Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 24 gennaio 2018

Siria - i curdi non hanno voluto federarsi con Assad, vogliono un'autonomia totale. Ankara non se lo può permettere e deve a prescindere impedire loro l'accesso al mare. Stati Uniti prima hanno utilizzato i curdi, e questi si sono fatti utilizzare, e ora li lasciano soli contro la Turchia

ERDOGAN HA ATTACCATO AD AFRIN GLI ALLEATI DEGLI USA. E CON L’ACCORDO DI TILLERSON.

Maurizio Blondet 22 gennaio 2018 

Nelle operazioni in corso contro i curdi siriani al Afrin (Siria, Nord Aleppo), le forze turche hanno bombardato la base aerea di Menagh, usata da Washington per fornire di armamenti i loro amici curdi.

Un paese alleato NATO che attacca forze sostenute dagli americani, mettendosi in rotta di collisione con Washington, sembra un fallimento colossale dell’amministrazione Trump e del suo ministro degli esteri, Rex Tillerson, e un regalo all’asse di resistenza siriano.

Ma Mosca ha espresso preoccupazione per la situazione, ed ha richiamato le parti alla moderazione. E’ simulata o vera preoccupazione?

Perché fonti di Damasco sono convinte che “una fazione del potere USA ed Erdogan hanno montato di tutto punto questa mascherata in vista di giustificare una occupazione di parte del territorio siriano da parte di forze straniere, nel Nord Est della Siria e una parte della provincia di Idlib. Mosca osserva con estrema cura questo gioco, notando tutto si fa perché la pressione militare del conflitto in Siria si sposti più a Nord, lontano dalle frontiere di Israele”. Quindi uno degli scopi della finta ostilità fra Ankara ed Usa sarebbe calmare le angosce di Sion? Questa fonte aggiunge: “Washington non agisce più in Siria come una sola entità. La seconda guerra civile Usa è ormai una realtà tangibile”: ventilando qui l’azione di una frazione del Deep State contro l’amministrazione Trump.


Cerchiamo di capire, per quanto possibile in una vicenda dove si intrecciano doppi e tripli giochi.

L’intervento di Erdogan ad Afrin contro i curdi è stata causato dall’annuncio americano di voler costituire lì una forza armata di 30 mila uomini, curdo-siriani e anche ex ISIS, come “forza di protezione dei confini”; 

insomma una permanente occupazione del Nord-Siria, consegnandola di fatto alla componente curda. Erdogan non poteva accettare una fatto compiuto del genere; per giorni ha minacciato verbalmente che avrebbe annichilito quei “terroristi” alla sua frontiera Sud.

Apparentemente, Washington non ha mai risposto – quasi come credesse che le minacce di Erdogan fossero vuote. 

Dopo, Tillerson ha dichiarato in un talk show che i propositi americani sono stati “dipinti erroneamente” (misportrayed) , descritti “in modo distorto” (misdescripted) e che “qualcuno s’era espresso male (misspoken): qui non stiamo creando affatto una forza di sicurezza confinaria”, quasi fosse appunto stato tradito dal Deep State.

E’ noto che l’apparato della Segreteria di Stato, clintoniano e neocon, gli è nemico e può tradire i suoi ordini.


Però va aggiunto che Erdogan aveva un altro motivo per entrare in Siria: i successi delle forze di Damasco nella zona orientale di Idlib dove sta sconfiggendo la “Armata libera Siriana” (Anti-Assad) e i takfiri di Al Qaeda che lui sosteneva.

Fatto sta che le operazioni ora in corso sono state precedute da numerosi negoziati. Alti ufficiali turchi sono volati a Mosca per avvisare le loro controparti russe dei loro piani di attaccare Alfrin. I russi hanno acceduto.

Ma non prima di essersi messi in contatto coi curdi della zona, facendo loro , anche a nome di Damasco e alleati, un’offerta che gli stessi negoziatori kurdi descrivono così:

nell’incontro la Russia ha proposto alla nostra amministrazione [curda] che se mettevamo Alfrin sotto il regime siriano, la Turchia non ci avrebbe attaccato. L’amministrazione di Alfrin ha rifiutato la proposta”. 

Specificamente, questa specie di governo ribelle non ha voluto rinunciare al controllo esclusivo dei confine.


Chiaramente, i russi mirano a restituire l’integrità territoriale della Siria.

Altrettanto chiaramente, quei curdi vogliono ricavare dalla Siria il loro staterello, il Royava, promesso loro dagli americani.

Infatti un loro comunicato suona così: “Il comandante delle forze del Royava generale Mazlum e Illam Ahmed hanno incontrato Brett McGurk per chiedere che gli Usa fermino gli attacchi turchi”. McGurk è il plenipotenziario della segreteria di Stato che i neocon esaltano come “l’architetto della vittoria americana contro l’ISIS”, (qui lo spassoso articolo di Il Foglio)

un uomo di Bush e di Obama, e del Deep State.

Evidentemente i curdi del Rojava si sono fidati dell’alleato americano.

E adesso hanno i bombardamenti turchi.

I russi, fallito quel negoziato, ne hanno concluso un altro che la Turchia. Ankara aveva accettato, ma mai attuato, di operare la sua parte nella “zona di de-escalation” ad Idlib nelle aree tenute da Al Qaeda: non vuole perché Erdogan sostiene Al Qaeda in Siria, e non può perché membri di Al Qaeda hanno famiglia e amici in Turchia e possono vendicarsi se si sentono traditi. Sicché Mosca ha ottenuto che Ankara ceda il controllo della maggior parte di Idlib e in cambio prenda il controllo di Alfrin (se ce la fa). E infatti, in coincidenza con l’attacco della Turchia (che ha chiamato “Ramoscello d’Olivo”), l’armata di Damasco ha preso la base aerea di Abu Duhor nel’Est di Idlib: così procede ad eliminare i resti di Al Qaeda e ISIS ormai chiusi in una sacca.

Non è certo una soluzione gradita al governo di Damasco, avere i turchi di Erdogan ad Alfrin. Ma avere i curdi alleati agli Usa in una occupazione permanente in tutto il nord-ovest della Siria, è ancora peggio. L’esercito di Assad, esaurito, non ha più la forza di combattere anche questo nemico, e l’Iran e Mosca hanno reso chiaro che non vogliono un conflitto diretto con la Turchia. Non si dimentichi che Putin ha le elezioni presidenziali fra qualche mese. La Russia ha ritirato i suoi militari dall’area di Alfrin, lasciando insomma fare ai turchi.

Del resto la zona è montagnosa, i curdi sono ben armati ed addestrati, e la conquista di Erdogan non sarà né facile né senza sangue; anche se lui ha messo in linea non l’esercito nazionale ma le milizie Sirian Defense Forces; intanto ha già perduto due carri armati. Un missile lanciato ai curdi del PYD ha colpito la cittadina turca di confine Reyhanli, facendo un morto e 32 feriti.

Il punto è che gli americani non hanno alzato un dito per difendere i “loro” curdi del “Rojava” che vengono bombardati. Anzi la portavoce del Dipartimento di Stato, sabato, ha dichiarato: “Gli Usa continuano ad essere solidali verso le legittime preoccupazioni di sicurezza della Turchia in quanto alleato NATO e partner essenziale nello sconfiggere l’ISIS”.

E Tillerson in persona, il 17 gennaio, alla Hoover Institution, ha accusato il “brutale” presidente Assad di essere la causa dell’ascesa dell’ISIS, avendo “distrutto Aleppo” con la “brutale campagna” che “ha affondato la Siria in uno stato ancor più grave di disordine da cui l’emergere dello Stato Islamico”.

A che gioco gioca Tillerson? Apparentemente, la politica americana in Siria è a pezzi. Ha tradito i curdi. E’ in rotta con Erdogan; ma i caccia che attaccano i curdi decollano dalla base USA di Incirlik. E se fosse invece d’accordo con lui? Lo sapremo quando capiremo quanta parte di territorio siriano Erdogan si contenta di occupare.

L’Iran vuole la guerra – Vedete come ha avvicinato il suo paese alle basi USA:

Nessun commento:

Posta un commento