Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 24 gennaio 2018

L'Europa Monetaria prima di quella Politica è stato un modo per impedirla definitivamente. La Politica è la testa la moneta un suo strumento

VLADIMIRO GIACCHE’ A DWN: L’EURO RIPETE GLI ERRORI DEL MARCO ESTESO ALLA GERMANIA EST

Maurizio Blondet 22 gennaio 2018 

(MB: Pubblico questo articolo con la traduzione automatica, di cui mi scuso, perché è essenziale. Esso mostra la razionalità degli argomenti dei No-Euro. Mostra anche la vera durissima censura, che sta operando l’oligarchia sulle idee che non facciano il suo comodo. Nessun medium importante dà una riga di spazio agli argomenti razionali opposti, come quelli di Giacché o di Bagnai, che pure sono economisti reali. Il Pensiero Unico viene fatto trionfare nella forma più disonesta, alla Oscar Giannino, ossia facendo finta che gli altri non abbiano argomenti e siano pazzoidi che credono alle scie chimiche.)


Deutsche Wirtschafts Nachrichten: Nel tuo libro “Anschluss” ti occupi della riunificazione della Germania e in particolare delle conseguenze della rapida attuazione della “unione monetaria tedesca domestica” nell’area economica dell’ex RDT. Ci sono dei paralleli con l’introduzione dell’euro?

Vladimiro Giacché: L’unione monetaria nazionale tedesca era – proprio come l’Europa – motivata politicamente. Il loro obiettivo era realizzare l’unità politica della Germania il prima possibile. La connessione politica della RDT alla FRG divenne presto realtà. La loro “connessione” economica non ha avuto successo – fino ad oggi.

Vorrei aggiungere che ciò che è accaduto in seguito all’unione monetaria non è stato affatto inaspettato.

Ad esempio, in una lettera al governo di Bonn del 9 febbraio 1990, il Consiglio consultivo tedesco sulla revisione dello sviluppo macroeconomico (le “Cinque pratiche economiche”) avvertì delle conseguenze di una frettolosa unione economica. Uno dei suoi membri, Rüdiger Pohl, scrisse nel numero di “Wirtschaftswoche” il 23 febbraio: “Nelle condizioni attuali, la RDT avrebbe molti svantaggi a causa di una rapida unione monetaria” – e questo perché “le compagnie della DDR improvvisamente sono esposti alla concorrenza internazionale per cui non possono competere. È da temere che saranno spazzati via dai mercati “.

Ancora più interessante è che questo effetto dell’unione monetaria è stato accettato dallo stesso governo di Bonn. Il 17 aprile 1990 Schäuble e Tietmeyer Lothar de Maizière, il primo ministro della CDU dopo le elezioni di marzo. Schäuble (in seguito Ministro federale dell’interno) osserva: “Era chiaro a Lothar de Maizière come a me e a Tietmeyer che con l’introduzione della valuta occidentale le società della DDR non sarebbero più state competitive”. Questo è esattamente quello che è successo.

Per due ragioni. Il primo era nella stessa unione monetaria: improvvisamente, senza un periodo di transizione, prese la DDR come strumenti di politica monetaria. Non poteva svalutare la sua valuta per migliorare la sua competitività. Questo primo problema è stato enormemente amplificato dal secondo: il tasso di conversione (1: 1) era assolutamente inadeguato e significava un assurdo apprezzamento valutario.

Dal momento che il marchio GDR non era una valuta convertibile, nel commercio tra la RDT e il FRG era stato utilizzato un fattore di conversione per misurare il valore relativo delle due valute. A quel tempo, questo coefficiente era da 1 a 4.44. In pratica, un Westmark valeva più di quattro Ostmark, e fu in questa relazione che si stabilì il commercio intracomunitario. Poi è arrivata l’unione monetaria, e questo significava che con il 01.07.1990 i prezzi dei prodotti GDR sono aumentati di una notte poco meno del 350 percento!

Col senno di poi si è soliti accusare Honecker: alle persone piace parlare di “economia malata”, ecc. In effetti, la produttività del lavoro dell’economia della Germania dell’Est era molto più bassa di quella dell’economia della Germania occidentale. Ma in nessun caso il manuale di economia raccomanda, in questi casi, un apprezzamento del 350% come cura! Al contrario: come Karl Otto Pöhl (l’allora capo della Bundesbank) ha sottolineato nel dicembre 1993 di fronte alla commissione d’inchiesta del fiduciario del Bundestag tedesco: “Questa è una cura da cavalli, che non può sopportare alcuna economia”.

Ciò spiega sia il declino catastrofico del prodotto interno lordo della Germania dell’Est nel 1990/91 (non un solo paese dell’Europa orientale si è rivelato ancora peggiore in quel momento), sia la crescita media più bassa nei prossimi 25 anni. Quello che Bernd Liske ha scritto nel suo commento per gli ospiti il ​​07.01.18 è abbastanza corretto. I problemi sono radicati nella frettolosa unione monetaria.

Deutsche Wirtschafts Nachrichten: Vedi qualche parallelismo con la situazione attuale nella zona euro?

Vladimiro Giacché: Già nel 1991, Karl Otto Pöhl, in un’audizione al Parlamento europeo, definì l’unione monetaria tedesca “un disastro. E aveva anche avvertito l’Europa di non commettere un errore simile. Fu questa spiegazione a suscitare l’ira di Helmut Kohl. Pöhl si è dimesso da “Presidente della Bundesbank” per motivi personali.

Ebbene, nella letteratura apologetica sulla moneta unica europea, come conseguenza dell’area comune della moneta, si prevedeva l’instaurazione di un equilibrio tra i territori. Non è successo nella Germania unificata né nell’Europa dell’Euro!

Ciò che abbiamo sperimentato negli ultimi anni in Europa confuta molto chiaramente la tesi di un’approssimazione all’interno di questa area valutaria. Ci sono anche segni in diversi paesi europei che sono simili a quelli dell’economia della Germania orientale dopo l’introduzione del marco, sebbene non così brutalmente: declino del prodotto interno lordo, deindustrializzazione, disoccupazione, deficit commerciale, debito pubblico in aumento, emigrazione.

Rispetto alla Germania dell’Est, manca solo una cosa: i trasferimenti per bilanciare il deficit commerciale. Oppure, prima della crisi finanziaria, erano stati effettuati tali trasferimenti, vale a dire i prestiti concessi dalle banche tedesche (e francesi) ai paesi in crisi. Sono stati questi trasferimenti a rendere sopportabile il deficit commerciale di questi paesi. In effetti, le banche di Germania e Francia finanziavano l’acquisto di merci tedesche e francesi da parte di paesi come la Grecia. Tuttavia, nel 2008/09, queste banche – colpite gravemente dalla prima ondata della crisi nella loro fase statunitense, culminata nella bancarotta di Lehman Brothers – hanno iniziato a ridurre la loro esposizione alla periferia meridionale dell’Eurozona. E questo ha aggravato il loro squilibrio. Per quanto riguarda la Germania, le sue banche hanno dimezzato le loro obbligazioni verso i paesi “periferici” in Europa – da un picco di 600 miliardi di euro nel 2008 a 300 miliardi alla fine del 2012. Ma i tagli a questi trasferimenti non hanno creato gli squilibri: li hanno soltanto rivelati – e con loro svelata anche l’insostenibilità dell’euro.

Deutsche Wirtschafts Nachrichten: Il che sorprende che anche un paese altamente industrializzato come l’Italia sembra aver perso competitività all’interno dell’euro. Quali sono i problemi specifici per l’economia italiana causati dall’euro?

Vladimiro Giacché: La moneta unica blocca un importante meccanismo di mercato: il meccanismo attraverso il quale le economie più forti rivalutano la loro moneta, deprezzando quelle più deboli. Questo meccanismo agisce spontaneamente come contrappeso ai surplus o ai disavanzi commerciali eccessivi. Se eliminiamo questo meccanismo, non sarà più possibile difenderci dalla strategia di esportazione, che potremmo chiamare “mercantilismo monetario”. Una simile strategia fu descritta nel 1950 da Ludwig Erhard come segue: “Se riusciremo (…) attraverso la disciplina interna in misura maggiore rispetto agli altri paesi nel mantenere il livello dei prezzi, diventeremo più esportabili nel lungo periodo”. La “disciplina interna” è stata applicata nella zona euro della Germania dal fatto che i costi unitari del lavoro nel settore manifatturiero sono diminuiti del 9% dal 1999 al 2008 . Pertanto, il “livello dei prezzi” in Germania era più basso che altrove nell’area dell’euro (inclusa l’Italia) – e quindi sono state conseguite eccedenze commerciali superiori della Germania rispetto ai partner europei.

Quando la crisi ha colpito, è stata interpretata male – come una crisi del debito piuttosto che come una crisi della bilancia commerciale. Di conseguenza, è stata forzata una politica fiscale restrittiva o, come diciamo, “consolidamento fiscale”. L’obiettivo dichiarato era di ridurre il debito pubblico. Il vero obiettivo, tuttavia, era ridurre gli squilibri commerciali riducendo la domanda interna. Questo è quello che lo stesso Mario Monti ha confessato quando ha detto alla CNN : “Stiamo per distruggere la domanda interna attraverso il consolidamento fiscale” (video all’inizio dell’articolo). Sperava nella domanda di sostituzione europea, che non è arrivata perché tutti i paesi europei hanno attuato le stesse politiche false e procicliche allo stesso tempo. Quindi, la politica di austerità di Monti ha avuto solo un effetto distruttivo: dopo il suo regno, il PIL dell’Italia era molto più basso e quindi – sorpresa! – il rapporto debito / PIL è superiore del 13%!

Ora il nostro settore di esportazione si è ristabilito, ma molte aziende sono fallite (da qui l’elevata NPL delle banche italiane), soprattutto quelle che producono beni per il mercato interno. Complessivamente, l’Italia ha perso 1/5 della sua capacità produttiva totale dopo il 2007 (4/5 di loro nella fase di consolidamento fiscale). Questa non è una “distruzione creativa” alla Schumpeter, ma la drammatica conseguenza di gravi errori di politica economica.

DWN: poco prima delle elezioni parlamentari italiane si pensa a giochi per l’introduzione di una possibile “moneta parallela” fatta in Italia – sia nel campo legale centrale di Berlusconi che nel M5S. Hai considerato utile l’introduzione di una simile “valuta parallela”?

Vladimiro Giacché: No. Una tale valuta parallela sarebbe difficile da applicare sull’UE. Inoltre, le valute parallele di solito non funzionano o solo per un breve periodo. Politicamente, considero tali invenzioni una tattica evasiva. L’obiettivo è evitare di identificare il problema principale e proporre la soluzione che conta: l’insostenibilità dell’euro e la necessità di abolirlo; se possibile, attraverso una decisione comune e coordinata, se necessario attraverso decisioni unilaterali.

Notizie economiche tedesche: anche in Germania ci sono espressioni di scontento nei confronti dell’euro e del programma di acquisto di titoli di stato da parte della BCE. Recentemente, l’economista Prof. Markus Kerber ha commentato questo in un’intervista con DWN. Si lamenta che i contribuenti tedeschi sarebbero stati costretti dalla BCE a un “salvataggio dell’Italia” permanente . Pensi che il suo ragionamento sia comprensibile?

Vladimiro Giacché: No. Finora il contribuente tedesco non ha speso un solo euro per l’Italia. Al contrario: in primo luogo, la crisi ha gravemente ridotto il costo del debito pubblico tedesco, e quindi la politica monetaria accomodante della BCE e persino il QE (la BCE acquista principalmente titoli di stato tedeschi) hanno portato ulteriori benefici al debito sovrano della Germania. Nel 2016 e 2017, per la prima volta nella storia della Repubblica federale, il rendimento dei titoli di Stato decennali era pari allo zero per cento, a volte persino più basso. Presso il Centro Europa Ricerche, abbiamo calcolato i risparmi del governo tedesco a causa dei tassi di interesse dovuti, a volte persino negativi, per i titoli di Stato : dal 2007 al 2017 sono 280 miliardi di euro; questa cifra corrisponde al 13,3% del debito pubblico totale tedesco e al 28,9% del risparmio totale dei paesi dell’area dell’euro (la Francia è al secondo posto con il 23,7%, il terzo in Italia con il 14,3%). Non un cattivo affare per lo stato tedesco, né per il contribuente tedesco.

Notizie economiche tedesche: dai politici tedeschi, in particolare dal campo governativo, si sente ripetutamente “la Germania ha tratto beneficio dall’euro”. Eppure non è più possibile per un normale percettore acquisire un patrimonio immobiliare poiché – come conseguenza della politica della BCE – i prezzi immobiliari sono saliti a livelli inaccettabili. Nelle strade è possibile vedere sempre più senzatetto. E la ricerca mostra che il patrimonio monetario di un bilancio tedesco è tra i più bassi della zona euro, anche inferiore a quello di un greco. Quindi chi ha davvero beneficiato dell’euro? Intere nazioni o circoli sociali piuttosto specifici?

Vladimiro Giacché: Questo è un punto molto importante. Sono particolarmente grato a questa domanda perché consente di fare chiarezza in un discorso che è sempre più guidato dai “nazionalismi”. Negli ultimi dieci anni, la Germania ha generato somme da record attraverso eccedenze delle esportazioni più e più volte. Ma allo stesso tempo la povertà cresce in Germania, anche tra i lavoratori . Perché? Forse i greci sono da biasimare o gli italiani? Certo che no. Il problema è più vicino. Calcolato a 287 miliardi di dollari, secondo i calcoli dell’Istituto Ifo di Monaco, l’aumento delle esportazioni tedesche nel 2017 è stato più del doppio di quello del campione mondiale delle esportazioni in Cina, che è arrivato a $ 135 miliardi. Nel 2016, il 36,6% delle esportazioni tedesche totali è andato alla zona euro.

Ma questo non è avvenuto solo a spese dei concorrenti europei, ma anche a scapito delle retribuzioni tedesche. Non si può parlare di partecipazione equa alla crescita economica. Al contrario, i successi delle esportazioni tedesche sono proprio dovuti alla cosiddetta moderazione salariale. È stata deliberatamente perseguita una politica economica che utilizza bassi salari per esportare di più. D’altra parte, gli investimenti sono stagnanti (come sottolinea ripetutamente Marcel Fratzscher), così come la domanda interna. Non è un modello economico equilibrato – né equo né praticabile. I perdenti dell’euro vivono non solo ad Atene, Madrid o Roma, ma anche a Brema, Magdeburgo o Berlino.

Notizie economiche tedesche: i sindacati monetari, che non erano anche sindacati politici, hanno sempre fallito nella storia. Ora il presidente francese Macron chiede “più Europa“, incluso un bilancio dell’Eurozona. I problemi dell’Europa possono essere risolti con maggiori trasferimenti? Quali sarebbero le conseguenze dell’attuazione delle proposte di Macron per l’Europa meridionale?

Vladimiro Giacché: Non credo che “più Europa” possa essere la soluzione. La moneta unica è stata un grave errore. Era la precondizione sbagliata per l’integrazione europea e ha promosso la divisione dell’Europa – e non ha accelerato l’unione politica dell’Europa, ma l’ha evitata e resa più implausibile.

Se avessi costruito un edificio su una base falsa e fragile, non sarebbe una buona idea aggiungere un altro piano per rafforzare la struttura. Ma questo è esattamente ciò che include la proposta Macron.

Per quanto riguarda i trasferimenti e il cosiddetto trasferimento sindacale, questo ha la sua logica: se deindustrializzo il mio vicino, allora dovrei finanziare il suo consumo se voglio che continui ad acquistare i miei prodotti. Ma questo non è un modello economico sano o sostenibile.

Questa è la lezione che si dovrebbe aver imparato dall’annessione della DDR. È un miraggio, quando si pensa: “Deindustrialisierung immediatamente, mai trasferimenti!” Chiunque pensi come Max Stirner, ha “messo le sue proprietà sul nulla”.

Non voglio un’unione di trasferimento e quindi non voglio un meccanismo di concorrenza a bassi salari.

Se l’euro consente e addirittura favorisce tale concorrenza, l’euro dovrebbe essere abolito. Altrimenti, sarà abolita l’Europa.

***

MACRON AMMETTE CHE I FRANCESI VOTEREBBERO PER LASCIARE L’EURO, SE SI TENESSE UN REFERENDUM


“La mia comprensione è che le classi medie e le classi lavoratrici e le più anziane hanno deciso che le politiche attuate negli ultimi decenni non erano a loro favore, e gli aggiustamenti fatti dall’UE non erano a loro favore”.

“Penso che l’organizzazione dell’UE sia andata troppo oltre la libertà senza coesione, mercati liberi senza regole”.

L’1 per cento della popolazione mondiale s’è spartita l’82 per cento della ricchezza mondiale prodotta nel 2017. E quella parte ricca ha evitato di pagare imposte per 200 miliardi grazie alle elusioni fiscali a sua disposizione – Il numero dei miliardari ha raggiunto il numero record di 2050.


Nessun commento:

Posta un commento