germania e dell’Europa”. Nel quinto scenario (“Ovest ad est”), alcuni paesi dell’Europa orientale stanno bloccando lo stato dell’integrazione europea mentre altri si sono “uniti al blocco orientale”. Nel quarto (“Concorrenza multipolare”), l’estremismo è in aumento e ci sono partner dell’UE che “anche a volte sembrano cercare un approccio specifico al modello capitalista statale della Russia”»

Sui motivi di questo documento e soprattutto perché sia stato divulgato, riporto le ipotesi degli amici Alessia e Paul:

Su blog tedeschi alcuni commentatori scrivono che è una forma di pressione forte da parte dell’esercito tedesco, già avvenuta 10 anni fa e repressa dalla politica tedesca. Il documento della Bundeswehr sottolinea che il lavoro non rappresenta una prognosi ma solo uno scenario che non va escluso. Quindi va configurato come un tentativo da parte della Germania di ricostituire un esercito “vero e proprio” ben strutturato.

Sostanzialmente si tratta di un messaggio politico “filtrato ad arte” per introdurre un pubblico dibattito in riferimento a un concetto che i politici tedeschi NON possono affrontare: è un concetto tabù in Germania parlare di esercito e risoluzione UE. Portato alla luce e pompato da tutti i media, questo obbliga la popolazione a parlarne apertamente. Quindi a livello locale e nazionale i tedeschi devono decidere sul futuro. Non è lo studio in sé che conta, la cosa importante è che hanno reso noto un argomento imbarazzante. Devono convincere l’intera nazione a discuterne: Mission Accomplished!

Eric Bonse (giornalista freelance a Bruxelles) commenta che lo scenario di crisi previsto per il 2040 è da tempo una realtà. Per lui lo studio va letto come una critica nascosta in riferimento allo stato attuale dell’UE. Della stessa idea David Engels (storico belga della Libera Università di Bruxelles) che spiega: “In 20-30 anni l’Europa sarà diventata uno stato autoritario o imperiale dopo un periodo di decadenza civile. In ogni caso si possono prevedere le analogie tra l’attuale crisi dell’Europa e la trasformazione della tarda Repubblica tarda Romana nello stato del princeps Augusto. Chiaramente spiega uno scenario che comprende: periferie fuori controllo, aree dominate da gruppi paramilitari, etnici o religiosi e immobilità politica completa”.

E’ in questo sfondo che va messo il viaggio di Di Maio a Washington con la rettifica di linea politica estera grillina: «Basta con questa storia della Russia e che siamo alla mercé di Putin – ha detto Di Maio nelle riunioni preliminari al viaggio – È una storia che non sta in piedi e che ci fa solo del male».

«Siamo occidentali e il nostro più grande alleato in Occidente sono gli Stati Uniti», se c’è un interesse della Russia «è da parte loro verso di noi». «Il M5S vuole solo fare gli interessi commerciali dell’Italia. Ecco perché siamo per togliere le sanzioni a Mosca». Sarà ricevuto al Dipartimento di Stato. I candidati premier in Italia devono andare a baciare la solita pantofola. Lo fece anche Occhetto, facendosi presentare da Edgar Bronfman (allora capo del World Jewish Congress) e da Giorgio Napolitano ben conosciuto là) per assicurare “Il grande alleato” che il PCi non era più il partito comunista di ieri. La differenza, forse, è che oggi Washington è in totale delirio anti-russo, aggravato dalla sensazione del proprio declino, e fremente in tutti i settori – democratici come repubblicani – dal desiderio di far pagare a Mosca i suoi successi, e i fallimenti neocon in Medio Oriente.
“Putin must go”

Molte di queste iniziative provocatorie, infatti si spiegano con la volontà di un “cambio di regime” a Mosca. Dopo aver proclamato per la Siria “Assad NmustGo”, il National Endowment for Democracy ha lanciato”Putin must go”. Il capo del NED, Carl Gershman,, ha posto l’obiettivo in un articolo del Washington Post: Rovesciare Putin. “Gli Stati Uniti hanno il potere di controllare e vincere questo pericolo”.

Non a caso, Putin si aspetta colpi ritorti americani per sabotare con ogni mezzo la sua rielezione nel 2018, attentati “islamici” e simili. Ricordiamo le gravissime colpe di cui Putin e il suo ministro degli Esteri Lavrov si sono macchiati per i neocon.

Ha scongiurato l’invasione Usa e NATO contro la Siria nel 2013, facendo cedere a Damasco il suo arsenale di armi chimiche (il casus belli inventato dagli occidentali); ha aiutato il presidente Obama a concludere la moratoria nucleare con l’Iran nel 2014-15, cosa che la lobby non gli perdonerà mai; rispetto al colpo di Stato organizzato dalla Nuland in Ucraina, ha mandato a monte il progetto americano di installarsi nella base russa in Crimea, annettendo la penisola con un fulmineo referendum; ha fornito la forza aerea che ha incenerito prima le autobotti con cui Daesh vendeva il petrolio a Erdogan, e infine a distrutto i jihadisti che gli Usa avevano travestito da “opposizione democratica” , e adesso Israele – che contava di guadagnare da tutto il ventennio di destabilizzazioni, si trova con truppe iraniane in Siria – troppo vicine al suo confine per non delirare di lanciare gli Usa nella terza guerra mondiale. E noi dietro.

Nessun commento:

Posta un commento