Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 19 gennaio 2018

Fake news create ad arte dai Mass Media ufficiali nello specifico sugli Hezbollah

HEZBOLLAH è lo scudo di cristiani e musulmani in Medio Oriente

Maurizio Blondet 17 gennaio 2018 

di Paul Antonopoulos

RIO DE JANEIRO, Brasile – Non esiste un maggiore difensore degli innocenti in Medio Oriente di Hezbollah. Non c’è un maggiore protettore di cristiani e musulmani in Medio Oriente di Hezbollah. Ed è per questo che i governi occidentali, attraverso le loro ONG e giornali, hanno intensificato la campagna di diffamazione e demonizzazione contro questo movimento.

Dopo la vergognosa sconfitta subita da Israele per mano di Hezbollah durante la “Guerra di luglio” del 2006, quando poche centinaia di eroi militanti sciiti cacciarono migliaia di soldati professionisti israeliani, Hezbollah è diventato un movimento in crescita ed una pietra nella scarpa degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Come organizzazione principale che combatte l’ISIS in Medio Oriente, dopo aver sacrificato innumerevoli membri per annientare la minaccia del salafismo e del wahhabismo (diffuso dall’Arabia Saudita), negli ultimi anni Hezbollah ha iniziato ad addestrare e dotare i cristiani del Medio Oriente in modo che possano anche loro difendersi e combattere l’ISIS , Al-Qaeda, Al-Nusra e altri gruppi simili armati dalle potenze esterne (Arabia Saudita, Qatar, USA).

Organizzando “Comitati per la protezione del popolo”, i cristiani di vari villaggi sono stati preparati a difendere le loro famiglie e comunità dalla minaccia di nemici, gruppi terroristi takfiri (finanziati dall’Occidente) che vogliono sterminarli.

Nel frattempo, nei media occidentali, si possono vedere solo notizie di presunti legami tra Hezbollah e il PCC e il traffico di droga. Notizie che non sono altro che speculazioni e falsificazioni ignobili. Speculazioni che hanno come fonte una ONG neo-sionista (fake news)

La rete Globo (e altre reti occidentali ) raccontano storie, affermando che il PF avrebbe scoperto connessioni di questo tipo. Ma altri media, come RFI (una radio francese), hanno già contattato il PF brasiliano e non ha né confermato l’esistenza di documenti su questo presunto collegamento, né indicato che sia stata scoperta alcuna reale connessione. Cioè significa che sono soltanto falsificazioni. La rete Globo non ha ottenuto queste informazioni con PF.

Allora ci si domanda dove Globo ha ottenuto queste informazioni? Risposta: attraverso una ONG globalista nota come “Foundation for Defense of Democracies“. Il FDD è stato fondato dal neocon senatore Jack Kemp, e il suo attuale presidente è il neocon (e, per caso, ebreo sionista) Clifford May. Tutti i suoi migliori consulenti e analisti sono neocon, tra cui William Kristol, figlio di Irving Kristol, trotskista, uno dei fondatori del neoconservatorismo. Guarda caso, una parte considerevole dei consiglieri e degli analisti di questa ONG sono anche loro ebrei sionisti, come il senatore Joe Lieberman, Charles Krauthammer, Toby Dershowitz, Benjamin Weinthal, Eric Edelman e altri.

Inoltre, lo staff di questa ONG comprende persone coinvolte nell’affare Iran-Contras, oltre a un giudice coinvolto in un presunto tentativo di nascondere i dettagli del massacro a Waco e solo a persone di questo livello. Vedi: Strage di Waco- Youtube.com/Watch

I principali finanziatori di questa ONG sono, nell’ordine: Roland Arnall, Charles Bronfman, Michael Steinhardt e Leonard Abramson. Tutti loro, per caso, ebrei sionisti. Il numero di persone associate a questa ONG è così grande e marcio che sarebbe impossibile entrare nei dettagli sul passato di ciascun membro. È meglio per chi è interessato, fare ricerche per conto proprio.

a proposito della stessa ONG, questa, ad esempio, dal 2012, ha lavorato per facilitare i contatti tra “ribelli siriani moderati” e autorità politiche americane. Cioè, sostengono i terroristi siriani (!). Ma l’obiettivo principale di questo piano, il grande obiettivo, è l’Iran. La ONG attacca solo il governo siriano perché ritiene che sia un proxy iraniano. E c’è anche il contesto dell’attacco contro Hezbollah. È solo un tentativo di attaccare l’Iran, attraverso attacchi a un supposto proxy.

Loro sono sostenitori e finanziatori di terroristi che accusano coloro che combattono i terroristi di essere terroristi e trafficanti di droga. La più vile propaganda di questa sarà difficile da trovare.

La gente qui nell’Occidente deve capire subito: senza Hezbollah, i cristiani in Medio Oriente saranno estinti. Saranno sterminati fino all’ultimo uomo, donna e bambino.

Per questo motivo, per noi e molti altri, il nostro supporto per loro è totale.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Sergei Leonov

Nessun commento:

Posta un commento