Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 14 febbraio 2018

Monte dei Paschi di Siena - siamo alle comiche finali la nostra banca in cui abbiamo e continuiamo a profondere miliardi la regaliamo all'Ubi

Ubi Banca potrebbe acquisire il “risanato” Monte dei Paschi di Siena

Per ora la dirigenza smentisce 

- 13 Febbraio 2018 alle 08:49


MILANO. Chiuse le trimestrali torna sul mercato l'idea che, una volta sistemato il fardello dei non performing loans, gli istituti di credito italiani debbano proseguire nel processo di aggregazione.

Tra le spose più appetibili si guarda al Monte dei Paschi di Siena che lo Stato ha preso per mano per risanarlo con l'obiettivo di rivendere le proprie quote entro il 2021.

Tra i possibili pretendenti è stata indicata, anche di recente, Ubi Banca (che ha acquisito la nuova Carichieti).

Un'ipotesi che l'istituto guidato da Victor Massiah smentisce in maniera categorica negando l'esistenza di dossier o di qualsiasi tipo di negoziazione con Siena. Il tema del consolidamento è comunque centrale come opzione per dare valore. Un richiamo in questa direzione lo ha fatto anche il Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco nelle sue considerazioni al Forex di Verona sabato.

L'integrazione tra il Banco Popolare e la Bpm ha dato il via ad un processo che è destinato a proseguire anche perché, come evidenziato dallo stesso Visco, le banche sono chiamate ad una profonda revisione che passa anche attraverso aggregazioni o iniziative di tipo consortile che consentano di sfruttare sia sinergie di costo e sia in termini di ricavi.

E proprio la nuova realtà del Banco Bpm potrebbe essere l'architrave di un futuro risiko. D'altro canto una simile ipotesi non dispiace anche allo stesso a.d. "Se riusciamo a completare il nostro piano penso che a fine 2019 saremo in una situazione solida tale da poter riuscire a guardare ad altri", è stato il commento di Giuseppe Castagna sul tema. Parole che hanno scaldato il titolo in Borsa in avvio di seduta e che poi in chiusura è stato uno dei pochi del credito in positivo.

Da fine 2019 le opzioni per il Banco Bpm, secondo quanto si raccoglie, potrebbero essere dunque Mps e Carige insieme (entrambe sotto pressione in Borsa dopo i conti) oppure la riproposizione di una aggregazione con Ubi, già sfumata quando Piazza Meda scelse il matrimonio con il Banco.

Ci sono poi le avance che il Creval, impegnato a portare a casa un aumento di capitale da 700 milioni, rivolge da tempo alla Popolare di Sondrio da sempre abbastanza fredda ma, comunque, intenzionata ad esplorare nuove opportunità. Ed è recente, in tema di aggregazioni, una simulazione di Equita che si è esercitata su una mega fusione a 5: Mps, Banco Bpm, Bper, Creval e Carige le protagoniste sotto il patrocinio del Mef. Un gigante da 12 miliardi di euro di capitalizzazione che controllerebbe il 20% del mercato.

http://www.primadanoi.it/news/cronaca/576336/ubi-banca-potrebbe-acquisire-il-risanato-monte-dei-paschi-di-siena.html

Nessun commento:

Posta un commento