Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 25 febbraio 2018

Vaccinazioni - il Partito dei Giudici ha ricevuto l'ordine dalle multinazionali di intervenire e questi hanno obbedito

Caso vaccini: ennesimo attacco alla verità! Il popolo italiano vuole trasparenza da parte del Governo

Ieri mattina gli ufficiali della Guardia di Finanza si sono presentati nello studio dello scienziato Stefano Montanari e della moglie Antonietta Gatti. Sequestrato tutto il materiale di lavoro, comprese le copie.

Pubblicato il 23 FEBBRAIO 2018, alle ore 12:27


Arrivata come un fulmine a ciel sereno la notizia del sequestro di tutto il materiale di lavoro dello scienziato Stefano Montanari e della moglie – la Dottoressa Antonietta Gatti – da parte della Guardia di Finanza, avvenuto presso il loro laboratorio Nanodiagnostic e presso la loro abitazione.
Seguendo la vicenda tramite il web e Facebook, appare poco corretta la mossa d’intrusione con mandato da parte della Procura della Repubblica Italiana nei confronti della coppia.

Moltissime difatti le volte che sono stati presi di mira. Dal sequestro – anni fa – del loro microscopio, alle molte volte che sono stati “invitati” a sospendere le loro ricerche.
Moltissime le scoperte durante il loro immenso lavoro, della presenza di metalli pesanti nei vaccini; un lavoro non semplice il loro, Ricercatori di verità.

Un tema, quello dei vaccini, molto “caldo” in questi mesi, dopo l’approvazione della legge Lorenzin. Contestato da tanti, poca chiarezza da parte delle Istituzioni e della Sanità Pubblica; genitori allarmati, confusi, su cosa fare e/o non fare ai propri figli.

Segnali evidenti che c’è qualcosa da nascondere: se così non fosse stato, i ricercatori e scienziati di fama mondiale, molto apprezzati all’estero, non avrebbero subito attacchi così mirati.
A protezione di chi vengono svolti questi continui attacchi? Case farmaceutiche che hanno interessi altissimi ad oscurare chiarezza e verità su quanto svolto in tutti questi anni di servizio dalla coppia di scienziati.
E nel frattempo la Ricerca si ferma, risultati di anni di lavoro, svolto con passione e dedizione, sequestrati in un attimo.

Ma la gente non ci sta, il popolo italiano vuole la verità, la trasparenza, quando si parla della salute e del futuro dei propri figli. Comitati Genitori si stanno attivando a sostegno della coppia affinchè possano riavere il loro materiale di lavoro e continuare le proprie ricerche. Medici, avvocati, gente comune, tutti mobilitati. Moltissime le iniziative in tutta Italia, si scenderà in piazza a dar voce al popolo.

Troppo importante il lavoro svolto dagli scienziati Montanari–Gatti per permettere che sia calato il silenzio assoluto su questa vicenda.

Nessun commento:

Posta un commento