Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 14 marzo 2018

Guerra - gli statunitensi, i sionisti ebrei sono avvertiti niente bombardamenti umanitari sulla città di Damasco

Stato maggiore promette risposta a minacce a militari russi in Siria

© AFP 2018/ Louai Beshara
15:46 13.03.2018(aggiornato 17:18 13.03.2018) 

In relazione alla possibile minaccia alle vite dei militari russi in Siria saranno prese delle misure di risposta, ha dichiarato il capo dello Stato maggiore delle forze armate russe Valery Gerasimov.

Gerasimov ha dichiarato che "verranno adottate misure prenderà misure di ritorsione sia sui missili che sui vettori che li lanceranno" riferisce Sputnik. 

Ha aggiunto che al momento "continuano le misure per normalizzare ulteriormente la situazione intorno alla capitale della Siria". 

Il capo dello Stato maggiore ha detto che i ribelli in Ghouta orientale stanno preparando una provocazione con la messa in scena di un attacco con "armi chimiche" contro la popolazione civile, azione che gli Stati Uniti intendono utilizzare come scusa per attaccare i distretti governativi di Damasco. 

Per la messa in scena in diverse zone della Ghouta est, "è stata raccolta una folla di donne, bambini e anziani portati da altre regioni". 

Secondo Gerasimov, i Caschi bianchi e le troupe cinematografiche con trasmettitori satellitari sono già presenti". 

"Ciò è confermato dalla scoperta di un laboratorio per la produzione di armi chimiche nel villaggio di Aftriss, liberato dai terroristi", ha sottolineato. 

Secondo il generale, dopo la provocazione, gli Stati Uniti pianificano di accusare Damasco di usare armi chimiche e di presentare le "prove" della morte di massa di civili per colpa del governo siriano e della "leadership russa che lo sostiene". 

Per rappresaglia, Washington, ha osservato Gerasimov, "prevede di lanciare un attacco con bombe e missili nei distretti governativi di Damasco". 

Il capo dello Stato maggiore ha ricordato che a Damasco ci sono ora dei consiglieri militari russi, i rappresentanti del Centro per la riconciliazione delle parti belligeranti e della polizia militare. 

Gerasimov ha anche detto che i guerriglieri per disperdere le manifestazioni ad Hammour in Ghouta orientale hanno fucilato quattro persone, ne hanno ferite dieci, a Kafr Batna hanno ucciso cinque persone e ne hanno ferite 12. 

"I terroristi e le formazioni della cosiddetta opposizione moderata tengono in ostaggio i locali, usandoli come scudo vivente. Sopprimono severamente le azioni di protesta della popolazione in Ghouta orientale, alla quale, sotto la minaccia di morte viene vietato lasciare questa zona" ha detto. 

Ricordiamo che gli Stati Uniti hanno annunciato la loro disponibilità di vietare alla Russia di condurre attacchi aerei in Siria. Lunedì, l'ambasciatore degli Stati Uniti presso l'ONU Nikki Haley ha detto che gli Stati Uniti sono pronti ad agire nuovamente contro la Siria in connessione con il fallimento della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su un cessate il fuoco. Prima di ciò, gli Stati Uniti e la Russia si sono scambiati accuse di inosservanza della risoluzione 2401 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul cessate il fuoco nella Ghouta orientale. 

Sempre lunedì in Ghouta orientale è stato trovato un laboratorio artigianale dei militanti per la produzione di munizioni chimiche. 

In precedenza, il capo del Pentagono James Mattis ha detto che gli Stati Uniti ricevono segnalazioni di attacchi chimici in Ghouta orientale, ma Washington non possiede prove a dimostrazione che Damasco usi armi chimiche. 

Il presidente siriano Bashar Assad ha spiegato gli scopi per i quali i paesi occidentali usano il tema delle armi chimiche. Secondo il presidente siriano, per l'Occidente è "solo un ricatto, usato di solito solo come una scusa per condurre attacchi aerei contro l'esercito siriano".

Nessun commento:

Posta un commento