Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 18 marzo 2018

Governo M5S-Centrodestra - i due programmi si completano, bisogna mettersi intorno ad un tavolo e compilare la lista delle priorità che sono scelte politiche. Ha ragione Bagnai la prima in assoluto rilancio degli investimenti pubblici, rifacimento delle strade, scuole, ospedali MA nel medesimo tempo Moneta Complementare (minibot?) per mettere in sicurezza l'Italia

Governo, tutto passa dal Def. M5S e Lega: che cosa li unisce

Def, sulle spese Lega e M5S sembrano potersi mettere d’accordo. Sulle risorse per finanziarle l'intesa è invece difficile. E sulla quadra incombe lo spettro Iva

Foto LaPresse

di Luca Spoldi
e Andrea Deugeni
17 marzo 2018

Lo scenario di cui il prossimo governo dovrà tener conto per elaborare il Def(Documento di economia e finanza) è caratterizzato da un Pil in crescita dell’l,5%, un debito pubblico a quota 2.279 miliardi di euro (1,3 volte il Pil), imprese con una produttività più bassa dei concorrenti esteri, un’occupazione concentrata in lavori parcellizzati e ripetitivi (facilmente sostituibili dalla tecnologia), banche ancora alle prese con decine di miliardi di euro di “sofferenze” da ripulire dai bilanci e con una redditività modestissima.


Il punto su cui tutti gli schieramenti sono d’accordo è che si deve cercare di sostenere la crescita, disinnescando anche il rischio di un aumento dell’Iva nel 2019 (clausole di salvaguardia) che per essere evitato totalmente richiede risorse per 12,4 miliardi (pende anche l’incognita di una manovra correttiva di 3,4 miliardi su cui Bruxelles si pronuncerà a maggio e che porta il conto “minimo” del Def, al netto cioè di politiche economiche espansive, a 15,8 miliardi). Il problema è che Lega e M5S (ma anche Forza Italia e Pd) sono sostanzialmente in disaccordo su come riuscirci, anche se i movimenti guidati da Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno alcuni punti di convergenza che potrebbero costituire l’ossatura della legge di Stabilità di un futuro governo Lega-M5S.

I cinque stelle sembrano ormai aver accettato l’idea di rispettare il vincolo di un deficit non superiore al 3% del Pil e l’obiettivo di un bilancio in pareggio a medio termine. Ipotesi rigettate da esponenti economici della Lega come il neo senatore Alberto Bagnai che si dicono pronti ad andare allo scontro con la Ue. In compenso Bagnai sostenendo la priorità di rilanciare investimenti pubblici a partire da opere minori di “riqualificazione del territorio” come il rifacimento di strade, scuole e ospedali, dice cose molto simili a quelle del movimento di Di Maio, che però vorrebbe anche trovare il modo di sostenere di più la green economy, la mobilità sostenibile, la rete idroelettrica e la banda ultralarga.


Per la Lega occorre anche riqualificare e stabilizzare il personale pubblico, “perché abbiamo una macchina dello Stato che non riesce a operare per mancanza di risorse”. Risorse che non verranno dal contenimento della spesa pensionistica, visto che la Lega propone l’abolizione della riforma Fornero riguardo alla quale invece il M5S parla soltanto di "superamento" (facendo riferimento al sistema delle quote). Così come non parla di “flat tax”, altro cavallo di battaglia della Lega (per cui servono circa 43 miliardi). In compenso il movimento di Salvini nulla dice sul reddito di cittadinanza (tra i 15 e i 29 miliardi eur le coperture a seconda delle stime), che la stessa Ue potrebbe apprezzare, visto che forme di reddito minimo garantito esistono in tutti i paesi di Eurolandia ad esclusione proprio dell’Italia e della Grecia. Insomma: sulle spese Lega e M5S sembrano potersi mettere d’accordo, sulle risorse da reperire per finanziarle molto meno.

Oltre che nei contenuti, il Documento di economia e finanza è un rebus anche sui tempi che potrebbe diventare però un banco di prova per la formazione di una maggioranza governativa. Visto che le alchimie politiche e i passaggi al Quirinale potrebbero non consentire una formulazione “completa” del Def (il Programma di stabilità e convergenza che contiene i saldi di finanza pubblica e il Programma nazionale di Riforma con le linee di politica economica) entro il termine canonico del 10 aprile, la scadenza “europea” di fine aprile potrebbe dare invece la possibilità alle forze presenti in Parlamento di trovare una quadra. Gettando le basi per un’intesa di governo e per la stesura della legge di Stabilità poi dopo l’estate.


Se ciò non accadrà ci sarà sempre la via d’uscita della Nota di aggiornamento o di un “addendum” al Def nel corso dell’anno. Documento che a questo punto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ancora in carica per il disbrigo degli affari correnti compilerà, per rispettare le scadenze con l’Europa, solo nella parte principale (che indica le tendenze dei conti pubblici, gli obiettivi di bilancio e le misure previste per centrarli) a “politiche invariate”. In altre parole, un documento light, meramente tecnico, senza scelte politiche neanche per disinnescare le clausole di salvaguardia.

Nessun commento:

Posta un commento