Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 12 marzo 2018

Il protezionismo crea posti di lavoro ma non ditelo ai globalisti euroimbecilli che ci affamano giorno dopo giorno e che ci hanno dato il precariato a vita

VA IN SCENA IL “PROTEZIONISMO”

Maurizio Blondet 12 marzo 2018 

“Trump mette i dazi! E’ la fine del libero commercio mondiale!”. Cominciamo col dire che le misure “protezioniste” di The Donald sono: estremamente limitate perché ha subito escluso Canada e Messico; non sono una novità (già Bush mise i dazi sull’acciaio); e dopo 16 mesi da una campagna elettorale che ha vinto con la promessa di salvare milioni di posti di lavoro coi dazi, non poteva non fare qualcosa. Ha fatto il minimo che non ri-orienta certo la politica economica americana.

Gli strilli ed urli di Europa e Cina, improbabili demi-vierges del liberismo globale, sembrano seguire lo stesso copione gesticolatorio. Gli economisti-guru della globalizzazione ripetono su Corriere, Repubblica e talk shows, che ciò “penalizzerà il consumatore”(sic), “favorirà le rendite di posizione”; ridurrà “la produttività”, innescherà il “circolo vizioso” dei dazi, scatenando la “guerra commerciale” che inevitabilmente porta alla guerra pura e semplice,”come negli Anni Trenta”. Juncker ha toccato i vertici della comicità pulcinellesca, tuonando che “gli americani impareranno a conoscerci”, e minacciando dazi sui jeans Levi’s, sulle Harley Davidson e sul Bourbon.

Tutto ciò comincia a parere una sceneggiata pensata la platea del pubblico, gli elettorati occidentali che hanno votato “protezionista”, a cui si deve mostrare che la globalizzazione – da cui dipende la loro felicità come consumatori – è in via di riduzione e messa in pericolo dal loro voto scervellato.

Perché se è vero che la globalizzazione ci è costata milioni di posti di lavoro (di questo più avanti), è ancor più vero che nel “libero commercio mondiale” tutti gli attori giocano con le carte truccate; tutti fanno un po’ di protezionismo : da Macron che ha voluto impedire l’acquisto dei suoi cantieri navali “strategici” a Fincantieri, e con la legge Montebourg estende l’acquisto di altre industrie da parte di investitori stranieri, alla Germania che fa dumping sulle auto che vende in USA con una moneta per lei svalutata, fino all’India che il mese scorso ha alzato tariffe su 50 prodotti importati. Fino alla Cina, che è la più protezionista di tutte.

Troppo poco e troppo tardi

Il vero rimprovero da fare a The Donald sarebbe: troppo poco e troppo tardi. Perché sono stati storicamente gli Stati Uniti a voler ammettere la Cina nell’OMC (Organizzazione mondiale del Commercio) nel 2001 – per la gola che i loro capitalisti finanziari avevano dei bassi salari del paese sottosviluppato – nonostante la valuta cinese non fosse negoziabile sui mercati mondiali, per cui non si rafforza con il rafforzarsi delle esportazioni cinesi: violazione patente delle regole dell’OMC, che sarebbero valse l’espulsione, non l’ammissione, per ogni altro paese. Da allora Pechino non ha fatto che svilupparsi un’economia avanzata – ed ora avanzatissima – prima obbligando i produttori stranieri a produrre (per esempio) Golf in Cina – impose dazi del 100% sulle VW importate – , o cellulari e computer insieme a un socio cinese, se volevano venderle sul mercato interno, quindi apprendendo il know how e poi fabbricando auto cinesi per l’export concorrenziali. Poi introducendo tasse sull’importazione di prodotti nazionali come, nel 2013, di materiale ferroviario, gasdotti e installazioni solari: per cui adesso la Cina ha coperto l’Asia di treni da 300 all’ora, mentre la California sta ancora costruendo la prima ferrovia veloce tra San Francisco e Los Angeles che ha finanziato nel 2008, e concluderà le prime 119 miglia nel 2022 – restando a metà strada, visto che la distanza fra le due metropoli è 381 miglia.

Come ha scritto il saggista economico Benjamin Masse-Stamberger , “il libero scambio globale avvantaggia quelli che non lo fanno”. Gli Stati Uniti, che l’hanno fortemente voluto e imposto a noi satelliti, hanno visto in 10 anni la produzione dell’acciaio nazionale da 100 a 82 milioni di tonnellate con centinaia di migliaia posti operai perduti, mente le importazioni di acciaio estero sono aumentate del 50%.

Da qui il noto dilemma: conviene al consumatore avere auto o anche smartphone a basso costo, se le “paga” con la disoccupazione sua e dei propri figli? Che importa lo sconto sul telefonino, se non lo puoi comprare nemmeno scontato perché hai perso il reddito?

Economisti dell’Università di Yale e della Federal Reserve, in uno studio del 2013, hanno scoperto che dal 2000, il libero scambio con la Cina è costato agli Usa quasi il 30% dei posti di lavoro industriali. E che, proteggendo la propria produzione, i lavori sarebbero cresciuti del 10%.

(i posti di lavoro persi in USA per la globalizzazione)


Oh meraviglia: il protezionismo creerebbe posti di lavoro?

E’ la conclusione cui giunse Maurice Allais, l’unico Nobel francese per l’economia, in uno studio capitale del 1995. Non era una sensazione: lo dimostrò con mezzi matematici ed econometrici.

Egli constatò che, dopo una crescita continua dal 1950 al 1974, l’economia della Francia declina bruscamente. La disoccupazione, che nel periodo della prosperità precedente non superava i 600 mila, salì a tre milioni, con una forte riduzione della crescita economica. E il fenomeno riguardava sostanzialmente l’intera Europa.

E’ lo shock petrolifero, predicarono i guru dell’economia mainstream – menzogna gabellata anche a noi, con le prime ingiunzioni propagandistiche all’austerità. Invece, Allais identifica la causa nella “politica di liberalizzazione mondialista” attuata “da Bruxelles, i cui effetti sono aggravati dalla dislocazione del sistema monetario internazionale e dall’instaurazione generalizzata dei tassi di cambio fluttuanti”, ossia abbandonati ai mercati speculativi.

Maurice Allais (1911-2010)

Allais, ovviamente, protesta che mettere in competizione coi salariati dei paesi emergenti gli operai europei, che guadagnano anche 20 volte di più, ”non può che sboccare in una disoccupazione di massa, non essendo il calo così drastico dei salari né possibile né auspicabile”.

Per provarlo, Allais escogita un modello matematico per spiegare le variazioni dei tassi di disoccupazione. Egli distingue 4 origini: disoccupazione strutturale (costo del lavoro troppo elevato rispetto alla produttività), disoccupazione dovuta alle innovazioni tecnologiche, disoccupazione congiunturale, e disoccupazione da “libero scambio”

La dimostrazione di Allais

Il suo modello, che elaborò nel 1994, è stato in grado di predire la variazione dell’occupazione in Francia nei quattro anni seguenti (1995-1997), dimostrando che il 30% dei posti di lavoro perduti era sì “strutturale”, ma il 61% era dovuto al libero scambio.

Soprattutto i non qualificati ne soffrono. Allais nota anche che i poteri americani hanno scelto la regressione salariale, mentre invece quelli europei, hanno preferito – scelto con le loro politiche – la disoccupazione di massa. Naturalmente, conclude che “la libertà degli scambi non vale se non all’interno di associazioni regionali con mercati comuni e quadri di economia politica comuni”: era una raccomandazione all’Europa di Bruxelles, la quale ha risposto come sappiamo: ampliando la UE ad altri stati dell’Est, ossia mettendo in concorrenza i nostri salari coi bulgari, romeni, polacchi, slovacchi….

“ E’ interesse delle associazioni regionali – consigliava ancora Allais – proteggersi di fronte ad altre per mantenere delle attività industriali la cui scomparsa, in base a circostanze temporanee, si rivelerebbe in avvenire fondamentalmente nociva”.

Come reagirono i guru economisti e i tecnocrati e i media? Da quel momento, Allais non viene più invitato in tv. Il Nobel vivente, deve pubblicare i suoi saggi a proprie spese. Lo studio che abbiamo citato, “Maurice Allais, « La mondialisation, la destruction des emplois et de la croissance », elaborato nel ’94, è stato pubblicato dall’editore Clément Juglar, nel 2009. Il Nobel morirà un anno dopo, quasi centenario.

Nessun commento:

Posta un commento