Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 1 novembre 2017

Via della Seta terrestre cominciano a vedersi i risultati

Via della Seta: inaugurata linea ferroviaria Asia-Europa che by-passa la Russia


È stata inaugurata il 30 ottobre la nuova linea ferroviaria che collega la Cina del presidente Xi Jinping all’Europa passando per Azerbaidjan, Georgie e Turchia,ma by-passando la Russia di Vladimir Putin. La tratta, lunga 826 chilometri, collega Baku, capitale dell’Azerbaidjan, alla città turca di Jars, passando per Tbilisi, la capitale della Georgia. «Si tratta della linea più breve e sicura tra Asia ed Europa», ha affermato nel corso della cerimonia di inaugurazione ad Aliat, in Azerbaidjan, il presidente del Paese, Ilham Aliev.

Dopo essere partiti dalla Cina, i treni attraversano il Kazakhstan, in Asia Centrale, per poi essere caricati su speciali traghetti e superare il Mar Caspio in direzione di Baku e poi riprendere la via occidentale tra Georgia e Russia, senza però passare per la Russia. «L’apertura di questa linea è una delle tappe principali nell’interconnessione dei trasporti lungo l’antica via della Seta», ha indicato l’Unione europea in una nota. Questa tratta ferroviaria permetterà all’inizio il trasporto di circa 5 milioni di tonnellate di merci l’anno, per poi arrivare a 17 milioni di tonnellate l’anno. La linea, la cui costruzione è costata 1 miliardo di euro, dovrebbe inoltre permettere il trasporto di un milione di passeggeri l’anno.

Naturalmente c’è anche la Via della Seta che passa in Russia. In questo caso riporta Euronews un tracciato dove la merce viaggia in treno partendo da Wuhan, Cina, per arrivare in Europa in poco più di 15 giorni. Il primo treno merci cinese è partito sabato scorso destinato a Dourges, nord della Francia. Il treno portava 41 contenitori pieni di abbigliamento sportivo, destinato a tutto il mercato europeo; il treno attraversa il Kazakistan, la Russia, la Bielorussia, la Polonia e la Germania e batte sul tempo il trasporto marittimo, ci mette 20 giorni in meno. Il treno tra Wuhan e Dourges passerà una volta alla settimana, ma dalla città cinese ne partono anche molti altri collegando il celeste impero con 16 destinazioni commerciali in Europa e Asia.

Secondo Euronews sono 25mila i containers che hanno viaggiato verso il vecchio continente sulla rotta a binari della nuova via della seta nell’ultimo anno. Marco Polo sarebbe soddisfatto di tutto questo rinnovato interesse per il tracciato da lui scoperto.

Nessun commento:

Posta un commento