Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 25 dicembre 2017

La Rai non fa servizio pubblico e il canone non gli è dovuto

Mediaset-Russia 2018, un'altra rivoluzione: tutto il Mondiale in diretta online

Tutta la programmazione tv sarà visibile in diretta sulle property web Mediaset


Mediaset-Russia 2018, un'altra rivoluzione: tutto il Mondiale in diretta online

Tutte le 64 partite della Coppa del Mondo FIFA 2018 saranno visibili per la prima volta sulla tv commerciale italiana, ma non solo, anche sul webMediaset offrirà ai suoi telespettatori gratuitamente e in esclusiva l’evento sportivo più importante del 2018. E oltre che in Italia, “Russia 2018” sarà visibile in diretta anche sulle reti spagnole del Gruppo Mediaset, primo e unico polo televisivo europeo di tv in chiaro.
Le squadre più forti del pianeta e i più grandi campioni del calcio internazionale si scontreranno dal 14 giugno al 15 luglio 2018 nel miglior spettacolo calcistico del mondo. E grazie all’unione produttiva ed editoriale di Mediaset Italia e Mediaset España la forza televisiva dell’evento sarà raddoppiata: più immagini, più interviste, più servizi per i telespettatori italiani e spagnoli.
Per un mese intero, Mediaset trasmetterà uno spettacolo straordinario favorito, oltretutto, da un fuso orario che consente tempi di trasmissione perfetti per il pubblico europeo.

Ecco un’anteprima dell’offerta Mediaset al pubblico italiano.

Tv free. Tutte le 64 partite dei Mondiali di calcio “Russia 2018” saranno trasmesse in diretta sulle reti generaliste Mediaset, anche in Alta Definizione. In più, per tutta la durata del torneo sarà in onda un canale gratuito speciale dedicato 24 ore su 24 a “Russia 2018”. Mediaset inoltre renderà disponibili per la prima volta su tutte le tv connesse, sempre gratuitamente, tutti i match on demand oltre a contenuti e immagini speciali “digital first”.

La partita inaugurale del 14 giugno, Russia-Arabia Saudita, alle 17.00, sarà trasmessa su Canale 5. Tutta la prima fase verrà trasmessa in diretta su Italia Uno, ad eccezione di quattro partite che andranno su Canale 5. Dagli ottavi in poi, tutti i match saranno su Canale 5. Tutte le partite saranno trasmesse in HD.

Mediaset Premium. Premium offrirà ai propri abbonati tutte le 64 partite dei Mondiali “Russia 2018” in HD. I match di prima serata saranno sempre trasmessi in qualità 4K. Il canale Premium Sport HD sarà dedicato tutto il giorno ai Mondiali.

Online. Tutta la programmazione tv sarà visibile in diretta sulle property web Mediaset che garantiranno anche continui aggiornamenti con gol e azioni salienti di ogni evento, disponibili in tempo reale durante la diretta. È prevista anche un’app gratuita con contenuti digital esclusivi.

RadioMediasetRadio105 sarà la rete dei Mondiali. Previsti due contenitori nei programmi “Friends” e “Take away”, una partita in diretta tutti i giorni con il commento della Gialappa’s e un programma speciale degli Autogol.

http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/russia2018/mediaset-russia-2018-un-altra-rivoluzione-tutto-il-mondiale-in-diretta-online_1188356-201702a.shtml

Nessun commento:

Posta un commento