Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 24 febbraio 2018

Crescono in Italia i venditori di fumo - Il niente che si nasconde dietro protervia e presunzione, la sua ambizione trasborda e dobbiamo pazientemente quotidianamente sopportare i suoi strali contro tutti. E' il suo modo di emergere, di farsi conoscere, di far parlare di sé. Denigrare gli altri, più sono conosciuti e più si impegna, la sua strategia si dispiega nelle regole della logica - Uomini di piccolo cabotaggio che rispondono alle difficoltà vere con l'unica parola d'ordine che conoscono: andiamo avanti. E' più forte di loro non ne possono fare ameno, e di fatto vanno avanti, vanno talmente avanti che spesso, per non dire sempre si sfrantumano contro le rocce della dura realtà di cui non vogliono tenere conto. I cambiamenti quelli veri hanno bisogno di tempo, bisogna investire nelle trasformazioni energie, materiali e spirituali e solo facendo rete, creando Sistema, organizzazione, creazioni di volontà diverse verso lo scopo, gli obiettivi, forse con umiltà, imparando dagli errori, si possono raggiungere e mai mai da soli ma sempre insieme

Carlo Calenda: cosa vuole veramente il Ministro dello Sviluppo Economico?

Carlo Calenda sindaco o leader?

Di Giuseppe Vatinno

Carlo Calenda

Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo Economico, è senza dubbio un tipo particolare sia per il suo curriculum sia per il suo agire politico, anche se è e si considera un tecnico..

Carlo Calenda è figlio del giornalista Fabio Calenda e della regista progressista Cristina Comencini, a sua volta figlia del regista Luigi Comencini, famoso per Le avventure di Pinocchio del 1972, nato a Salò e iscritto ai Guf (Gruppi universitari fascisti), vincitore anche di un Littoriale della cultura e dell’arte.

La sua carriera si svolge in aziende come la Ferrari e Sky, tanto per dare un’idea, prima di giungere in Confindustria come assistente del presidente.

L’incontro determinante è con Luca Cordero di Montezemolo in Ferrari e poi negli ambienti ovattati di via dell’Astronomia.

Nel 2013 diviene coordinatore politico di Italia Futura l’effimera creatura di Montezemolo e nel 2013 si candida con Scelta Civica di Mario Monti, ma non viene eletto e sempre nel 2013 viene nominato viceministro dello Sviluppo Economico da Enrico Letta, incarico confermato con Matteo Renzi al governo. Nel 2015 lascia l’ormai combusta Scelta Civica e migra al Partito Democratico, nel periodo di maggior splendore di Renzi che lo nomina ad inizio del 2016 “rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione Europea”, in un posto normalmente riservato ai diplomaticiche infatti insorgono come solo loro sanno fare. Un paio di mesi di guerra tosta e Renzi cede promuovendolo però al ruolo di ministro dello Sviluppo Economico, funzione che conserva ancora.

Calenda ha un temperamento forte e ruvido, e questo piace al popolo, e all’inizio si è dovuto contenere.

Un po’ come Francesco Cossiga, Calenda è stato buono per metà mandato per poi cominciare ad esternare e a picconare seriamente proprio il suo mecenate Matteo Renzi, vittima quasi quotidiana dei suoi strali sia politici che istituzionali.

Un “renziano che sbaglia” lo potrebbe definire Massimo D’Alema, ma la domanda vera è: il figlio della Comencini è ancora renziano?

A leggere i suoi infuocati comunicati stampa si direbbe proprio di no.

Ma allora cosa vuole Carlo il Puro, come qualcuno potrebbe definirlo?

La cifra del suo agire politico sembra potersi individuare in una sorta di “populismo bianco”, cioè civile, che agogna una società ideale dove le aziende e le industrie sono il motore dello sviluppo e questo concordamene al suo credo capitalistico.

Tuttavia, da quando è iniziata la campagna elettorale, qualcuno gli deve aver detto che non ci sono solo i capitalisti e i capitani d’industria ma anche i poveri operai e quindi Carlo si è prontamente riconvertito, a mo’ di novello Tabacci, ad una sorta di marxismo industriale, fatto di grande interesse per i lavoratori e per le loro vicende, come il caso Embraco in cui è giunto a definire la controparte industriale “gentaccia”, termine assolutamente inusitato, soprattutto se utilizzato da un ministro ex confindustriale.

Il marchese Fulvio Abbate lo definisce così: “Calenda? Uno spermatozoo d'oro dei Parioli che aspetta di prendere la leadership del centrosinistra" ed in questa suggestiva definizione biologica si vede la contraddizione che mostra tra il suo turbo - capitalismo e il suo attuale innamoramento (sospetto) per le tesi di Marx ed Engels.

Tra l’altro, proprio Calenda ha voluto in passato a suo fianco Carlo Stagnaro, “rottamatore” dell’articolo 18, fondatore dell’Istituto Bruno Leoni (ultra liberista),come capo segreteria tecnica del suo ministero e questo rende ancor più difficile credere alla sua riconversione.

Ma cosa vuole Carlo?

Prendendo spunto dai recenti litigi con la sindaca Virginia Raggi, alcuni pensano che voglia fare il sindaco di Roma, dopo tutto è un romano ambiziosissimo e questa carica potrebbe ringalluzzirlo alquanto. È una possibilità. Sicuramente si è messo molto in evidenza sulla Capitale e sui suoi problemi.

Ma probabilmente il vero obiettivo di Calenda, o meglio il principale, è quello di rifondare il centrosinistra, di presentarsi come il solito “uomo nuovo” capace di prendere in mano la guida del cocchio progressista e farlo volare nel più alto dei cieli, fino alle stelle di Palazzo Chigi, con lui, naturalmente, alla guida.

A dire il vero, questa tentazione ce l’hanno avuta un po’ tutti ed anche gente con numeri pesanti alle spalle come Sergio Cofferati, ma nessuno, tranne Renzi c’è riuscito.

Proprio il caso Embraco costituisce una sorta di pistola fumante delle intenzioni del ministro e il suo ragionamento potrebbe essere: Renzi non ce la fa, il Pd crolla ed io mi cucco il regno, seppur ridotto a contado.

Una ipotesi peregrina?

Chissà…

Ma in tempi di crisi, e questo è uno di quelli, la sinistra ha sempre prodotto profeti e redentori e questa volta potrebbe essere proprio la volta del buon Carlo di cui il nonno sarebbe sicuramente fiero, dimenticando Salò.

Nessun commento:

Posta un commento